Dal 2005 Digicult è una delle principali piattaforme internazionali che osservano l'impatto delle tecnologie e della scienza sull'arte, il design e la cultura contemporanea.

Il comune di Fermo presenta il Festival della Scienza FermHAmente

Il Festival della Scienza FermHAmente rappresenta l’opportunità di fruire in modo inusuale dei beni culturali, nell’ottica di una reciproca valorizzazione tra eccellenze scientifiche e patrimonio storico-artistico. Organizzato da Labilia, ha nella direzione scientifica Andrea Capozucca. Partner internazionale del festival e tra i leader mondiali del movimento STEAM è Experice Workshop, fondato da Kristóf Fenyvesi. Intervista di Giada Totaro... READ MORE...

Estetica del tagging #6: rappresentazione memetica. Intervista ad ANON

Il progetto #AltWoke nasce dagli sforzi di un collettivo eterogeneo chiamato ANON che comprende teorici, attivisti, artisti e anche sex workers. Il manifesto combina un gusto per questioni filosofiche complesse con una forte enfasi sul potere della cultura pop, specialmente di stampo afroamericano. L'intervista di Nicola Bozzi... READ MORE...

Estetica del tagging #4: stereotipi algoritmici. Intervista a Max Dovey

Nicola Bozzi ha intervistato Max Dovey, il cui lavoro si serve spesso di stereotipi, tag e software dal vivo: nelle sue opere l'artista inglese ha infatti provato a definire il concetto di “hipster” in modo algoritmico, a scoprire cosa rende un individuo maschio o femmina agli occhi di un computer, e a mostrare il lato umano del machine learning.... READ MORE...

Mario Savini: Arte transgenica. La vità è il medium

A cosa ci riferiamo quando parliamo di arte transgenica? In questo panorama spinoso, che più di tutti lega a doppio filo arte e scienza, filosofia e biotecnologie, questioni giuridiche e tabù ancestrali cerca di fare ordine il libro di Mario Savini “Arte transgenica: la vita è il medium”, edito nel 2018 da Pisa University Press.... READ MORE...

transmediale: nuovo Direttore Artistico – deadline: 06/01/19

La responsabilità centrale del Direttore Artistico del festival transmediale è la formulazione della visione storica del festival e la sua implementazione a livello strutturale e contenutistico. La posizione richiede l'abilità nel esaminare criticamente quei topic al punto di intersezione tra arte, tecnologia, scienza e società.... READ MORE...

Digicult Agency cura mostre, eventi, workshop, attività di formazione, pubblicazioni, lecture e incontri, fornendo consulenza per la comunicazione e strumenti per il digital publishing.

Digimag Journal è una pubblicazione interdisciplinare che racchiude articoli e saggi di elevato standard che si focalizzano sull’impatto delle tecnologie e degli sviluppi scientifici più avanzati sull’arte, il design e la società contemporanea.

Digicult Editions is a publishing initiative whose goal is to be active in the publication of the Digimag Journal and critical and theoretical books. Digicult Edition uses all the tools of a contemporary digital publishing.

Ultimi post

Raised By Google

La arebyte Gallery ha annunciato "Raised By Google", una serie di lavori dell'artista Sarah Selby, con sede a Bristol. Sarah è stata l'artista finale selezionata per hotel generation 2019, il programma annuale di sviluppo per giovani artisti della arebyte Gallery.... READ MORE...

Masculinities: Liberation through Photography

"Masculinities: Liberation through Photography" è un’importante mostra collettiva che esplora il modo in cui la mascolinità è vissuta, rappresentata, codificata e costruita socialmente, come è espressa e documentata attraverso la fotografia e il cinema dagli anni Sessanta a oggi.... READ MORE...

Il comune di Fermo presenta il Festival della Scienza FermHAmente

Il Festival della Scienza FermHAmente rappresenta l’opportunità di fruire in modo inusuale dei beni culturali, nell’ottica di una reciproca valorizzazione tra eccellenze scientifiche e patrimonio storico-artistico. Organizzato da Labilia, ha nella direzione scientifica Andrea Capozucca. Partner internazionale del festival e tra i leader mondiali del movimento STEAM è Experice Workshop, fondato da Kristóf Fenyvesi. Intervista di Giada Totaro... READ MORE...

“The Redaction Trilogy”: Kennedy Browne a Dublino

La Hugh Lane Gallery presenta "The Redaction Trilogy", la prima mostra personale in Irlanda nata dal progetto collaborativo Kennedy Browne (Gareth Kennedy e Sarah Browne). Il loro lavoro collaborativo pone alcune domande tempestive e urgenti riguardo l’interazione tra tecnologia, ideologia e politica in questo contesto.... READ MORE...

Mind the Deep: Artificial Intelligence and Artistic Creation

La mostra "Mind the Deep: Artificial Intelligence and Artistic Creation" presenta 28 opere di 22 artisti e gruppi di artisti, insieme a dimostrazioni provenienti dalle conferenze sull’IA, per indagare quanto l’intelligenza artificiale si sia introdotta in diversi livelli e fasi della creazione artistica: sviluppo dell’idea, costruzione logica, strumenti specifici ed effetti.... READ MORE...

Sound Art?

La Fundació Joan Miró presenta "Sound Art?", un’esposizione che rivaluta il concetto di suono nell’arte e prende in considerazione la possibilità di questa categoria. La mostra, sponsorizzata dalla BBVA Foundation, è impostata come un viaggio che traccia l’impronta dell’elemento sonoro nelle arti visive del XX secolo con a capo Arnau Horta, direttore.... READ MORE...

The Posthuman City: Climates. Habitats. Environments.

Prendendo come punto di partenza l’argomento generale di ricerca dell’NTU CCA di Singapore "Climates. Habitats. Environments.", la mostra "The Posthuman City" esamina le possibilità di una coesistenza solidale e rispettosa tra le specie e di una condivisione consapevole delle risorse.... READ MORE...

Master Digital Exhibit Iuav

Iscrizioni entro il 10 gennaio 2020, ore 12.00 Il master MDE (Master Digital Exhibit) giunge alla sua quinta edizione: docenti internazionali, tirocini in tutto il mondo, collaborazioni con musei e istituzioni. Responsabile scientifico: Cristin... READ MORE...

The Extended Mind / Walk, Hands, Eyes (Edimburgo)

La Talbot Rice Gallery e l'Università di Edimburgo sono orgogliose di presentare la mostra "The Extended Mind" e "Walk, Hands, Eyes (Edimburgh)" di Myriam Lefkowitz, una performance unica nel suo genere che coinvolge tutta la città. La Talbot Rice Gallery mira a svelare il potenziale delle università per contribuire all'arte contemporanea, con entrambi i progetti radicati nella ricerca dal nome History of Distributed Cognition (2014-18).... READ MORE...

Floraphilia. Revolution of Plants

La mostra "Floraphilia. Revolution of Plants", a cura di Aneta Rostkowska, libera il mondo vegetale dal contesto reazionario di riviste di interior design e di eco-trend, rivelando il suo potenziale emancipatorio, che può portare a una trasformazione sociale.... READ MORE...

Alla scoperta delle culture digitali e creative al KIKK Festival 2019

Il programma del Kikk Festival prevede un’ampia scelta di presentazioni con più di 50 oratori da tutto il mondo. In un itinerario cittadino, la nona edizione del festival include installazioni mozzafiato sparse per tutta la città: esporrà nuove tecnologie e celebrerà tutti i loro aspetti, dall’arte e design all’architettura, al media 2.0, all’universo della scienza e addirittura al business.... READ MORE...

False Spaces

Il Tokyo Arts and Space (TOKAS) presenta la media art proveniente sia dal Giappone che da Hong Kong attraverso "False Spaces", una mostra che studia non solo gli spazi fisici, geografici, ma anche gli spazi che appaiono nella nostra immaginazione.... READ MORE...

Shan Shui – Nature Oppressed 

La mostra "Shan Shui - Nature Oppressed" intende mostrare come le vedute della natura sviluppata nell’Asia orientale, siano basate sulla tradizione di editare e opprimere la natura in modo sfaccettato, anche se sono state considerate nature-friendly. L’esibizione punta, inoltre, a distruggere l’antico pregiudizio di natura dualistica e la fede cieca – come si vede nelle idee di oriente contro occidente, naturalismo contro umanesimo.... READ MORE...

Estetica del tagging #6: rappresentazione memetica. Intervista ad ANON

Il progetto #AltWoke nasce dagli sforzi di un collettivo eterogeneo chiamato ANON che comprende teorici, attivisti, artisti e anche sex workers. Il manifesto combina un gusto per questioni filosofiche complesse con una forte enfasi sul potere della cultura pop, specialmente di stampo afroamericano. L'intervista di Nicola Bozzi... READ MORE...

Continuando a usare il sito, accetti l'utilizzo dei cookie tecnici presenti. Leggi la nostra privacy policy cookies policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close