Tokyo Metropolitan Museum of Photography - Tokyo
10 / 12 / 2013 - 26 / 01 / 2014

La prima mostra museale dell’artista Shiro Takatani presenta una rassegna del suo impegno sia come direttore artistico di Dumb Type (collettivo di artisti famoso a livello internazionale) nelle mansioni di regista, tecnico della luce, della grafica e della scenografia per il gruppo, sia come artista visuale solista i cui lavori di imaging (video e foto) offrono una visione profonda dell’ambiente naturale e dei diversi fenomeni fisici.

Takatani ha inoltre collaborato con musicisti e artisti in molti altri generi e ha recentemente presentato una serie di fotografie che mostrano il suo interesse per l’ottica.

Il titolo “latino” della mostra fa riferimento al discorso sulla fotografia del filosofo Roland Barthes intitolato Camera Lucida (La chambre claire. Note sur la photographie, 1980). Un riferimento a quei dispositivi ottici che venivano una volta usati da pittori e disegnatori per proiettare le immagini da disegnare sulle loro tele. La camera lucida si differenziava dai precedenti dispositivi a camera obscura (fori e lenti predecessori delle moderne macchine fotografiche) in quanto questi non utilizzavano prismi e lenti racchiusi invece di specchi. Analogamente con la sua performance La Chambre Claire (2008) Takatani voleva  “mettere in scena un processo fotografico di fissaggio dell’immagine dovuto all’esposizione alla luce invece che all’inserimento in una camera oscura”, trasformando il teatro in un dispositivo a camera lucida come approccio all’idea di fotografia di Barthes.

takatani2

takatani3

Sostanzialmente Barthes sosteneva che la fotografia rivela “ciò che esiste” (“celui qui a existé”). La pittura imita l’apparenza delle cose ma non le mostra per ciò che sono davvero; invece la fotografia cattura “la scena stessa, la realtà letterale” e di conseguenza evoca memorie e presenze nello spettatore. Allo stesso modo Takatani vede la capacità della fotografia di formare immagini come la base di qualsiasi comunicazione.

I lavori in programma nella mostra includono le installazioni Camera Lucida (2004), Chrono (2006) Toposcan e Topograch (prima; versione rivista) e lavori selezionati dalla collezione del museo che spiegano la storia dell’imaging fotografico fino a Takatani.

Shiro Takatani

È nato nel 1963 a Nara e si è laureato in Environmental Design alla Kyoto City University of Arts. Nel 1984 è entrato a far parte di Dumb Type. Nel 1998, contemporaneamente al lavoro per Dumb Type, ha cominciato a lavorare come solista. I suoi lavori recenti includono Chroma (prima alla Biwako Hall, 2012; Marseille de Festival danse et arts multiples, 2013) e la collaborazione Life-Well con Ryuichi Sakamoto e Mansai Nomura (YCAM, 2013).


http://syabi.com/e/contents/index.html

http://www.epidemic.net/en/art/takatani/accueil.html