Arte

Guido Segni – Fino alla Fine

Venerdì 1 febbraio alle ore 19.30, nell'ambito di ART CITY Segnala 2019 in occasione di Arte Fiera, Adiacenze inaugura la mostra di Guido Segni “Fino alla fine” a cura di Alessandra Ioalè e Marco Mancuso.... READ MORE...

FANTOMOLOGIA. Dal micro al macro ai fenomeni del reale

Dal 31 gennaio al 6 aprile 2019 CUBO promuove la seconda edizione di das - dialoghi artistici sperimentali, la rassegna dedicata al dialogo artistico e culturale sui temi della contemporaneità, che nasce come territorio di confronto – di contenuti, tecniche, stilemi – fra i maestri dell’arte contemporanea, già storicizzati, ed esponenti della new generation. Il progetto “FANTOMOLOGIA. Dal micro al macro ai fenomeni del reale” a cura di Marco Mancuso, Daniela Tozzi e Ilaria Bignotti - presentato quest’anno per das - si articola attraverso due differenti linee di azione. Da un lato suggerisce una possibile evoluzione della proposta artistica di CUBO, che prosegua la ricerca condotta negli ultimi anni e induca un’analisi più profonda sul rapporto tra tecnologia, indagine scientifica e dialogo identitario tra l’essere umano e l’ambiente che lo circonda. Dall’altro, decostruisce le modalità espositive classiche dell’arte contemporanea e di narrazione della New Media Art, muovendosi in maniera fluida tra elementi installativi, restituzioni performative e apparati teorici e dialogici. Fantomologia è il lemma coniato dallo scrittore e futurologo polacco Stanislaw Lem nel suo Summa Technologiae del 1964. L’intera rassegna vuole osservare l’ambiente secondo 4 punti di vista diversi: - L’ambiente Tecnologico e il flusso di dati sopra di noi, che ci sovrasta - L’ambiente Sub-Atomico che ci sottende, ciò di cui ogni cosa è costituita - L’ambiente Fenomenologico che ci circonda, il livello invisibile in cui siamo immersi - L’ambiente Urbano e Architettonico, che cresce intorno a noi, la sua complessità strutturale e sociale Gli artisti chiamati a interpretare questi 4 concetti sono Ugo La Pietra, storico protagonista dei linguaggi radicali, della cultura architettonica, urbana e del design italiano in dialogo con il media artist britannico Stanza e il duo bielo/russo (oppure sovietico perché bielo da solo non ha significato) di science artist Evelina Domnitch e Dmitry Gelfand. Le Immersioni e Il Commutatore di Ugo La Pietra dialogano con l’ambiente tecnologico dell’installazione The Nemesis Machine – From Metropolis to Megalopolis to Ecumenopolis di Stanza e con quello subatomico della live performance Force Field del duo formato costituito da Evelina Domnitch e Dmitry Gelfand, trasformando gli spazi di CUBO in un universo in costante mutamento, un luogo che sia al contempo contenitore dell’opera e parte attiva dell’opera della stessa, in cui il pubblico viene chiamato a riflettere sulla potenza dei cambiamenti tecnologici e l’impatto che questi hanno sulla vita di ogni giorno dal punto di vista sociale, architettonico e delle comunicazioni; al contempo il progetto indaga anche la potenza espressiva della natura e la sua spontanea capacità di composizione formale, estetica e percettiva. Da una parte Stanza con la sua installazione The Nemesis Machine rappresenta la complessità di una città; è una mini metropoli meccanica che monitora i comportamenti, le attività e le informazioni mutevoli del mondo che ci circonda utilizzando dispositivi in rete e informazioni provenienti da Bologna trasmesse elettronicamente attraverso internet in tempo reale. Dall'altra, Domnich e Gelfand con Force Field, live audio-video immersivo, descrivono una contaminazione suono-immagine al punto di intersezione tra arte, musica, performance e fenomenologia della scienza. In Force Field delle gocce d’acqua vengono fatte levitare per mezzo di una serie di frequenze sonore che consentono alle molecole costituenti di risuonare, vaporizzare e cambiare la forma dei loro conglomerati riassemblandosi in una serie di sferoidi, toroidi e poligoni in costante oscillamento e rotazione. Di Ugo La Pietra saranno presentati lle Immersioni – Caschi sonori (dal 1967), e il Commutatore (1970). Come suggerisce il loro nome, nei Caschi sonori il fruitore vi entra con la testa e parte del corpo, provando una esperienza di isolamento e di immersione sensoriale, trovandosi all’interno un ambiente sonoro; il Commutatore, realizzato nel 1970, è sintesi e fulcro di tutte le ricerche condotte da La Pietra sull’ambiente urbano, un “semplice piano inclinato” che ciascuno può portare con sé in giro per la città: appoggiandoci su di esso con il nostro corpo, e variandone l’inclinazione, la nostra prospettiva sull’urbano cambia ogni volta. Infine, nello spazio della Mediateca saranno proiettati video appositamente realizzati dall’Archivio dell'artista con materiali storici e molti dei quali inediti; i tavoli interattivi poi conterranno digitalizzati i risultati di alcuni workshop condotti da La Pietra sulla relazione tra fruitore e spazio urbano, nello specifico focalizzati sulla riscrittura della mappa della città di Milano; infine, il percorso espositivo è completato dal film, mai proiettato sinora e realizzato da La Pietra nel 2015, dal titolo Progetto disequilibrante, volto a ripercorrere le fasi salienti della sua ricerca. La rassegna das CUBO sceglie come momento inaugurale la settimana dell’arte contemporanea a Bologna e comprende una serie di appuntamenti sperimentali per tutte le età a confermare la sua versatilità: Giovedì 31 gennaio 18:00/ Inaugurazione FANTOMOLOGIA Venerdì 01 febbraio 16:00/ Laboratorio teen PLAY-MAKERS/THE NEMESIS PINS in collaborazione con Fablab Bologna. 18:30/ Talk L’AMBIENTE FENOMENOLOGICO: UNA ENERGIA INVISIBILE. Immersioni e Fenomeni dell’arte contemporanea, partecipano Ariane Koek, Alfredo Cramerotti e Ugo La Pietra, moderano Marco Mancuso e Ilaria Bignotti Sabato 02 febbraio 16:00/ Laboratorio junior LA CITTÀ DI CARTA/AMBIENTAZIONE URBANA in collaborazione con Articolture 18:00/ Experience workshop LE IMMERSIONI COME ESPERIENZA. Due momenti generati da Le immersioni di Ugo La Pietra con Lucia Longhi e Matteo Galbiati, in collaborazione con Espoarte Magazine. 21:30/ Live performance FORCE FIELD L’ambiente subatomico, di Evelina Domnitch e Dmitry Gelfand, Italian première in Unipol Auditorium. Domenica 03 febbraio 17:30/ MEET THE ARTIST con Evelina Domnitch e Dmitry Gelfand, introduce Marco Mancuso Mercoledì 20 marzo 17:30/ Talk L’AMBIENTE ARCHITETTONICO E SOCIOLOGICO: IL DATO SENSIBILE. Nuove strutture urbane, culturali e sociali, partecipano Bertram Niessen, Salvatore Di Dio, Paolo Rigamonti, modera Daniela Tozzi CUBO è il museo d'impresa del Gruppo Unipol, uno spazio dove la cultura viene condivisa. Raccontiamo il patrimonio, la storia di Unipol e il ruolo sociale dell'assicurazione con il linguaggio della cultura e dell'arte, consapevoli che la cultura è il principale strumento di sviluppo, inclusione e dialogo sociale. Biografie Ugo La Pietra Nato a Bussi sul Tirino (Pescara) nel 1938, originario di Arpino (Frosinone), vive e lavora a Milano, dove nel 1964 si laurea in Architettura al Politecnico. Architetto di formazione, artista, cineasta, editor, musicista, fumettista, docente, dal 1960 si definisce ricercatore nel sistema della comunicazione e delle arti visive, muovendosi contemporaneamente nei territori dell’arte e del progetto. Instancabile sperimentatore, ha attraversato diverse correnti (dalla Pittura segnica all’arte concettuale, dalla Narrative Art al cinema d’artista) e utilizzato molteplici medium, conducendo ricerche che si sono concretizzate nella teoria del “Sistema disequilibrante” – espressione autonoma all’interno del Radical Design – e in importanti tematiche sociologiche come “La casa telematica” (MoMA di New York, 1972 – Fiera di Milano, 1983), “Rapporto tra Spazio reale e Spazio virtuale” (Triennale di Milano 1979, 1992), “La casa neoeclettica” (Abitare il tempo, 1990), “Cultura Balneare” (Centro Culturale Cattolica, 1985/95). Ha comunicato il suo lavoro attraverso molte mostre in Italia e all’estero, e in diverse esposizioni alla Triennale di Milano, Biennale di Venezia, Museo d’Arte Contemporanea di Lione, Museo FRAC di Orléans, Museo delle Ceramiche di Faenza, Fondazione Ragghianti di Lucca, Fondazione Mudima di Milano, Museo MA*GA di Gallarate. Da sempre sostiene in modo critico con opere e oggetti, con l’attività teorica, didattica ed editoriale la componente umanistica, significante e territoriale del design. STANZA Stanza è un artista riconosciuto a livello internazionale, che espone in tutto il mondo sin dal 1984. Le opere di Stanza si focalizzano sul sistema partecipativo delle “città”, che dà forma a una serie di domande nell’ambito del suo lavoro aprendo conversazioni sulle politiche dello “spazio”: urbano, tecnologico, sociale. Nelle sue opere, Stanza presenta la città come un sistema di controllo e molti suoi progetti artistici sono realizzati utilizzando dati ambientali in tempo reale, dati di sorveglianza e sicurezza, notizie e sistemi di informazione in diretta e inseriti in quella che oggi viene definita Internet of things. Le opere di Stanza sono state premiate con riconoscimenti prestigiosi come il Nesta Dreamtime Award o l’Arts Humanities Creative Fellowship. Tra le tante commissioni, si ricorda quella per la Wolverhampton Art Gallery, il Watermans Art Centre, FACT, e l’Open Data Institute. I suoi lavori sono stati esposti, tra gli altri presso la Biennale di Venezia, il Victoria Albert Museum, la Tate Britain, Bruges Museum, TSSK Norway, State Museum, Novorsibirsk, la Biennale di Sydney, il Museo Tamayo Arte Contemporáneo Mexico, Plymouth Arts Centre, ICA London. Evelina Domnitch, Dmitry Gelfand Dmitry Gelfand (Nato nel 1974, San Pietroburgo, Russia) ed Evelina Domnitch (n. 1972, Minsk, Bielorussia) creano ambienti sensoriali immersivi che uniscono la fisica, la chimica la computer science con la pratica filosofica. Allo scopo di lavorare sui processi scientifici specifici, gli artisti collaborano con vari istituti di ricerca scientifica, inclusi il Drittes Physikalisches Institut (Goettingen University, Germania), l’Institute of Advanced Sciences and Technologies (Giappone), il Ricso Lab (Russia) e il Meurice Institute (Belgio). Avendo completamente abbandonato l’uso di media digitali, di registrazione e di manipolazione del suono e dell’immagine, Domnitch e Gelfand creano installazioni che si comportano come ecosistemi viventi i cui fenomeni in constante trasformazione offrono diversi punti di osservazione agli spettatori. I CURATORI Marco Mancuso Marco Mancuso è critico, curatore, docente ed editore indipendente che focalizza la sua ricerca sull’impatto delle tecnologie e della scienza sull’arte, il design e la cultura contemporanea. Fondatore e direttore dal 2005 della piattaforma Digicult, insegna Fenomenologia dell’Arte Contemporanea e Culture Digitali alla NABA e allo IED di Milano e Sistemi Editoriali per l’Arte all’Accademia G. Carrara di Belle Arti di Bergamo. Tiene conferenze e prende parte a tavole rotonde sulla relazione tra creatività, società e tecnologie emergenti e su come il mercato dell’arte contemporanea stia cambiando in relazione al rapporto con l’industria e con le piattaforme digitali. È stato partner dei principali festival nazionali e internazionali di New Media Art, ha curato importanti eventi e mostre e attualmente collabora con lo spazio curatoriale Adiacenze di Bologna. È autore del libro “Arte, Tecnologia e Scienza. Le Art Industries e i nuovi paradigmi di produzione nella New Media Art contemporanea” per Mimesis Edizioni ed è dottorando di ricerca presso l’Università IUAV di Venezia. Ilaria Bignotti USATE QUELLA CHE VI HO MANDATO RIVISTA NEL MIO COMUNICATO CORRETTO precedentemente grazie Nata a Brescia nel gennaio 1979, è Dottore di ricerca in Teorie e Storia delle Arti, storico dell'arte, critico e curatore indipendente. Coordinatore scientifico e Curatore per l’Archivio Paolo Scheggi, Milano.,Direttore scientifico del Francesca Pasquali Archive, Bologna, Responsabile Progetti Speciali e Curatore Scientifico dell'Archivio Antonio Scaccabarozzi, Milano è docente a contratto all’Accademia di Belle Arti “SantaGiulia” di Brescia e Coordinatore di ambito disciplinare per le Scuole di Pittura e Scultura. È nel Comitato scientifico del “MoRE Museum-museum for refused and unrealised art projects”, museo online volto alla individuazione, alla raccolta, alla catalogazione e alla digitalizzazione di progetti artistici rifiutati o non realizzati del XX e XXI secolo. Lavora con Musei, Istituzioni e Fondazioni, tra i quali Shenzhen Biennale, Shenzhen; Beijing Minsheng Art Museum, Pechino; Museum of Contemporary Art, London; Museum of Contemporary Art, Zagreb; Art Museum, Cluj Napoca; Guggenheim Collection, Venezia; Centro per l'arte contemporanea “Luigi Pecci”, Prato; Fondazione “Bevilacqua La Masa”, Venezia; Centro Internazionale d’arte e di cultura di Palazzo Te, Mantova; Museo di Palazzo Ducale, Mantova; MAR-Museo d'Arte della Città di Ravenna; Museo d’Arte Contemporanea, Lissone. Ha scritto decine di saggi, monografie e cataloghi di mostre dedicate alle aree di ricerca che si concentrano sull’arte europea del secondo dopoguerra, con particolare attenzione alle indagini spazialiste e post-spazialiste, programmate e cinetiche; al dialogo e agli scambi tra l'Europa occidentale e i Paesi Balcanici, approfonditi attraverso una lunga esperienza di residenze di studio e di curatela, tuttora in corso, al Museo di Arte Contemporanea a Zagabria. Altre aree di ricerca afferiscono al rapporto tra ricerche artistiche, società e politica, indagando in questa direzione le relazioni tra arte, ambiente, processualità e resilienza. Tra i più recenti progetti, il Catalogue Raisonné dedicato ad Antonio Scaccabarozzi; due mostre personali in occasione dei dieci anni dalla scomparsa di Scaccabarozzi, alla Galleria 10A.M. Art, Milano, e al Museo di Arte Contemporanea di Lissone, e le collettive “Generations” e “Nancy Genn. Living Painting” alla Galleria Marignana Arte, Venezia;, la collaborazione per l’Archivio Paolo Scheggi a “Tutto. Prospettive sull’arte italiana” al Museion di Bolzano e alla Sammlung Goetz Collection di Monaco; la mostra dedicata ai progetti artistici non realizzati degli artisti croati, al Museo di Arte Contemporanea di Zagabria in Novembre. In programma per la primavera 2019, la personale dedicata a Ivan Picelj alla Cortesi Gallery di Milano, in collaborazione con l’Archivio Picelj e il Museo di Arte Contemporanea di Zagabria. Daniela Tozzi Daniela Tozzi è direttore artistico dello spazio curatoriale Adiacenze di Bologna. Dal 2006 inizia il suo percorso professionale in ambito artistico lavorando per sei anni presso la OTTO Gallery di Bologna. Nel 2010 insieme ad Amerigo Mariotti fonda Adiacenze, spazio curatoriale di sperimentazione artistica selezionato nel 2018 per fare parte della piattaforma “I luoghi del contemporaneo”, progetto promosso dalla Direzione Generale Arte e Architettura contemporanee e Periferie urbane del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali. In Adiacenze si dedica alla curatela delle mostre con particolare attenzione all’ambito produttivo e organizzativo dei progetti. Parallelamente si occupa della comunicazione, dell’ufficio stampa e affianca gli artisti nella redazione dei testi critici dei progetti espositivi e dei propri materiali di presentazione. Dal 2014 si dedica all’ideazione di workshop e laboratori per artisti e curatori proponendo progetti multidisciplinari che toccano il campo artistico in generale.... READ MORE...

“Dancing with Witches”: una misteriosa mostra digitale

Il 16 gennaio il British Council ha lanciato Dancing with Witches, la terza edizione della sua piattaforma di arti digitali Museum without Walls. Ad opera della curatrice turca Mine Kaplangı unisce per la prima volta opere di artisti turchi contemporanei al fianco di una selezione di opere d’arte appartenenti al British Council Collection.... READ MORE...

“Amos’ World: Episode Three” di Cecile B. Evans al Museo Madre

Il Madre, museo d’arte contemporanea Donnaregina della regione Campania ha presentato l’anteprima italiana dell’ultimo episodio della trilogia Amos’s World – Amos’ World (Episode Three) – dell’artista Cécile B. Evans (Cleveland,1983). Durante la mostra, curata da Cloé Perrone, il film, concepito dall’artista come una fiction televisiva, verrà presentato all'interno di una scenografia che comprenderà una serie di posti a sedere scultorei.... READ MORE...

International Film Festival Rotterdam 2019

L’International Film Festival Rotterdam ha sempre celebrato le modalità con cui arte e cinema si intersecano. Ogni anno, il festival comprende mostre, performance e proiezioni di film d’artista e video sul grande schermo. Giunta alla sua 48esima edizione nel 2019, l’immagine in movimento d'artista ricopre un ruolo centrale inedito all'interno della programmazione del festival.... READ MORE...

Elizabeth Price

Elaborata in risposta all’architettura e alla storia passata della Walker’s Perlman Gallery, la personale dell'artista londinese Elizabeth Price (Regno Unito, 1966) comprende le due nuove opere FELT TIP e KOHL (entrambe del 2018), che decretano le prime commissioni dell’artista per un museo degli Stati Uniti.... READ MORE...

What Ought to Be Done? Il lavoro e la vita di Harun Farocki

In seguito alle mostre di Philippe Garrel– A Dazzling Despair (2015) e di Jonas Mekas– Again, Again, It All Comes Back to Me in Brief Glimpses (2017), il Museo Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea della Corea (MMCA) è lieto di presentare il lavoro di Harun Farocki (1944-2014). Offrendo delle visioni sul modo in cui le immagini sono utilizzate per comprendere e controllare il mondo, Farocki critica la violenza dei media e della tecnologia industriale nei confronti dell’umanità.... READ MORE...

Nelmarie du Preez, Atmosphere for Anticipation

RIBOT presenta la prima mostra personale in Italia di Nelmarie Du Preez (Pretoria – Sudafrica, 1985, vive e lavora a Pretoria) curata da Maria Villa. Una selezione di lavori recenti che trasporta lo spettatore in un universo alternativo, costellato da dispositivi robotici che analizzano e mettono in discussione il rapporto tra uomo e tecnologia.... READ MORE...

Una riflessione sull’immagine. Intervista con Lesley Johnstone

Reflection è una serie di discussioni con curatori, filosofi, artisti e professionisti del settore culturale sull’immagine presa nel suo senso più ampio. Se pensiamo alla creazione delle immagini, la diffusione di queste e il loro rispecchiare la società, cogliamo il cuore pulsante dell’arte contemporanea. Per fare ciò, utilizzeremo mostre, pubblicazioni ed eventi culturali come materiale per cominciare la discussione. Per questa prima edizione, il nostro collaboratore Pierre Chaumont incontra Lesley Johnstone, curatrice e direttrice delle esposizioni e del settore dell’istruzione al Musée d'art contemporain de Montréal, per la loro nuova esposizione Manifesto di Julian Rosefeldt in mostra fino al 20 gennaio 2019. ... READ MORE...

6^ Biennale di Atene: ANTI

La Biennale di Atene: ANTI annuncia la sua sesta edizione 2018 curata da Stefanie Hessler, Kostis Stafylakis e Poka-Yio e realizzata in collaborazione con Onassis Culture. Gli artisti protagonisti dell’ANTI popolano il centro di Atene offrendoci un distinto quadro, idiosincrasico e complesso, dell’attuale realtà politica, sociale e culturale.... READ MORE...

Robot creativi al Patchlab Festival

L’intelligenza artificiale sa anche essere creativa? Il suo sviluppo porterà a un cambiamento radicale nella definizione di un opera d'arte? La settima edizione Patchlab Digital Art Festival “ARTBOTS” offrirà l’opportunità di immergersi in un mondo sempre più ricco di algoritmi intelligenti e di macchine con potenziale creativo.... READ MORE...

Strange Days: Memories of the Future

Una mostra al The Store X di Londra, a cura di Massimiliano Gioni ed Edlis Neeson, Direttore Artistico del New Museum e in collaborazione con The Vinyl Factory, analizza come le immagini possano plasmare i ricordi e anticipare visioni di ciò che il futuro ci può riservare attraverso il lavoro di 21 artisti e registi di fama mondiale.... READ MORE...

“The Humans”: una collettiva sul nostro rapporto con i media

In un momento in cui i canali di informazione si moltiplicano, ma perdono sempre più la loro influenza, gli artisti assumono il ruolo di testimoni contemporanei in un panorama mediatico in costante cambiamento. The Humans esplora il modo in cui gli artisti si immergono in realtà inaccessibili ai media tradizionali, interrogandosi su come trattiamo con le persone ai margini della società e sul nostro atteggiamento nei confronti delle migrazioni globali.... READ MORE...

Hito Steyerl presenta in anteprima a Torino “The City of Broken Windows”

Concentrandosi sul ruolo dei media e sulla circolazione delle immagini nell'era digitale, il nuovo progetto di Steyerl offrirà un'intrigante prospettiva su come l'IA influenzi il nostro ambiente urbano e su come possano emergere pratiche alternative. Chris Toepfer, protagonista del nuovo lavoro, occluderà le finestre del Castello di Rivoli con delle pitture a trompe l'oeil.... READ MORE...

Extra States: Nations in Liquidation

La mostra Extra States si propone come specchio delle attuali manifestazioni dello stato, tracciando la disintegrazione dei moderni stati nazionali, ormai un concetto liquido, fluido e opaco, e interrogandosi su cosa viene oltre e accanto allo stato in una contemporaneità globalizzata.... READ MORE...

Continuando a usare il sito, accetti l'utilizzo dei cookie tecnici presenti. Leggi la nostra privacy policy cookies policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close