The Lowry – Salford
14 / 11 / 2015 – 28 / 02 / 2016

Curatore: Lucy Dusgate

La galleria d’arte The Lowry di Salford (Inghilterra), presenta Right Here, Right Now, un’interessante nuova esposizione in grado di fornire un’istantanea stimolante di ciò che sta accadendo nel campo dell’arte digitale contemporanea.

Right Here, Right Now riunisce 16 artisti internazionali che utilizzano ed esplorano le tecnologie digitali. Insieme, affrontano la questione di come la tecnologia influisca sulle nostre vite: poco importa che avvenga tramite sorveglianza, intelligenza artificiale, voyeurismo oppure siti di incontri.

Le loro opere critiche, scherzose e illuminanti, tutte realizzate negli ultimi cinque anni, sfidano la nostra comprensione dei sistemi digitali che ci circondano, rendendo al contempo visibili quelli nascosti. Molte opere sono interattive, mentre altre trasformano dati in schermi visivi sorprendenti o in musica bizzarra: tutte ci invitano però a ripensare alle nostre vite, sempre più connesse e sistematizzate.

The Lowry 11

Il pioniere tedesco Robert Henke crea un’opera d’arte figurativa vivente di grande bellezza, dotata di un’installazione laser programmata in maniera casuale. L’artista Mishka Henner, di Manchester, elabora immagini di campi petroliferi provenienti da Google Earth per trattare le questioni di sorveglianza, proprietà e ambiente.

I pionieri britannici dell’arte digitale Thomson e Craighead dimostrano, con la loro installazione animata Corruption, che un virus informatico può essere considerato estetico. Un’altra opera, Stutterer, trascrive il genoma umano in fotografie trovate su internet e ha una durata di oltre sessant’anni

L’installazione filmica immersiva di un centro dati spagnolo, realizzata dall’artista Timo Arnall, è grande quanto un’intera sala e intende rivelare l’infrastruttura nascostadi internet e gli spazi fisici necessari all’archiviazione ‘cloud’. L’opera A Charge for Privacy di Branger_Briz esamina quanto ci sentiamo a nostro agio con la privacy, permettendo agli spettatori di ricaricare i cellulari a patto che copino le loro fotografie e le condividano con i futuri visitatori della galleria d’arte.

The Lowry 2

The Lowry 4

The Lowry 5

The Lowry 7

L’opera cinetica Snaw Fall dell studio Fuse e Darwinian Straw Mirror di Daniel Rozin permette un’interazione ludica tramite un sensore di movimento Xbox Kinect, che catapulta il pubblico all’interno dell’opera stessa. Le performance di Sergina esplorano le identità di genere al di là del fisico e la sessualità su internet

Il sound artist Ed Carter crea una sinfonia musicale a partire dai dati atmosferici raccolti all’interno di The Lowry. Il talento emergente Felicity Hammond esplora i processi di stampa e la digitalizzazione su scala architettonica con la sua Restore to Factory Settings

The Lowry 8

The Lowry 9

The Lowry 10

Sarà la prima grande mostra di The Lowry sull’arte digitale e riunirà i principali curatori digitali britannici, ciascuno dei quali ha scelto un’opera da esporre. È da notare che tutti i curatori sono donne all’avanguardia nel loro campo: fatto interessante, ma non intenzionalmente voluto. La mostra è prodotta e curata da Lucy Dusgate del Quays Culture, programmazioni digitali associate della galleria The Lowry, come parte dell’approccio creativo di The Lowry nella presentazione dell’arte all’interno dello spazio espositivo.


http://www.thelowry.com/