Generative Art

La Macchina Che Fa L’arte. Form+code In Arte, Design E Architettura

La Princeton Architectural Press ha recentemente pubblicato CODE+FORM, un libro di Casey Reas, William McChandler e LUST che si candida ad essere lo strumento perfetto per questo ruolo. I contenuti sono espressi chiaramente, con un excursus storico sulla storia dello sviluppo del codice nell'arte elettronica ma anche su alcuni suoi precursori di 'programmazione in linguaggio naturale' nell'arte concettuale (set di istruzioni rivolte al pubblico e non alle macchine). Il layout grafico  una parte curatissima ed inscindibile del progetto editoriale, e integra una selezione di progetti e immagini mozzafiato (ad un prezzo, va detto, davvero ottimo).... READ MORE...

The root of the root

La mostra presenterà le opere, astratte e reattive, che i tre artisti hanno realizzato utilizzando i codici dell'arte generativa. E' dal 2005 che Marius Watz e Paul Prudence, infatti, attraverso saggi, importanti blog e software all'avanguardia, danno un contributo significativo al dialogo dell'arte computazionale. In quanto membro autorevole della community di Processing, Marius Watz ha, in vari modi, definito parte della teoria estetica associata all'arte basata sui codici; Paul Prudence lavora con VVVV e con sistemi di feedback visuale per creare le sue performance audiovisive; mentre Aaron Meyers, artista e programmatore, utilizza strategie generative per la creazione di software e di immagini in movimento. Attualmente collabora con il Eyebeam Art & Centre, nel quale ha di recente tenuto il workshop Visual Music Collaborative in collaborazione con Ghostly International.... READ MORE...

Pratica Generativa. Lo Stato Dell’arte

Quanto segue  quindi il risultato di questa lunga conversazione con tre artisti e teorici generativi: Leonardo Solaas (Programmatore, designer e professore del programma di Master in Arti Elettroniche alla Universidad Nacional de Tres de Febrero di Buenos Aires), Marius Watz (Fondatore del blog Generator.x, punto di riferimento in rete per il software e la'rte generativa,  docente alla School of Architecture e alla National Academy of the Arts di Oslo) e Mitchell Whitelaw (direttore del Master in Digital Design all'Universitˆ di Canberra, teorico che si dedica a scritture riguardanti la cultura e la pratica digitale. Il suo libro pi recente  Metacreation: Art and Artificial Life) e l'autore stesso (architetto, membro della commissione della Harpo Foundation for the Arts, tiene lezioni e scrive opere riguardanti l'architettura e i nuovi media).... READ MORE...
article placeholder

Scott Snibbe: Gravilux

Gravilux è un lavoro di software art interattiva per iPhone e iPad. Tramite un semplice tocco sul Gravilux, è possibile esercitare un azione gravitazionale in un mondo di stelle simulate. Ispirato dalle scoperte gravitazionali di Newtone, Gravilux non segue esattamente le nostre leggi dell'universo.... READ MORE...

OFFF 10th Anniversary

Dopo Barcellona, New York, Lisbona e Oeiras, siamo felici di annunciarvi che OFFF'10 si terrà a Parigi, Francia, il 24, 25 e 26 giugno 2010. Una città davvero speciale per un occasione davvero speciale.... READ MORE...

Ape-X: Andre Sier Solo Exhibition

Andre Sier lavora come artista intermediatico e programmatore. Ha studiato filosofia, pittura e scultura. Crea oggetti che necessitano di linguaggi programmatici audiovisuali. Creandoli, coopera con artisti visuali, performer e musicisti. Dal 2002 insegna in workshop di programmazione e organizzazione audiovisuale.... READ MORE...
article placeholder

Maxim Zhestkov: As In A Dream

Precocious Maxim Zhestkov, 22-year-old director, video artist, motion and graphics designer, creates the spaces of his dreams and fantasies. One of Maxim's practices is to browse through hundreds of pages on Wikipedia in search of inspiration from all different fields - nature, design, fashion, architecture, abstract painting, high technology, space... READ MORE...

Aaron Koblin: L’estetica Del Data Visualization

Qualche anno fa Lev Manovich, noto teorico dei nuovi media, introduceva il concetto di Information Aesthetics, riferendosi alle forme di visualizzazione dell'informazione emergenti e basate su modalitˆ creative e alternative di rappresentazione. Sulla base di questo concetto, dati qualitativi e quantitativi sono diventati oggetto del desiderio da parte di artisti e designer che hanno iniziato a sperimentare nuove tecniche e modalitˆ per generare forme e software bellissimi.... READ MORE...

process as paradigm

Le sette proposte che verranno scelte da un open call internazionale, saranno sviluppate da autori e collaboratori durante il workshop antecedente all'apertura di Process as Paradigm, 23 aprile 2010. I progetti saranno esposti alla mostra. Questa rassegna, curata da Susanne Jaschko e Lucas Evers, denota un ampio salto da una cultura incardinata sul concetto di rappresentazione e prodotto finale (tipica della società industriale) a una cultura dei meccanismi. Il workshop Interactivos? che precede la mostra, è volto alla produzione di opere d'arte che si rifanno agli assunti della mostra stessa. Selezione dei progetti: coordinata da André Gonçalves, Everything is under control di Tommaso Lanza e Cathrine Kramer, FrankenFoodCart di Zackery Denfeld, Scan-it di María Castellanos e Alberto Valverde, Photographic spatial experiment di Boris Oicherman, Practice Mapping di Marco Quaggiotto e Wouter Van den Broeck e Territoris Oblidats di Inês Salpico.... READ MORE...

Decode Exhibition. Software Art Al Victoria & Albert Museum

Quando un'opera d'arte viene considerata oggetto di design? Quando essa ha un fine utilitaristico? E se non lo possiede ma  concepita per racchiudere un concetto che si riferisce all'esperienza umana e che cerca di cogliere qualcosa sull'essenza della nostra esistenza? é proprio questa la prima domanda che mi  passata per la mente quando sono arrivato al Victoria & Albert Museum di Londra per visitare la mostra Decode, aperta al pubblico dall'8 Dicembre 2009 fino all'11 Aprile 2010.... READ MORE...

Verso I Confini Del Caos: Intervista a Leonardo Solaas

Nato in Norvegia, oggi l'artista Leonardo Solaas vive in Argentina, a Buenos Aires. Tra i suoi lavori troviamo progetti a livello commerciale e personale che esplorano sistemi complessi tramite l'utilizzo dell'informatica, dell'interattivitˆ e dei processi generativi. Solaas lavora prevalentemente come programmatore e designer web, ma  la sua attivitˆ creativa e artistica mediante l'utilizzo di Processing che lo rende conosciuto e riespettato in quei territori di confine sempre pi sottili e indefiniti tra arte e design generativo... READ MORE...

Decode Digital Design Sensations

Decode: Digital Design Sensations mette in mostra le evoluzioni più recenti del design digitale e interattivo, da piccoli elementi grafici su schermo a installazioni interattive su vasta scala. La mostra include opere di artisti e designer affermati a livello internazionale, come Daniel Brown, Golan Levin, Daniel Rozin, Troika e Karsten Schmidt. Sono presenti sia opere già esistenti che nuove creazioni commissionate appositamente per questo evento.... READ MORE...

Estetica E Computazione: Dalle Origini Dell’Arte Generativa

Dopo alcuni anni di attivitˆ professionale e creativa,  ormai noto ai pi che le immagini prodotte con strategie di tipo generativo sono immagini fluide, frutto di una momentanea cattura di un flusso di informazioni, messe in forma attraverso un lavoro sull'interfaccia, una sorta di design del processo che dˆ vita pi che ad immagini, video o suoni, a dei veri e propri meta-dati: immagini, video e suoni in potenza... READ MORE...

I Moduli Generativi Di Guido Smider

La pratica del do it your self tra i giovani artisti elettronici sembra essere sempre pi frequente, cos" come la trasversalitˆ dell'espressione e la convergenza dei media utilizzati. Il risultato potremmo dire  sempre qualcosa che assume un aspetto virtualmente tridimensionale, configurandosi come spazio praticabile, creato dalla convergenza tra suono, immagini e suggestioni live.... READ MORE...

Fabrica Workshops: Bruce Sterling

Fabrica, il centro di ricerca sulla comunicazione di Benetton, ospiterà dal 25 al 28 novembre un workshop tenuto dal futurologo e scrittore Bruce Sterling, uno dei fondatori del movimento del cyberpunk nel genere della fantascienza e uno dei suoi maggiori promulgatori... READ MORE...

Cimatics 2008

Cimatics Festival è tornato ed è pronto per una nuova sesta edizione. Dal 27 al 29 Novembre, Cimatics esploderà sia al di sotto che al di sopra dei momenti e delle locations più inaspettate nel centro di Bruxxel, per presentare esperimenti artistici nel campo della cultura digitale e audiovisiva.... READ MORE...

Continuando a usare il sito, accetti l'utilizzo dei cookie tecnici presenti. Leggi la nostra privacy policy cookies policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close