PARADISO / DE BALIE - AMSTERDAM
23 -26 FEBRUARY 2006

Chiamato Sonic Acts XI – The Anthology of Computer Art, questo festival che si tiene ad Amsterdam a fine mese sarà caratterizzato da tre giorni di conferenza internazionale, da tre serate e nottate di performances live, da un’esibizione di arte sonora e infine da un programma cinematografico. Un DVD e un libro del festival verranno poi pubblicati come testimonianza dell’evento.

E’ indubbio che la computer art stia vivendo un vero revival negli ultimi anni. In parte a causa del rapido avanzamento dell’hardware e del software, in parte a cause del fatto che la computer art negli ultimi quindici anni si è diffusa in territori come l’arte visuale, la musica elettronica ma anche nel campo dei film, del video e dei giochi. Un numero crescente di artisti ha preso pieno possesso delle nuove tecnologie e hanno sviluppato una varietà incredibile di lavori, fino ad arrivare a sviluppare progetti sulla base di hardware autocostruiti e di software scritti in modo proprietario. Quest’ultimo, soprattutto, è il vero elemento essenziale che si è sviluppato ultimamente nella computer art

Questa conferenza/evento internazionale, fornirà una visione completa della computer art. Relatori internazionali provienienti dalla computer art, dai film, dall’arte tradizionale, dalla musica, dal mondo accademico, dalla letteratura, dalla storia dell’arte, porteranno la loro cultura ed esperienza, discutendo degli sviluppi storici della computer art tentando di intravederne il futuro

I relatori internazionali includeranno Jasia Reichardt (GB), scrittore e curatore che ha fatto storia nel 1968 con l’esibizione Cybernetic Serendipity; Lillian Schwartz (USA), vero e proprio pioniee nel campo della computer-generated art e dei computer films; Curtis Roads (USA), compositore e autore del famoso Computer Music Tutorial; Stephen Wilson (USA), professore di conceptual design presso il SFSU e autore dell’autorevole Information Arts, Intersections of Art, Science, and Technology.

Il festival partirà con una performance dei Granular Synthesis, collettivo austriaco conosciuto per le loro performances assolutamente immersive. Il programma del venerdì è poi completato in collaborazione con Jace Clayton (a.k.a. DJ/rupture), fondatore di Negrophonic e Soot Records.

Infine, il programma dei film, si concentrerà sui film puramente digitali, con un certo numero di panoramiche storiche, di documentari e di computer film contemporanei. Questo lavoro sarà anche mostrato presso Institut National Audiovisuel, Groupe de Recherches Musicales (National Audio-visual Institute, Music Research Group) a Parigi.

www.sonicacts.com/