Sono da poco usciti due libri molto interessanti che possono essere accomunati sotto l’aspetto di un analisi critica e artistica del fenomeno attuale della musica elettronica e delle performance nella musica contemporanea.

Di assoluto prestigio gli autori di questi due volumi: Roberto Paci Dalò ed Emanuele Quinz da una parte e Terre Thaemlitz dall’altra per un altra interessantissima pubblicazione di Nero Edizioni

MILLESUONI. DELEUZE, GUATTARI E LA MUSICA ELETTRONICA

a cura di Roberto Paci Dalò e Emanuele Quinz

contributi di
Christoph Cox, Philippe Franck, Guy-Marc Hinant,
Paul D. Miller aka DJ Spooky, Timothy S. Murphy,
Roberto Paci Dalò, Emanuele Quinz, Achim Szepanski

Questo volume offre per la prima volta al pubblico italiano la storia dell’incontro tra la filosofia di Deleuze e Guattari e la musica elettronica. Una storia che comincia, forse, quando Deleuze partecipa nel 1972 alla registrazione del disco Electronique Guerrilla del gruppo rock sperimentale Heldon, prestando la sua voce a un frammento di Umano, troppo umano di Nietzsche.

Per ripercorrere questa storia, complessa e ricca, Emanuele Quinz esplora alcuni concetti-chiave a partire dai quali Deleuze e Guattari hanno elaborato la loro riflessione sulla musica. Seguono una serie di analisi (Murphy, Cox, Franck), derivate da àmbiti geografici e teorici diversi, che disegnano la storia dell’impatto del pensiero dei due filosofi sulla musica elettronica sperimentale. I testi di Hinant, Szepanski e l’intervista a Paul D. Miller, alias DJ Spooky, introducono le testimonianze di chi ha integrato il pensiero di Deleuze e Guattari nella pratica della produzione musicale. Chiude il volume un contributo di sole immagini di Roberto Paci Dalò.

THE CRISIS OF POST-SPECTACLE CONTEMPORARY AMBIENT PERFORMANCE

di Terre Thaemlitz

Nero pubblicazioni prosegue nel suo percorso editoriale di altissima qualità dando alle stampe questo testo che Terre Thaemlitz ha originariamente messo a disposizione sul proprio sito www.comatone.com. E’ questa un’analisi sociale, economica ed artistica di un processo di crisi della performance nella musica contemporanea, descritta da uno dei più affermati e controversi protagonisti della scena mondiale.

Terre Thaemlitz è infatti produttore multimediale, scrittore, speaker, remixer, dj e proporietario della casa discografica Comatonse Recordings. Nei suoi lavori associa con sguardo critico temi di politica di identità, quali gender, sessualità, classi sociali, realtà linguistiche, ad una critica costante degli aspetti socio-economici sottostanti alla produzione mediatica commerciale