GALLERY@CALIT 2, CALIFORNIA UNIVERSITY OF SAN DIEGO - SAN DIEGO
UNTIL 04 DECEMBER 2010

Una mostra a cura di: Lev Manovich, Jeremy Douglass, William Huber


Con la partecipazione di: Adelheid Heftberger, Agatha Man, Alex Avrorin, Bertrand Grandgeorge, Chanda L. Carey, Christa Lee, Colin Wheelock, Daniel Rehn, Devon Merill, Jia Gu, Kedar Reddy, Laura Hoeger, Nadia Xiangfei, Nichol Bernardo, Ong Kian Peng (aka Bin), Rachel Cody, Sergie Magdalin, So Yamaoka, Steven Mandiberg, Sunsern Cheamanunku, Tara Zepel, Victoria Azurin, Xiaoda Wang.

 

Quest’autunno, la gallery@calit2 presenta una mostra realizzata da Software Studies Initiative (softwarestudies.com). Il laboratorio è diretto da Lev Manovich, professore di arti visive alla UCSD (University of California, San Diego) e ricercatore per Calit2; i principali partecipanti sono Jeremy Douglass (ricercatore per Calit2 a livello post-dottorato) e William Huber (studente per un dottorato in arti visive). Inoltre, studenti laureati e non laureati e insegnanti provenienti dai dipartimenti di Ingegneria Informatica ed Elettronica, Ingegneria Informatica, Comunicazione, Arti Visive e Calit2 parteciperanno alle attività del laboratorio.


Dal 2008, Software Studies Initiative si è concentrata sullo sviluppo di nuovi metodi e tecniche per l’analisi e la visualizzazione di media visivi e interattivi. La mostra avverrà contemporaneamente all’uscita di una serie di strumenti open-source, utilizzati per la realizzazione di tutte le opere della mostra. Nel corso dell’estate 2010, Software Studies Initiative ha avuto la straordinaria opportunità di utilizzare la gallery@calit2 come laboratorio di ricerca, analizzando 1 milione di pagine di Manga sui computer della galleria. L’esperimento continuerà durante l’intera mostra, con il calcolo e la visualizzazione giornaliera di nuovi risultati.

 


 

Il laboratorio utilizza il termine Cultural Analytics per fare riferimento alle tecniche di analisi e di visualizzazione di lunghe serie di dati culturali. Come afferma Lev Manovich “Per prima cosa, è stato il mio contatto con Calit2 – nello specifico, la visione di una nuova gamma di infrastrutture cibernetiche e la ricerca scientifica nel sistema di supervisualizzazione HiPerSpace e OptIPuter – che mi hanno fatto pensare a cultural analytics, tornando al 2005. Perciò è fantastico poter condividere con la comunità i risultati di questo lavoro ben cinque anni più tardi.


Per la mostra “Mapping Time”, il concetto è quello di rappresentare le “forme” del tempo culturale. Secondo Manovich, “il nostro obiettivo è dimostrare il modo in cui possiamo visualizzare i cambiamenti graduali avvenuti nel corso del tempo in una varietà di situazioni – da un singolo minuto di videogame, agli 11 anni di Naruto (il Manga più famoso) fino ai 130 anni del giornale Science (1880-2010).” La mostra include visualizzazioni di romanzi, video game, fumetti online, Manga, grafica in movimento, lungometraggi e pubblicazioni mass mediatiche, presentate tramite stampe su larga scala, animazioni e proiezioni generative in tempo reale.


Software Studies Initiative research è supportata da Calit2, CRCA, UCSD, il NEH Office of Digital Humanities e NSF.

 

 

 

http://www.softwarestudies.com

http://gallery.calit2.net