Art Basel – Miami
until 09 / 01 / 2016

White Cube è lieta di presentare 6 x 6 An Improvisation, di Larry Bell, un progetto esterno organizzato in coincidenza con Art Basel Miami Beach. Per questa mostra, Bell ha installato un’imponente scultura di Pareti Eretti, già precedentemente esposta presso la Fondazione Chinati a Marfa, Texas (2014-15).

6 x 6 An Improvisation è composta da 36 pannelli di vetro indipendenti; durante il processo di collocazione dei pannelli, l’intuito di Bell ha permesso uno sfruttamento delle dinamiche spaziali che trasformasse l’installazione al modificarsi della luce naturale nei vari momenti della giornata. Nel corso dei suoi 50 anni di carriera Bell, uno dei maggiori esponenti del movimento “Light and Space” in California, ha prevalentemente concentrato il proprio lavoro sullo studio della luce, delle sue proprietà e della sua interazione con le superfici.

I suoi primissimi lavori, risalenti agli anni ’60 e dipinti su tele sagomate, corrispondevano alla silhouette di una scatola disegnata in proiezione isometrica. Questa esplorazione dell’ambiguità spaziale evolse ben presto in costruzioni scultoree di legno e vetro, e poi ancora in cubi di vetro e nelle sculture in pannelli di vetro a muro per cui oggi è ben conosciuto.

Whitecube 2

Dal 1963 in avanti, Bell iniziò a sperimentare il passaggio della luce attraverso le sue sculture, implementando una tecnica di deposizione sottovuoto per l’applicazione di sottili pellicole ai pannelli di vetro trasparenti. I cubi di vetro così ottenuti e presentati su piedistalli trasparenti offrivano all’osservatore l’essenza della luce, la catturavano, sfidando contemporaneamente sia la nozione stessa di massa che quella di volume e di gravità.

Bell continua a tutt’oggi a impiegare il vetro nei suoi lavori, sfruttando in particolar modo le speciali proprietà di trasmissione, assorbimento e riflessione della luce che questo materiale possiede. Ha affermato infatti: “Anche se la tendenza è quella di pensare al vetro come a una finestra, esso è in realtà un liquido solido che racchiude in sé tre qualità caratteristiche: riflette la luce, la assorbe e la trasmette allo stesso tempo.”

In 6 x 6 An Improvisation, Bell combina tre tipologie di vetro con pannelli grigi, pannelli trasparenti e pannelli parzialmente rivestiti, trattati con un processo di evaporazione termica che permette di depositare un sottile strato di nichel-cromo sulla loro superficie. Di forma e ispirazione architettonica, i pannelli agiscono come specchi, porte e finestre.

Whitecube 3

Bell definisce i propri Pareti Eretti“improvvisati”, non solo per il loro continuo mutare in base alle variazioni della luce, ma anche per il grado di sperimentazione che incorporano nella loro forma finale e per le numerose possibilità e trasformazioni che la loro tecnica di produzione offre. Estremamente teatrale e visivamente complesso, 6 x 6 An Improvisation crea una sequenza di forme e riflessi stratificati, facendo convergere densità e sfumature diverse e mantenendo un’illusione di volume.

Commentando la propria opera, Bell afferma: “in alcuni casi la struttura è altamente riflettente nei punti di giunzione dei pannelli di vetro, in altri invece è altamente riflettente nel punto in cui la struttura tocca terra, e così via. Mi piace inoltre l’idea di poter combinare questi elementi di modo che stiano in piedi, dato che tutte le componenti sono grandi uguali e l’equilibrio è dato dalla pressione verticale che il loro stesso peso esercita. Sono ancorate al suolo e incollate insieme, di modo che si sostengano reciprocamente e che io possa cambiarne l’arrangiamento come voglio.”

Oltre a quella allestita presso la fondazione Chinati (2014-15), un’altra installazione recente è quella della mostra White Cube, nel suo distaccamento a Mason’s Yard, Londra (2015). Il lavoro di Bell farà anche parte di un’esposizione collettiva all’evento LAX-MIA: Light + Space, in programma al Surf Club nella città di Surfside, Miami, dal 1 al 12 dicembre 2015.

Whitecube 4

Larry Bell nasce nel 1939; la sua vita e il suo lavoro si svolgono fra Los Angeles, CA e Taos, NM. Fra le numerose esposizioni delle sue opere ricordiamo le mostre collettive Larry Bell, Robert Irwin, Doug Wheeler alla Tate Britain a Londra (1970), 11 Los Angeles Artists, Hayward Gallery, Londra (1971) e Phenomenal, al Museo d’Arte Contemporanea di San Diego (2011). Mostre interamente dedicate sono state invece ospitate dal Pasadena Art Museum in California (1972), dal Forth Worth Art Museum a Dallas in Texas (1975 e 1977), dal Museo d’Arte Contemporanea di Los Angeles (1986), dal Denver Art Museum, Colorado (1995), dal Carré d’Art Musée d’art Contemporain de Nîmes, Francia (2011) e dalla Fondazione Chinati a Marfa, Texas (2014).


https://www.artbasel.com

http://whitecube.com