Transnatural – Amsterdam
01 / 03 / 2019 - 20 / 12 / 2019

Il programma In The Age of Post-Drought è dedicato alle sfide globali legate all’acqua. A causa del cambiamento climatico e del rapido aumento della popolazione mondiale, la scarsità di risorse idriche è diventata una delle maggiori minacce per la vita sulla Terra nel 21esimo secolo. Transnatural organizza una serie di mostre che vuole trattare queste urgenti questioni ad Amsterdam, nell’ambito della Dutch Design Week e al Grand Hornu (CID – Centro per l’Innovazione e il Design) in Belgio.

Un irripetibile programma collaterale che si terrà all’Oerol, Into the Great Wide Open e ad Amsterdam. Il 1° Marzo daremo il via al programma con la sua prima mostra al Transnatural di Amsterdam. In The Age of Post-Drought è una ricerca in diversi progetti su piccola e grande scala, invenzioni (bio)tecnologiche e interventi artistici che possono contribuire ad un futuro più ecocompatibile in cui le questioni legate all’acqua saranno un problema del passato.

Queste tematiche vengono esaminate da quattro diverse angolazioni: scarsità di risorse idriche, inquinamento e danno idrico, desertificazione. La mostra di Amsterdam sarà l’inizio di una serie di progetti che si svilupperanno nel corso dei 9 mesi del programma. I progetti fanno parte di un internato di Transnatural i cui risultati finali saranno esposti durante i festival alle Isole Frisone e durante la Dutch Design Week.

Nell’ambito di questo programma, il designer Jólan van der Wiel svilupperà ed esporrà nuovi metodi di progettazione come parte del suo progettoTropic City. In questo progetto, Van der Wiel considererà le possibilità di un futuro tropicale per i Paesi del Nord. Inclusa nell’internato troviamo anche Clams, opera dell’artista visivo Marco Barotti.

Il suo paesaggio artistico sonoro è un continuo progetto che alla fine sarà composto da 50 fino a 60 ostriche artificiali che misurano la qualità dell’acqua dell’ambiente circostante e, contemporaneamente, traducono questi dati in suoni orchestrali. L’installazione finale sarà esposta a giugno all’Oerol Festival a Terschelling.

Nel progetto artistico Aquatocene, dell’artista visiva Robertina Šebjanič, esploreremo il fenomeno dell’inquinamento acustico e del suo impatto sull’ecosistema acquatico. L’artista terrà un workshop dove i partecipanti potranno registrare i rumori dell’inquinamento acustico in acqua. Lei incorporerà i risultati di questo workshop in un’installazione o in diverse performance.

Il progetto di social design Warka Water raccoglierà acqua dolce dall’aria a Vlieland per mezzo della Warka Tower. Queste grande torre in bambù ricoperta da una speciale reticella metallica raccoglie ed immagazzina acqua dolce ed è sviluppata per i Paesi del Terzo Mondo che devono affrontare siccità e carenza di risorse idriche.


http://transnatural.org/intheageofpostdrought/