Dal 2005 Digicult è una delle principali piattaforme internazionali che osservano l'impatto delle tecnologie e della scienza sull'arte, il design e la cultura contemporanea.

Fiona Tan: Mountains and Molehills

La mostra si focalizza su Gray Glass (2020) e Inventory (2012), e la nuova opera Footsteps (2022), che Fiona Tan ha realizzato sotto richiesta di Eye. Queste installazioni video esplorano la connessione fra paesaggio, ambiente e umanità, così come la relazione fra immagine, il suo creatore e lo spettatore. Per Tan, il tempo è al contempo mezzo e veicolo. È una materia che studia, informa e sviluppa in opere d’arte – spesso in combinazione con immagini ferme e in movimento. In aggiunta, l’artista analizza alle modalità di percezione e rappresentazione con occhio critico, ma anche poetico.... READ MORE...

Digimag Journal è la nostra pubblicazione online che racchiude articoli, interviste e saggi che si focalizzano sull’impatto delle tecnologie e della ricerca scientifica sull’arte, il design e la cultura contemporanea.

Digicult Editions è la nostra casa editrice il cui obiettivo è di essere attiva nella pubblicazione sia del Digimag Journal che di libri e saggi, critici e teorici. Digicult Edition utilizza tutti gli strumenti del digital publishing contemporaneo.

Ultimi post

Fiona Tan: Mountains and Molehills

La mostra si focalizza su Gray Glass (2020) e Inventory (2012), e la nuova opera Footsteps (2022), che Fiona Tan ha realizzato sotto richiesta di Eye. Queste installazioni video esplorano la connessione fra paesaggio, ambiente e umanità, così come la relazione fra immagine, il suo creatore e lo spettatore. Per Tan, il tempo è al contempo mezzo e veicolo. È una materia che studia, informa e sviluppa in opere d’arte – spesso in combinazione con immagini ferme e in movimento. In aggiunta, l’artista analizza alle modalità di percezione e rappresentazione con occhio critico, ma anche poetico.... READ MORE...

Only Breath, Words: il teatro emette luce e suoni

Only Breath, Words è un’installazione di luci e suoni di Anna Craycroft. Si tratta di una performance senza attori in cui la voce è emessa dal teatro stesso, grazie al sistema di trattamento dell’aria che “espira” attraverso sculture di canne fumarie realizzate dall’artista. Gli strumenti creano versi gutturali, ronzii, mormorii e gemiti mentre parole e frammenti di frasi lampeggiano e si illuminano su stringhe di luci che si muovono sul palco... READ MORE...