02 / 02 / 2018 – 15 / 03 / 2018

A cura di Marco Mancuso

Adiacenze – Bologna


In occasione di Arte Fiera 2018 a Bologna, Adiacenze ha inaugurato “Click Clack”, la prima personale mai prodotta delle installazioni cinetiche e interattive dell’artista e regista Virgilio Villoresi. A cura di Marco Mancuso, critico, curatore e direttore di Digicult, la mostra intende portare alla luce una parte poco conosciuta della produzione di uno degli artisti più eclettici e originali del panorama italiano e internazionale.

Testo critico: “CLICK CLACK. Le installazioni cinetiche di Virgilio Villoresi”

Opere in mostra: “Danse Macabre” (2016), l’opera che dà il titolo all’intera mostra “Click Clack” (2014), “Faire de son mieux” (2014), “Figlio e Padre” (2014), “Trompe-l’oeil” (2016), “Virgilio’s Zoetrope” (realizzata per gli spazi di Adiacenze, 2017).

Regista e scenografo, artigiano e illusionista, Virgilio Villoresi (Fiesole, 1979) è ormai da anni uno dei talenti riconosciuti nel campo dell’animazione applicata all’arte, alla pubblicità e ai videoclip musicali. Il suo stile autoriale, colto, elegante e ricco di fantasmagorie visive, si colloca in un preciso percorso di evoluzione storico-artistica di linguaggi e ricerche nel campo del cinema sperimentale: dai processi di sintesi alchemica di Harry Smith, all’ontologia strutturale di Jonas Mekas, dall’arte del riciclo di Jack Smith, ai rituali magici di Kenneth Anger.

Allestiti presso gli spazi di Adiacenze a Bologna come bellissime opere di retro-design, le installazioni di Virgilio Villoresi trasformano lo spazio espositivo in un ambiente magico in cui lo spettatore è chiamato a immergersi per comprendere il linguaggio espressivo dell’artista da un lato e scoprire, dall’altro, la componente primaria del meccanismo di percezione delle immagini in movimento.