Haus der Kunst – Monaco (Germania)
Spring/Summer 2024

‘’La lingua va oltre le parole, la musica oltre il suono e l’arte oltre la vita’’ —Pan Daijing

To see the world as light and energy”—Liliane Lijn

‘’Per vedere il mondo come luce ed energia’’ —Liliane Lijn

‘’Prima in punta di piedi, poi con i fianchi, le spalle e alla fine con ogni piccola parte del tuo corpo, fino all’ultimo capello moltiplicando la tua immagine negli specchi fino all’infinito[.]”—Rebecca Horn

Il programma della Haus der Kunst München per il 2024 continua il nostro processo di interconnessione e collegamento di approcci transdisciplinari, prospettive transnazionali, rivalutazione dei canoni e innovatori intergenerazionali. Continua TUNE, la serie di residenze musicali e sonore del Haus der Kunst, così come il nostro impegno nel vivere con vitalità in un modo digitale in continua crescita, per imparare e impegnarsi – tutti strumenti essenziali del programma. Il tema della voce, la colonna portante del 2023, prosegue e si espande. La lingua e i nuovi linguaggi rappresentano la fase successiva. Attraverso installazioni, oggetti motorizzati, corpi in movimenti e performatività, le visionarie artiste che inaugurano le mostre personali nel 2024 orchestrano l’interazione tra corpi, macchine, immagini in movimenti, suoni e luci in un linguaggio diverso e innovativo, che riecheggia attraverso il tempo e lo spazio. Grazie a queste artiste, la costruzione diventa il palcoscenico per le loro coreografie e con la manipolazione di questo, la trasformazione in un nuovo organismo vivente è continua. Il nostro obiettivo è di dare forma ad un’istituzione dove tutti possano capire loro stessi come comunità viva. Saremo lieti di accogliervi alla Haus der Kunst per questo viaggio. — Andrea Lissoni ed Emma Enderby.

Pan Daijing: Mute
9 marzo–14 aprile 2024
L’esibizione dal vivo racchiude coreografia, interventi architettonici, suoni e immagini in movimento. La più grande mostra personale dell’artista si presenterà come un ambiente in continua evoluzione. Il pubblico è invitato a compiere un viaggio che si estende lungo l’intera Westgalerie e gli spazi adiacenti all’interno e all’esterno dell’edificio. Con il supporto dello Y.D.C.


Luisa Baldhuber: Afterglow
23 febbraio – 15 dicembre 2024
“Afterglow” richiama il design del Giardino Inglese di Monaco e lo trasforma in un’installazione fatta di luci e di affreschi. Il contrasto tra il parco e l’architettura del Haus der Kunst costituisce la base di questa installazione site-specific e site-responsive.

Liliane Lijn: Arise Alive


5 aprile-22 settembre 2024
Si tratta della prima mostra personale istituzionale di questo calibro per Lijn dove saranno esposti i suoi lavori: dipinti, disegni, sculture, lavori cinematografici e installazioni. Sarà possibile osservare i suoi lavori partendo dalla fine degli anni ‘50 fino ai giorni nostri, mostrando il suo modo di sperimentare e di raffigurare riflesso, movimento, onde elettromagnetiche, vibrazione, luce e suono.

La mostra è in collaborazione con il mumok—Museum moderner Kunst Stiftung Ludwig Wien.

Rebecca Horn
26 aprile–13 ottobre 2024

La mostra è incentrata sulla performatività, partendo dalle prime opere dell’artista su carta negli anni ‘60, le performance e i film iniziali degli anni ‘70, le sculture meccaniche degli anni ‘80 e le installazioni spaziali degli anni ‘90 fino ad ora. Horn descrive la sua pratica artistica come connessioni calcolate attentamente di spazio, luce, fisicità, suono e ritmo che si uniscono per creare un insieme. La mostra è sovvenzionata dalla German Federal Cultural Foundation.

Samaneh Atef—Belén Sánchez—Desmond Tjonakoy: euward9
17 maggio–14 luglio 2024

La Haus der Kunst darà il benvenuto ai vincitori degli euward European Award for Painting and Graphic Arts: Samaneh Atef, Belén Sánchez e Desmond Tjonakoy. Dal 2000, la Augustinum Foundation ha assegnato i premi ogni tre anni ad artisti con disabilità intellettive e dello sviluppo per aiutarli ad acquisire visibilità e riconoscimento nel mondo dell’arte.

TUNE

Tutto l’anno
TUNE, una serie di brevi residenze del suono, esplora l’incontro tra suono, musica e arte visuale. Il programma per il 2024 si spazia tra macro e micro esperienze di suono, dallo spirituale al materiale e dall’eternità al presente. Tra gli artisti invitati nel 2024, saranno presenti Ellen Arkbro, Marcus Pal, Meredith Monk, Puce Mary, Leila Boudreuil, Jim C. Nedd, Slauson Malone 1, Tabitha Thorlu-Bangura, Hanne Lippard, Pavel Milyakov, FUJI|||||||||||TA e Jana Winderen.


www.hausderkunst.de