PALAZZO RE ENZO - PIAZZA NETTUNO - BOLOGNA, PIAZZA DEL MUNICIPIO - FERRARA
24-26 JANUARY 2008, 31 JANUARY-3 FEBRUARY 2008

L’ottava edizione di Netmage festival si terrà a Bologna l’ultima settimana di gennaio 2008, in concomitanza con Arte Fiera. Appuntamento internazionale dedicato alle arti elettroniche, Netmage presenterà dal 24 al 26 gennaio 2008 un programma multidisciplinare di opere che offrono un variegato scenario sulla ricerca audiovisuale contemporanea.

Sede centrale del festival, per la terza edizione consecutiva, gli spazi di Palazzo Re Enzo, che ospiteranno live-cinema, concerti, azioni performative e happening, ambienti, installazioni sonore e visive.
Il bando Live-Media Floor, sezione portante di Netmage 08, ha visto la partecipazione di oltre 200 progetti provenienti da 29 diverse nazioni da Europa, Asia, Americhe, Oceania. Le opere audio-visuali selezionate dalla commissione verranno eseguite dal vivo all’interno delle sezioni Live-Media Floor e Mangrovia.

Il programma del Live-Media Floor sarà inoltre arricchito dalla presenza di alcuni ospiti, invitati al di fuori del bando, a completamento di un World-scape visivo ed emozionale che riattraversa tecniche e territori dell’immagine-movimento contemporanea. Costruito a partire dalle tracce più inquiete rilevate nel bando, l’intreccio delle tre serate si differenzia nelle tonalità e nell’andamento. Si parte giovedì 24 con un palinsesto eterogeneo ed esotista, costituito dagli interventi di: Anaisa Franco/Theo Firmo, artisti ispano/brasiliani che presentano una surreale animazione dal vivo generata da un dispositivo robotico; Overground, duo basato in Norvegia costituito da Jade Boyd/Simona Barbera; la ‘fiction’ realizzata sulle colline hollywoodiane omaggio a Rebel without a cause dall’artista visiva Dafne Boggeri sonorizzata dal trio femminile berlinese cult nella scena queer elettronica Rhythm King & Her Friends; OLYVETTY è il nuovo progetto di environment audiovisuale del duo costituito da Riccardo Benassi e Claudio Rocchetti coprodotto del festival; Chelpaferro infine, trio brasiliano di punta nella scene artistica internazionale (rappresentanti del padiglione brasiliano alla Biennale di Venezia nel 2005) connotato da un’intensa e riconosciuta attività in campo musicale e performativo con installazioni e live ambient noise.

Toni più forti per venerdì 25, serata aperta da tre interventi che segnalano il riverbero di estetiche noise in zone molto distanti del pianeta, con Ricardo Caballero dal Messico, emiter_franczak dalla Polonia, e Luka Dekleva/Luka Princ¹ic¹/Miha Ciglar dalla Slovenia. Un autentico confonto di virtuosisimo esecutivo contraddistingue invece i set di uno dei più eccentrici esecutori di Vj-ing al mondo, l’artista israeliano basato a Berlino Safy Sniper, e del batterista giapponese Dora Video. Incoraggiati dal festival ad una sorta di contest sul limite della relazione suono/immagine, daranno vita a una furiosa tempesta di immagini video, mixate in diretta da macchinari decisamente singolari. Ad abbassare i toni provvederà l’eclettico dj set di chiusura dell’artista visiva messicana Julieta Aranda, presenza selezionata per Netmage 08 in collaborazione con il magazine Nero.

Ulteriore registro ancora, pur con feedback e affinità elettive con le serate precedenti, per sabato 26: la serata si apre con due interventi di rielaborazione su rari repertori della cinematografia sperimentale degli anni ’60 e ’70. Si parte con il progetto Rev. 99 realizzato dal newyorkese 99 Hooker e commentato dalla suonatrice di Komungo tradizionale Jin Hi Kim dalla Corea del sud, intervento seguito dalla presentazione dello straordinario reperto audiovisivo di The Joshua Light Show, grande show di expanded cinema e ‘liquid light’ attivo a New York a cavallo tra gli anni ’60 e ’70. Animata da Joshua White, questa performance è uno dei cardini della scena controculturale e di sperimentazione sull’espansione della percezione nordamericana, ed ha accompagnato, fra gli altri, live di Greateful Dead, Jefferson Airplaine, The Who e performance di artisti visivi come Yaoi Kusama. Come le poche altre esperienze seminali di expanded cinema dell’epoca, del Joshua Light è stato possibile ricostruire recentemente qualche traccia grazie alla mostra del Whitney Museum The summer of love.

Segue un’altra importante anteprima, il live di Los Super Elegantes, coppia di artisti visivi/musicisti basata a Los Angeles che si distingue per la reinterpretazione di un immaginario musicale latino (al punto da entrare nelle chart nord e sudamericane) ed il fine lavoro, attraverso video, fotografie e performance, sulla rappresentazione ironica e straniata della figura dell’artista visivo contemporaneo.

Come di consueto, chiude la serata un programma notturno in collaborazione con Il Cassero che propone nuove sonorità berlinesi con Ben Klock e Paul Kalkbrenner.

Tra le novità della ottava edizione del festival, segnaliamo l’apertura di una nuova sezione dedicata agli esiti più estremi ed eterocliti della sperimentazione elettronica, intitolata Mangrovia. Mangrovia è un ‘mondo-pianta-giardino’ ma anche un luogo e una sequenza oraria all’interno del festival composto da eventi che abitano un ambiente dedicato ad un ascolto ora contemplativo ora tempestoso, dove, come in un ecosistema ricco e composito, le diversità di generazioni, di provenienze (musicisti, artisti e performer) e di ambiti (musica elettronica, elettroacustica, sound art e arti visive) si incrociano o si aprono a collaborazioni temporanee ed improvvisate.

Il flusso di interventi, prima in sequenza e poi in jam collaborativa, prevede i live di Prurient, personaggio di culto della scena noise internazionale; di Demons, progetto audiovisivo radicale dell’artista video Alivia Zivich con Nate Young e Steve Kenney, rispettivamente di Wolf Eyes e di Isis (due band che hanno cambiato la storia recente della scena hardcore internazionale); ed infine del compositore Carlos Giffoni, animatore della scena noise USA e curatore del No Fun Festival di New York, con cui Netmage ha aperto una collaborazione ad hoc. Sempre in Mangrovia manipolazioni di cinema-concreto realizzate dal duo olandese Derek Holzer/Sara Kolster, dagli italiani Mylicon/EN e Nastro Mortal, così come inserti non programmatici e imprevedibili di Pita, figura di riferimento nella scena noise elettronica europea, fondatore delle label austriaco Mego, e di altri artisti visivi a sorpresa.

Mangrovia ospiterà durante i tre giorni, anche l’installazione del team audiovisivo berlinese Visomat: un progetto di tridimensionalizzazione della superfice di proiezione, a partire da uno schermo prismatico, riplasmato dalle geometrie elettroniche di un computer. Sempre in Mangrovia, infine, da sottolineare come evento speciale la presentazione di Upic Diffusion (sessioni #16 e #17) a cura del duo Russell Haswell/Florian Hecker, due delle menti più radicali della scena musicale sperimentale alle prese con un tributo alla ricerca di Iannis Xenakis. L’Upic Diffusion è un coinvolgente e potentissimo live di suoni e silenzi, basato sul sistema messo a punto dal mitico architetto e compositore greco, presentato al pubblico con un dispositivo musicale multicanale che diffonde suoni in surround in contemporanea ad un travolgente spettacolo di luci strobo e al laser.

Il percorso percettivo del festival comprende due opere installative che reintrepretano rispettivamente un ambiente sonoro e uno visivo. Pneumatic Sound Field dell’artista olandese Edwin van der Heide accoglie il pubblico nel cortile di Palazzo Re Enzo come un cielo di suono artificiale, costituito da 42 valvole pneumatiche che, tramite una serie di patterns ritimici creano una tessitura sono-spaziale a differenti velocità, direzioni e intensità (L’installazione verrà riproposta a Ferrara dal 31 gennaio al 3 febbraio).

Nella sezione performativa, Zapruder filmmakersgroup realizza per il ciclo Daemon, il miraggio di un piccolo cinema anni ’20, in raso e seta plisettati, da cui si origina un gioco di continue mise en abîme tra dentro e fuori lo schermo. Attraverso la tecnica tridimensionale anaglifa, viene veicolato il concetto/ossessione di occhio (occhio cieco, accecato, occhio vorace, occhio rovesciato e bianco…). L’immagine filtrata attraverso appositi occhialini assume la qualità del basso rilievo, le superfici degli oggetti e dei corpi si arricchiscono di una nuova dimensione.

In ultimo sarà possibile assistere alla micro-performance Stillivingrooms di Mirco Santi e Andrea Belfi all’interno di una casa privata, solo su appuntamento. Un delicato gioco di immagini super-8 dagli archivi di film amatoriali di Home Movies: una antologia di interni domestici accompagnata dal vivo con suoni concreti ottenuti da oggetti della vita quotidiana.

L’immagine coordinata di Netmage 08 è stata affidata a canedicoda (dopo Invernomuto e Moira Ricci 2007, Andrea Dojmi 2006, Simone Tosca 2005, Otolab 2004, Qubogas 2003, Loew 2002), che sarà presente inoltre come Nastro Mortal con un live nel programma di Mangrovia.

Artist presenti:
Live-Media Floor: Anaisa Franco/Theo Firmo (BR/E), Overground – Jade Boyd/Simona Barbera (AUS/I-N), Dafne Boggeri/Rhythm King & Her Friends (I/D), Chelpa Ferro feat. Multiplicidade (BR), Ricardo Caballero (Mex), emiter_franczak – Marcin Dymiter/Ludomir Franczak (PL), Luka Dekleva/Luka Princ¹ic¹/Miha Ciglar (Slo), Olyvetty – Riccardo Benassi/Claudio Rocchetti (I), Safy Sniper (D), DoraVideo (J), Julieta Aranda(Mex), Rev. 99 – 99 Hooker/Jin Hi Kim (USA/south Korea), VON (ES/IT), The Joshua Light Show played by Silver Apples in live (USA), Los super elegantes (Mex/Arg).

Cassero@Netmage: Ben Klock (D), Paul Kalkbrenner (D).

Mangrovia: Visomat/Errorsmith(D), Derek Holzer/Sara Kolster (USA/NL), Nastro Mortal (I), Russell Haswell/Florian Hecker (UK/D), Mylicon/EN (I), Prurient (USA), Carlos Giffoni (Venezuela), Demons (USA), Pita/Jade (UK/A).

Performative Environment: Zapruder filmmakersgroup (I).

Special Events: Edwin van der Heide (NL), Mirco Santi/Andrea Belfi (I).

PROGRAMMA:

Giovedì 24 Gennaio

Palazzo Re Enzo – Mangrovia
h 19.00-22.00
Visomat/Errorsmith (D) – Halbzeug – Surface Refinement
Derek Holzer/Sara Kolster (USA/NL)
Nastro Mortal (I)
VON (ES/IT) – choir
Pita/Jade (UK/A)

Palazzo Re Enzo – Live-Media Floor
h 22.00
Anaisa Franco/Theo Firmo (BR/E)
h 22.30
Overground – Jade Boyd/Simona Barbera (AUS/I-N)
h 23.00
Dafne Boggeri/Rhythm King & Her Friends (I/D) – You can wake up now, the universe has ended
h 23.30
Olyvetty – Riccardo Benassi/Claudio Rocchetti (I) – Nights Erase Days Erase Nights
h 24.00
Chelpa Ferro featuring Multiplicidade (BR)

Venerdì 25 Gennaio

Palazzo Re Enzo – Mangrovia
h 19.00-20.00
Russell Haswell/Florian Hecker (UK/D) – Upic Diffusion Session #15
Visomat/Errorsmith (D) – Halbzeug – Surface Refinement

Palazzo Re Enzo – Live-Media Floor
h 22.00
Ricardo Caballero (Mex)
h 22.30
emiter_franczak – Marcin Dymiter/Ludomir Franczak (PL)
h 23.00
Luka Dekleva/Luka Princ¹ic¹/Miha Ciglar (Slo)
h 23.30
Safy Sniper (Isr/D) – Giants of Rock/Star Search & Destroy
Dora Video (J)
h 01.20
Julieta Aranda featuring Nero magazine (MEX)

Sabato 26 Gennaio

Palazzo Re Enzo – Mangrovia
h 23.00-02.00
Mylicon/EN (I)
Prurient/Demons/Carlos Giffoni (USA/Venezuela) featuring No Fun Festival
Russell Haswell/Florian Hecker (UK/D) – Upic Diffusion Session #16
Visomat/Errorsmith (D) – Halbzeug – Surface Refinement

Palazzo Re Enzo – Live-Media Floor
h 22.00
Rev. 99 – 99 Hooker/Jin Hi Kim (USA/south Korea)
h 23.00
The Joshua Light Show played by Silver Apples in live (USA)
in collaboration with Bec Stupak
h 24.00
Los Super Elegantes (Mex/Argentina)
h 01.30
Il Cassero presents:
Ben Klock (D)
Paul Kalkbrenner (D)

Palazzo Re Enzo – Sala dell’Orologio – Performative Environment
Giovedì 24 + Venerdì 25 Gennaio
21.00-22.30-24.00
+ Saturday 26 January
19.30-21.00-22.30-24.00

Zapruder filmmakersgroup (I) – Daemon (L’Hegemonikon, L’Alleluja)
cinema da camera/anagliph projection
(reservations required)

Palazzo Re Enzo – VoltoneGiovedì 24 + Venerdì 25 + Sabato 26 Gennaio
Edwin van der Heide (NL) – Pneumatic Sound Field

Private Flat
Giovedì 24 + Venerdì 25 + Sabato 26 Gennaio
18.00
Mirco Santi/Andrea Belfi (I) – Stillivingrooms
(reservations required)

Ferrara
Piazza del Municipio
Giovedì 31 Gennaio + Venerdì 1 + Sabato 2 + Domenica 3 Febbraio
Edwin van der Heide (NL) – Pneumatic Sound Field

www.netmage.it