CACT - Thessaloniki
27 / 06 / 2018 – 23 / 09 / 2018

In occasione della Giornata Mondiale dell’Ambiente, il 5 giugno presso la PCAI Piraeus è stato lanciato un progetto innovativo di arte contemporanea che collega simbolicamente il porto del Pireo con quello di Tessalonica. Durante questo preludio alla mostra del CACT di Tessalonica, Athanasios Polychronopoulos, direttore della PCAI e presidente esecutivo del Polyeco Group, e Syrago Tsiara, curatore della mostra e direttore del CACT, hanno discusso della loro collaborazione e del concetto alla base della mostra imminente, che si concentra sulla resilienza, lo sviluppo sostenibile e la sensibilizzazione ambientale. Nel mentre, i visitatori hanno potuto ammirare opere di video-arte e installazioni provenienti dalla PCAI Collection, esposte alla sede centrale dell’organizzazione.

La prossima tappa del progetto sarà la mostra collettiva Resilient Futures, che aprirà il 27 giugno presso il Contemporary Art Center of Thessaloniki (CACT). Tsiara ne ha parlato in questi termini: “Come visualizzano gli artisti il futuro del pianeta, e come criticano il rapporto delle persone con la natura, i sistemi economici, le politiche per lo sviluppo, lo sfruttamento delle risorse naturali e degli spazi pubblici?

Il Contemporary Art Center of Thessalonikidello State Museum of Contemporary Art di Tessalonica ha realizzato una mostra in collaborazione con Polyeco Contemporary Art Initiative (PCAI), che raccoglie artisti di diverse provenienze. Questi si esprimono principalmente tramite la video-arte e nelle loro opere trattano di resilienza urbana, ambientale e sociale, nonché di sviluppo sostenibile, in modi diretti o suggestivi.”

L’esposizione sarà accompagnata da un catalogo bilingue (Greco-Inglese) edito da CACT Editions in collaborazione con PCAI. Il programma è supportato dal Polyeco Group, la Thessaloniki Port Authority S.A. e Posidonia Events. Gli artisti partecipanti sono: Loukia Alavanou, George Drivas, Hertog and Nadler, Vassilis Karouk, Eva Kotakova, Maria Loizidou, Oliver Ressler – Zanny Begg, Mika Rottenberg, Stafanos Tsivopoulos, Saskia Olde Wolbers, Mary Zygouri.

Polyeco Contemporary Art Initiative (PCAI) è un’organizzazione no-profit fondata nel 2013 da Athanasios Polychronopoulos, che mira ad informare e stimolare la sensibilizzazione verso i problemi ambientali attraverso l’arte contemporanea. Il passaggio negli ultimi decenni all’immagine animata come principale mezzo espressivo è alla base dell’interesse primario di PCAI per il video e film.

PCAI commissiona ad artisti greci e internazionali opere che affrontino le problematiche ambientali, affrontando allo stesso tempo di questioni legate alla pratica artistica. Ad oggi ha commissionato quattordici progetti di immagini in movimento di rinomati artisti greci e internazionali; undici di questi lavori erano in origine stati presentati nel contesto della mostra Paratoxic Paradoxes curata da Nadja Argyropoulou al Benaki Museum nel 2017.

PCAI collabora e supporta organizzazioni e artisti con un ampio spettro di attività. Di recente ha supportato il Laboratory of Dilemmas di George Drivas presentato alla 57Biennale di Venezia (nel padiglione della Grecia). L’opera di Drivas è ora esposta al National Museum of Contemporary Art (EMST), ancora una volta con il supporto di PCAI. Con dedizione e sensibilità per il suo ruolo nella società, PCAI organizza PCAI Junior, una serie di programmi educativi per bambini progettati per accrescere la coscienza ambientale attraverso l’arte digitale.


www.pcai.gr

www.greekstatemuseum.com

www.cact.gr