Online exhibiton

Aporia è orgogliosa di annunciare il lancio di STRANGERS di Morgan Doctor, un progetto artistico telematico e transmediale che reinterpreta la classica definizione di “album” e il tradizionale ruolo della casa discografica. L’arte telematica utilizza reti di telecomunicazioni attraverso lo strumento del computer, mentre la narrativa transmediale è una tecnica di espressione di esperienze su diverse piattaforme e formati mediante l’utilizzo delle tecnologie digitali.

STRANGERS può essere meglio descritto con il neologismo di Roy Ascott Gesamtdatenwerk ovvero ‘opera totalmente digitale’, di cui tratta (con più di una strizzatina d’occhio a Richard Wagner) nel suo saggio del 1990 “Is There Love in the Telematic Embrace?”. In quello che oggi sembra una premonizione dello smartphone e dei social media, Ascott aveva previsto la comparsa di ciò che lui chiamava il “computer interpersonale”suggerendo che “noi non pensiamo, vediamo, o sentiamo in modo isolato. La creatività è condivisa, la paternità è distribuita”. Per Ascott, questo livello di collaborazione e unificazione a distanza è favorito dal principio universale dell’ amore.

Ricontestualizzati nell’era del COVID, i concetti di amore e di abbraccio telematico sono più appropriati che mai. La distanza è diventata la nuova normalità e le nuove abitudini fisiche ci estraneano perfino dai nostri amici più cari. Parliamo con le persone che ci hanno dato la vita solo attraverso la chat di Zoom, con la paura che normali dimostrazioni di affetto possano portare gravi malattie. Dall’altra parte interazioni quotidiane che in passato erano normali e potevano trasformarsi in amicizie per la vita sono ora un lontano ricordo e gli estranei che potrebbero diventare amici ci rimangono sconosciuti.

Iniziamo tutte le relazioni da estranei e, sebbene formiamo connessioni intime, ne lasciamo molte sentendoci come se, di nuovo, non ci conoscessimo. Oppure formiamo relazioni intime con persone che non conosciamo affatto e che potremmo non rivedere mai più. Siamo tutti estranei in questo mondo, ma abbiamo una profonda capacità di connessione.

STRANGERS esplora gli atti della connessione e della disconnessione e il fragile confine tra intimità ed estraneità.

Il progetto è presentato all’interno di un introspettivo e coinvolgente spazio che unisce musica, immagine e web, messaggi scritti e vocali, in cui i partecipanti sono invitati a lasciare un messaggio d’amore per un estraneo: che sia una lettera aperta all’umanità, una confessione o la verbalizzazione dei più profondi desideri dell’anima. Per ogni messaggio ricevuto, un algoritmo ad apprendimento automatico seleziona tra i messaggi inviati dagli altri partecipanti e attua uno scambio — ricompensando il partecipante con un messaggio personale da parte di un estraneo. Il tutto è realizzato in modo completamente anonimo creando un senso di intimità tra perfetti sconosciuti.


Link: https://morgandoctor.com/strangers/