PALAZZO RE ENZO - BOLOGNA
25-27 JANUARY 2007

La settima edizione di Netmage festival si terrà, come di consueto l’ultima settimana di gennaio 2007. Appuntamento internazionale ormai consolidato dedicato alle arti elettroniche curato da Xing, Netmage 07 presenterà a Bologna dal 25 al 27 gennaio un ricco programma di produzioni e progetti per offrire un variegato scenario sulla ricerca audiovisuale contemporanea. Il festival avrà un’estensione a Ferrara il 2 febbraio con una nuova sezione interamente dedicata alla magia del suono.

A Bologna, la sede centrale del festival sarà Palazzo Re Enzo, che affaccia su Piazza Maggiore, e che ospiterà live-cinema, concerti, azioni performative , ambienti, installazioni sonore e visive. Evento speciale di questa edizione, l’anteprima dell’ultimo capolavoro di David Lynch, il film Inland Empire.

Il bando internazionale, strumento di indagine e selezione lanciato nel giugno 2006, ha visto la candidatura di oltre 180 progetti provenienti da tutto il mondo. Tra questi la direzione artistica di Netmage ha selezionato 4 opere audio-video che verranno presentate sul palco principale, il Live-Media Floor: una sezione che costituisce la spina dorsale del programma per ciò che riguarda gli orientamenti espressivi presentati dal festival. Si tratta dei lavori di Kjersti Sundland/Anne Bang-Steinsvik (N), Aki Onda/Oren Ambarchi/Alan Licht (USA/Australia/Jap), Charles Atlas/Chris Peck (USA) e Studio Brutus/Citrullo Int./Taxonomy (I), presentati nel corso delle tre giornate all’interno di un programma complessivo che prevede quindici eventi live.

Parallelamente, Netmage 07 ha commissionato una nutrita serie di live-media a cinque coppie di artisti, visivi e sonori, Armin Linke/Carl Michael von Hausswolff (I/Sw), Carlos Casas/Sebastian Escofet (E/Arg), Opificio Ciclope/Egle Sommacal (I), Moira Ricci/Invernomuto (I), John Duncan/Leif Elggren (USA/Sw) con un invito a Roberto Mendoza (Mex), per arricchire la ricognizione verso le tensioni audiovisuali provenienti da centro e sud America. Produzioni che saranno presentate in prima assoluta al festival. La suggestione del commitment che Netmage ha lanciato a queste coppie di artisti per l’edizione 2007, è di confrontarsi con la rappresentazione fotografica e documentale del reale in rapporto al supporto fantasmagorico costituito dalle multi-proiezioni digitali, dispiegate nel grande salone dei Podestà di Palazzo Re Enzo.

Il programma del festival costituisce nel suo insieme un ‘world-scape’ visivo ed emozionale che riattraversa tecniche e territori dell’immagine-movimento novecentesco e contemporaneo, rimettendo in scena elementi che appartengono alla tradizione video, fotografica e cinematografica, intese come pratiche di rappresentazione e di racconto, su zone d’ombra della superficie terrestre e dei territori immaginari. I live audio-video porteranno gli spettatori a transitare attraverso la rappresentazione degli immaginari di ‘gender’ trattati dal duo norvegese Kjersti Sundland/Anne Bang Steinsvik, o dal maestro della video-arte statunitense Charles Atlas e dal fotografo di orgine giapponese Aki Onda, per passare a due intense indagini visive sui paesaggio del pianeta raccolte da Armin Linke e Carlos Casas, o al doppio sguardo incrociato sul Messico con l’indagine di Opificio Ciclope sul fenomeno della Sacra Muerte, e la lunga passeggiata di Roberto Mendoza nella megalopoli di Città del Messico. La serie di produzioni del festival si completa con la presentazione di “Bissera”, opera audio-video realizzata dai giovani autori Moira Ricci/Invernomuto.

Il percorso tra reale e destituzione del reale, che è anche un’intensa esperienza sonica, come nel caso dell’originale produzione “Something Like Seeing In The Dark” eseguita dal duo John Duncan/Leif Elggren, culmina in una spettacolare evento di “live-cinema-theoria” ideato da Emiliano Montanari ed Enrico Ghezzi: “Eyerophany”, evento inaugurale del festival, che vedrà al suo centro la partecipazione performativa di David Lynch, in concomitanza con l’uscita nelle sale di “Inland Empire”, assieme agli interventi di Asja Bettin e i cortocircuiti teorici di Paul Virilio, Shuji Ishikawa, Slavoj Zizek, Peter Sloterdijk, Kojin Karatani.

La sezione performativa di Netmage, è incentrata per il 2007 sulla commissione affidata a Kinkaleri (I): un evento sui limiti e l’estensione della visione.

A chiusura di ogni serata a Palazzo Re Enzo, verrà realizzato un programma notturno in collaborazione con DF (Distorsonie Festival) e Il Cassero, realtà organizzative forti di una radicata esperienza, che presenteranno nella cornice di Netmage due proposte di contenuto dai più evoluti mondi del Clubbing, per allargare gli immaginari e le sonorità offerti al pubblico.

Ultima importante novità di questa edizione di Netmage, è l’avvio di una nuova sezione realizzata a Ferrara, dedicata alla magia del suono. Un tavolo anatomico che consentirà di seguire con attenzione, differenti processi di manipolazione sonica, accorpati in una intensa giornata (2 febbraio), che chiuderà il programma del festival.

Netmage ha affidato anche quest’anno l’immagine coordinata del festival ad artisti ospiti. Netmage 07 è stato curato da Invernomuto e Moira Ricci (dopo Andrea Dojmi 2006, Simone Tosca 2005, Otolab 2004, Qubogas 2003, Loew 2002).

Netmage è ideato e realizzato da XING, un network nazionale che progetta, organizza e sostiene eventi, produzioni e pubblicazioni contraddistinti da uno sguardo interdisciplinare intorno ai temi della cultura contemporanea, con una particolare attenzione alle tendenze generazionali legate ai nuovi linguaggi.

Direzione artistica del festival: Daniele Gasparinetti, Andrea Lissoni.

Programma:

giovedì 25 Gennaio
Palazzo Re Enzo

h 19.00
Kinkaleri (I)
Uh!
h 22.00
Aki Onda/Oren Ambarchi/Alan Licht(USA/Austral/Jap)
Cinemage
h 22.30
John Duncan/Leif Elggren (USA/Sw)
Something Like Seeing In The Dark
h 23.30
Eyerophany
a project by Emiliano Montanari (I) performed by David Lynch, Angelo Badalamenti, Enrico Ghezzi, Asja Bettin, and shortcircuits with Thomas Pynchon, Paul Virilio, Hideo Kojima and others epiphanies.

Venerdì 26 Gennaio
Arte Fiera-Art Cafè

h 18.00
EYENLAND EMPIRE
Enrico Ghezzi, Emiliano Montanari, Laura Dern, Angelo Badalamenti, Asja Bettin and Lorenzo Miglioli introduce Inland Empire by David Lynch and presenti Polish Night Music, unreleased musical performance by David Lynch and Marek Zebrowski.

+

Palazzo Re Enzo
h 21.00
Kinkaleri (I)
Uh!
h 22.00
Studio Brutus/Citrullo Int./Taxonomy (I)
H2O
h 22.30
Kjersti Sundland/Anne Bang-Steinsvik (N)
Monstrous Little Women
h 23.00
Carlos Casas/Sebastian Escofet (E/Arg)
Siberian Fieldworks (Fieldworks#10)
h 23.30
Charles Atlas/Chris Peck (USA)
The Intensity Police Are Working My Last Gay Nerve
h 24.00
PDF presents:
Milanese-Stephen Whetman (UK-Warp/Planet Mu)

+

h 01.00
Cinema Arcobaleno
David Lynch (USA)
INLAND EMPIRE

Saturday 27 January
h 17.00
Cinema Arcobaleno

David Lynch (USA)
INLAND EMPIRE

+

Palazzo Re Enzo
h 19.00
Kinkaleri (I)
Uh!
h 22.00
Invernomuto/Moira Ricci (I)
Bissera
h 22.30
Opificio Ciclope/Egle Sommacal (I)
Rapsodia della Santa Muerte
h 23.00
Armin Linke/Carl Michael von Hausswolff
(I/Sw)
Details
h 23.30
Roberto Mendoza (Mex)
h 00.30
Il Cassero presents:
Glimpse (UK)
Robert Babicz (D)

Venerdì 2 Febbraio
Ferrara-Teatro Anatomico/Biblioteca Ariostea

h 17.00>20.00
Sound Dissection:
h 17.00
Will Guthrie (Australia)
h 17.50
Mattin (Paesi Baschi)
h 18.30
Thomas Ankersmit (NL)
h 19.20
Philip Jeck (UK)

++

Giovedì 25/Venerdì 26/Sabato 27 Gennaio
Palazzo Re Enzo

h 19.00>24.00
Arte Fiera Art First presents:
Ottonella Mocellin/Nicola Pellegrini (I)
We sit and watch the sunset. What does it know of waiting, anticipation and disappointment-a million times in one day?

www.netmage.it