Data Visualization

“Sonya Rapoport: bioritmo”, un ritratto del 21° secolo

La mostra Sonya Rapoport: biorhythm traccia il passaggio di Sonya Rapoport da pittrice modernista ad artista concettuale all’avanguardia, fornendo uno sguardo approfondito sulla produzione dell'artista dal 1974 al 1983, un decennio cruciale che ha segnato un importante cambiamento nel suo lavoro dalla pittura astratta all'incorporazione delle tecnologie informatiche emergenti.... READ MORE...

Raised By Google

La arebyte Gallery ha annunciato "Raised By Google", una serie di lavori dell'artista Sarah Selby, con sede a Bristol. Sarah è stata l'artista finale selezionata per hotel generation 2019, il programma annuale di sviluppo per giovani artisti della arebyte Gallery.... READ MORE...

Mind the Deep: Artificial Intelligence and Artistic Creation

La mostra "Mind the Deep: Artificial Intelligence and Artistic Creation" presenta 28 opere di 22 artisti e gruppi di artisti, insieme a dimostrazioni provenienti dalle conferenze sull’IA, per indagare quanto l’intelligenza artificiale si sia introdotta in diversi livelli e fasi della creazione artistica: sviluppo dell’idea, costruzione logica, strumenti specifici ed effetti.... READ MORE...

The Posthuman City: Climates. Habitats. Environments.

Prendendo come punto di partenza l’argomento generale di ricerca dell’NTU CCA di Singapore "Climates. Habitats. Environments.", la mostra "The Posthuman City" esamina le possibilità di una coesistenza solidale e rispettosa tra le specie e di una condivisione consapevole delle risorse.... READ MORE...

Trees of Life. Stories for a damaged Planet

Il Frankfurter Kunstverein, in collaborazione con il Senckenberg Naturmuseum, presenterà "Trees of Life - Stories for a Damaged Planet", un progetto espositivo interdisciplinare che conduce il nostro sguardo da una visione del mondo antropocentrica coltivata storicamente a una comprensione sistemica dell'uomo come parte del processo evolutivo.... READ MORE...

Estetica del tagging #4: stereotipi algoritmici. Intervista a Max Dovey

Nicola Bozzi ha intervistato Max Dovey, il cui lavoro si serve spesso di stereotipi, tag e software dal vivo: nelle sue opere l'artista inglese ha infatti provato a definire il concetto di “hipster” in modo algoritmico, a scoprire cosa rende un individuo maschio o femmina agli occhi di un computer, e a mostrare il lato umano del machine learning.... READ MORE...

Simposio

Dal 4 al 7 luglio NONE collective organizza la seconda edizione di Simposio all’interno del Villaggio ENI di Borca di Cadore (BL). L'biettivo è creare una community reale stimolando la percezione, la facoltà critica e il pensiero per provare a creare nuovi modelli per la comprensione della contemporaneità e per formulare nuovi mondi.... READ MORE...

Vertiginous Data

Il museo MMCA Seoul ha presentato "Vertiginous Data", un'acclamata mostra internazionale di media art. Facendo leva sulla miriade di modi in cui i dati vengono classificati e sistematizzati gli artisti partecipanti condividono le loro intuizioni e la visione acuta della nostra società e cultura in rapida evoluzione.... READ MORE...

Anatomy of an AI system

Simone Broglia racconta il progetto Anatomy of an AI, uno studio si compone di due parti: una mappa di 2 metri per 5, esposta al Victoria-Albert Museum di Londra nella sezione dedicata all’intelligenza artificiale, ed un saggio disponibile on line e in free download. Come recita il titolo, lo studio vuole analizzare in profondità l’intelligenza artificiale, scomponendola e mettendo in luce il legame che esiste con il mondo reale, quello della materia, della produzione, del lavoro, dello sfruttamento.... READ MORE...

The Numerical Self: un passo nella moda futuristica di Flora Miranda

L'auto-ottimizzazione e il self-tracking sono in voga da tempo; come ha notato Deborah Lupton, il movimento del Quantified Self non è solo una pratica di auto-miglioramento, ma anche un'estensione della memoria in forma computerizzata. Flora Miranda traduce i dati e l'intera idea di un corpo immateriale in abiti in stampa 3D, proiettandoci nel futuro attraverso la moda e considerando l'idea di diventare eterni online.... READ MORE...

Ryoichi Kurokawa. al-jabr (algebra)

al-jabr (algebra) è la prima mostra personale in un'istituzione Italiana dell’artista giapponese Ryoichi Kurokawa, che inaugura venerdì 14 settembre 2018 alla Galleria Civica di Modena. A cura di NODE – festival internazionale di musica elettronica e live media che si svolgerà a Modena dal 14 al 17 novembre 2018... READ MORE...

“Biorhythmic drawing”: raccogliere dati dal corpo

Le immagini dell'interno del corpo sono generate da tecnologie che tramite l'interazione di onde sonore, elettroni o onde magnetiche ci permettono di vedere in un corpo vivo, e di conseguenza modificabile e completamente controllabile. In Biorhythmic drawing l'artista Daksha Patel esplora i modi in cui i dati catturati dal corpo umano vengono visualizzati, visti e percepiti.... READ MORE...

Continuando a usare il sito, accetti l'utilizzo dei cookie tecnici presenti. <a href="https://digicult.it/privacy-disclaimer" style="color:white;">Leggi la nostra privacy policy</a> cookies policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close