Hacking

New World Order

Attraverso opere d'arte sperimentali, una nuova mostra co-curata dai direttori di Furtherfield, Ruth Catlow & Marc Garrett, immagina un mondo in cui la responsabilità per alcuni aspetti della vita umana sia automatizzata e delegata alla blockchain, trasferita una volta per tutte da sistemi naturali e sociali a registri digitali computerizzati, sicuri e in rete.... READ MORE...

The Glass Room

A Londra è in corso un'esposizione pop-up che attraverso opere d'arte, progetti speculativi, video interattivi, animazioni ed attivismo mette in mostra i dati per renderli più tangibili e meno astratti, aiutando il pubblico a fare scelte consapevoli in campo digitale. L'evento è curato dal Tactical Technology Collective e presentata da Mozilla.... READ MORE...

Materialising the internet

In che modo l'integrazione tra ambiente fisico e digitale condiziona la nostra esperienza quotidiana e come siamo in grado di esprimere questa nuova realtà aumentata sono le domande affrontate da Materialising the Internet, la mostra co-curata da Nadine Roestenburg presso il MU di Eindhoven.... READ MORE...

Work it, feel it!

Il contributo della Kunsthalle Wien alla Vienna Biennale 2017 ruota attorno alle nozioni di lavoro e corpo, nel presente e nel futuro. Gli artisti coinvolti hanno adottato un approccio critico al tema, che si nutre dell'analisi dei meccanismi disciplinari storici e attuali che informano la società.... READ MORE...

How much of this is fiction. Una mostra al FACT Liverpool

How Much of this is Fiction (Quanto di tutto ciò è finzione). Domanda retorica, si potrebbe dire. Ci sono numerosi dubbi riguardo al modo in cui le cose accadano nella nostra società, quindi a quanto possiamo credere? Il messaggio chiave della più recente mostra al FACT (Foundation for Art and Creative Technology) di Liverpool riguarda proprio la mistificazione. Fino a che punto veniamo ingannati o protetti dagli strani eventi che avvengono nei media politici?... READ MORE...

Esplorare il Deep Web: un dilemma tra “conoscenza e sicurezza”

Molti articoli su Internet non hanno dubbi: il cosiddetto Deep Web è un posto da evitare. Ti piacerebbe se ti svuotassero il conto? Non hai paura di essere spiato? O, ancora peggio, che la polizia irrompa nel tuo appartamento e ti arresti come in un film americano? Se non stai cercando niente del genere, è meglio se stai nel tuo recinto sicuro fatto da Google, Facebook e simili.... READ MORE...

Terra0, la foresta aumentata indipendente

Terra0 è un progetto che è stato recentemente discusso al festival Transmediale di Berlino durante il simposio Becoming Earth: Engineering Symbiotic Futures. Il progetto, nelle sue prime fasi di sviluppo, mira alla creazione di una foresta aumentata ed indipendente - vale a dire proprietaria di se stessa - attraverso la tecnologia blockchain e gli smart contract.... READ MORE...

Machine Learning di Ethan Alpadyn, MIT Press, 2016

“Machine Learning” è stato pubblicato lo scorso Novembre, 2016 e scritto da Ethem Alpaydin. La serie MIT Press Essential Knowledge fornisce analisi e visioni d’insieme, coincise e accessibili, di argomenti particolarmente ostici. I volumi, redatti dai maggiori pensatori, forniscono delle sinossi valenti su soggetti che vanno dall’ambito storico-culturale al tecnico-scientifico, “facendo una sintesi su materie specialistiche per i non esperti”.... READ MORE...

Jeroen Van Loon: il futuro è quasi del tutto temporaneo

Con una laurea in digital media design e una carriera ancora relativamente breve, iniziata non più tardi del 2010, l’olandese Jeroen Van Loon è diventato in pochi anni uno dei media artist più interessanti a livello internazionale. La sua ricerca è capace di integrare in maniera sorprendente e ironica un approccio critico all’utilizzo degli strumenti tecnologici, e internet in particolare, con un solido impianto teorico e concettuale: ciò si traduce nella produzione di oggetti e installazioni che entrano nello spazio espositivo con disarmante immediatezza.... READ MORE...