arebyte - London
07 / 07 / 2015 - 07 / 08 / 2015

Judgement è la mostra personale di Ariel Narunsky alla galleria arebyte di Londra. Judgement è un tentativo di utilizzare la percezione degli stadi come monumenti sociali, come specchio o simbolo della società contemporanea e della condizione umana.

Il progetto crea concetti e visioni riguardanti concetti come la motivazione, il significato, la soddisfazione, il controllo, la punizione e l’utopia, mentre tutto intorno si instaura un monologo interiore indirizzato verso il mondo dell’arte. L’opera rappresenta l’idea di un possibile progetto per l’opera d’arte più grande del Regno Unito, pubblica o meno, che sarà costruita al di fuori della struttura già esistente dello Stadio Olimpico di Londra 2012 al Queen Elizabeth Park.

In Judgement, l’opera non viene svelata; il lavoro è rappresentato da una pista da corsa a tre corsie immensa, avvolta da un muro a spirale. Al centro, la pista continuerà sottoterra, attraverso un tunnel, che catapulterà il visitatore nuovamente sulle strade di Londra e alla sua vita. La costruzione, una volta eretta, mira ad essere aperta tutto il tempo per tutti coloro che vengono e che vogliono farne parte, sia come spettatori sia come corridori, ponendosi come un’attività quotidiana all’interno della vita di un’intera comunità.

judgement2

La mostra ricorre all’estetica e alle idee sia dei punti di informazione che dei luoghi turistici da visitare, e saranno proprio questi elementi a gettare le basi dell’istallazione. Questa riempirà lo spazio della galleria con modelli stampati in 3D, progetti architettonici e rappresentazioni animate. Saranno accompagnati da una serie di elementi come poster promozionali, cataloghi e uno screening di un film, Unknown Game With Ultimate things, video registrato all’interno dello stadio che mostra i primi passi della costruzione di Judgement.

Il tipo di linguaggio scelto permette alle idee di cambiare tra vari settori e campi, ponendo dubbi e domandi sui parametri stessi dell’opera.

Il modo in cui la sincerità è rappresentata è in contraddizione con l’idea proposta; un’idea che oscilla tra l’inutilità, l’umorismo, la punizione e la profondità del cuore. Una battuta, un’osservazione critica o una soluzione sincera. La galleria avrà un piccolo tavolo da caffè e qualche sedia, l’istallazione offrirà un posto per sedersi, riposarsi, bere un drink e parlare mentre si è completamente immersi nell’opera. Dal sublunare al fantastico, alla salvezza e allo scherzo; questo è il nostro monumento e il nostro momento, questi sono Judgement e tutti i suoi derivati.

Nato nel 1987, Ariel Narunsky è un giovane artista emergente. Il suo lavoro non ha una base precisa; è basato sulle idee, sul risultato dell’osservazione. Il suo lavoro non è limitato in campi di interessi e offre un’accumulazione di conoscenze e concetti sintetizzati in semplici idee. Per il suo diverso corpo d’opera e per i suoi pensieri è stato affiancato a molte descrizioni e soprannomi, che lo dipingono come artista quasi sorpassato e senza sudore (un artista che non fatica).

Spesso, le opere di Narusky sono provocate dalla ricerca della soluzione, dall’umorismo e dal suo amore per l’informazione. Affronta le percezioni della società e dell’esistenza, risvegliando questioni di senso, soddisfazione, forza e controllo, contrastando il posto dell’artista in società, l’artista come profeta e la relazione tra l’artista, l’arte e il pubblico.


http://www.arebyte.com