Un foglio di plastica elettronica, portabile, flessibile, al posto di un classico monitor di vetro. La società inglese Plastic Logic, ha recentemente annunciato lo sviluppo del più grande display plastico del mondo, del diametro di 10 pollici, in grado di renderizzare immagini attive.

Il display, che normalmente ha la risoluzione di un normale schermo di computer (100 pixels per pollice quadrato) e 4 livelli di scala di grigio, è garantito in durata e visibilità e potrà essere attaccato a piccoli devices elettronici come i telefonini o i palmari, per poi essere sconnesso quando non utilizzato.

Il display utilizza le già esistente tecnologia di inchiostratura elettronica della società E Ink, che consiste in milioni di microcapsule ognuna delle quali contiene particelle bianche caricate positivamente e particelle nere caricate negativamente, sospese in un fluido conduttore.

Applicando quindi un campo elettrico positivo le particelle nere sono attivate, mentre se si applica un campo elettrico negativo saranno quelle bianche ad essere attivate all’interno della microcapsula, in modo tale che regolando il campo elettrico e la disposizione delle particelle bianche e nere, sarà possibile ricreare una vera e propria immagine in bianco e nero.

La Plastic Logic ha inoltre trovato un modo per attaccare dei trasistors alla plastica ad alte temperature. Il sistema utilizza quindi uno speciale programma che lavora sia alla visualizzazione che alla deformazione delle immagini, aggiustando il posizionamento dei transistors, per assicurare il loro allineamento e la corretta visualizzazione delle immagini stesse . Il risultato è quindi display di circa 0.4 mm di spessore, durevole, flessibile e luminoso.

Secondo la Plastic Logic, la vera sfida è quella di abbassare i costi di fabbricazione del display, in modo tale da renderlo competitivo con le tecnologie correnti mantenendo e accrescendo la qualità tecnica del prodotto. Stando ad alcune voci pare infatti che la compagnia abbia già in produzione un display con una risoluzione di 300 pixel per pollice che sarà pronto per la metà dell’anno prossimo