REINA SOFIA NATIONAL MUSEUM - MADRID
20 - 25 APRILE 2009

Dopo Parigi a Novembre e prima di Berlino a Luglio, la 18° edizione di Rencontres Internationales Parigi/Berlino/Madrid torna per il terzo anno consecutivo a Madrid e promuoverà ancora una volta un o spazio per la scoperta e le riflessioni tra cinema e arte contemporanea.

Questo evento si terrà presso alcune sedi prestigiose e fondamentali della storia artistica di Madrid: il Museo Nazionale Reina Sofia, l’auditorium del Ministero della Cultura, il Centro di Arte Contemporanea Dos de Mayo (CAC), la Cineteca spagnola e la Tabacalera – il futuro Centro Nazionale per le Arti Visive –, con la collaborazione del Ministero spagnolo della Cultura, della Comunidad di Madrid e del Museo Nazionale Reina Sofia.

Gli Incontri I nternazionali Parigi/Berlino/Madrid sono uninci nel loro genere non solo per il triangolo formato dalle tre delle capitali più importanti d’Europa, ma anche per il loro desiderio di creare un dialogo tra i diversi settori creativi e, così facendo, propongono un’eccezionale introspezione nelle diverse pratiche audio-visive contemporanee . Il cinema e i documentari più all’avanguardia, la video art, le installazioni multimediali, il programma “Incontri Internazionali’ è il risultato di un’ampio processo di ricerca (su circa 6500 candidature ) e sono stati invitati diversi artisti, figure chiave nel mondo del cinema e dell’arte contemporanea.

Il Festival di quest’anno propone un programma senza precedenti che ha riunito 200 opere dalla Spagna, dalla Francia, dalla Germania e da altri 60 paesi, la maggior parte delle quali sono state esposte per la prima volta a Madrid alla presenza dei loro autori (sono stati invitati circa 150 artisti e direttori). Raccoglie interessanti proiezioni cinematografiche, una significativa mostra multimediale e video e una serie di conferenze.

 

Eventi speciali

Carta bianca ad ARTAVAZD PELECHIAN
Les Habitants (1970, 35 mm , bianco e nero, 10 min) / Les Saisons (1972, 35 mm , bianco e nero, 30 min)
Fin (1992, 35 mm , bianco e nero, 8 min) / Vie (1993, 35 mm , a colori, 6 min 30)

Carta bianca a PEDRO COSTA
Pedro Costa presenta uno dei suoi film (film tbc)

Première: PHILIPPE GRANDRIEUX – A Lake (2007, 1h30, Francia)
A Lake è il terzo lungometraggio di Philippe Grandrieux. Selezionato per la 65° edizione del Festival di Venezia.

Anteprima: KHALIL JOREIGE & JOANA HADJITHOMAS – I Want to See (2008, 35 mm , 75 min, Libano/Francia)
Con la partecipazione di Catherine Deneuve, Rahib Mroué

 

Una scelta di proiezioni:

Ogni proiezione affronta un tema interdisciplinare di diverso genere (approcci documentaristici, new fiction…) e diverse pratiche audiovisive (video, sperimentale…) e si possono trovare anche gli ultimi film (la maggior parte in anteprima) di Vasco Araujo (PT), Emmanuelle Antille (CH), Knut Asdam (NO), Herman Asselberghs (BE), Carles Congost (ES), Manon de Boer (NL), Pierre Coulibeuf (FR), Peter Downsbrough (USA), Christoph Girardet (DE), Ken Jacobs (USA), Yves Netzhammer (CH), Volker Schreiner (DE), William Wegman (USA), Liu Wei (CN).

Una scelta di proiezioni:

AFTER THE END : resti archeologici contemporanei di luoghi che sembrano fatti solo per fornire un rifugio per un’attesa senza fine, luoghi che sembrano avere dei legami con gli eventi passati.

RIVISITAZIONI : Filmati: citazioni cinematografiche come componente elementare per una ricostruzione narrativa, una riflessione sul cinema e un campo di ricerca per artisti plastici.

APPROCCI DOCUMENTARISTICI : Queste opere propongono diversi approcci – cinematografici, documentaristici e plastici – al problema del tempo e della scomparsa.

UNA DIGRESSIONE : Una connessione speciale con il tempo, un movimento attraverso le scene statiche, facendo propri i codici dei dispositivi fotografici

 

La mostra – “After the end / Faux raccords”

16 Aprile – 16 Maggio, a La Tabacalera (future National Centre for Visual Arts)

La Tabacalera era una società di tabacchi che, dopo essere caduta in rovina per circa dieci anni, è diventata il futuro Centro Nazionale per le Arti Visive. Uno spazio accogliente dall’intrigante architettura e storia, i suoi ampi saloni sono perfetti per ospitare la mostra e le sue opere di arte contemporanea: infatti, il solo fatto di organizzare una mostra alla Tabacalera è già di per sè un evento straordinario.

La mostra, che riunisce 35 artisti internazionali, presenta un viaggio multimediale e video, che comprende le opere in anteprima di Tony Cokes [US], Thomas Köner [DE], Antoni Muntadas [ES], Hans Op De Beek [BE], Charly Nijensohn [AR], RYBN [FR], Manuel Saiz [ES], Corinna Schnitt [DE], Übermorgen [AT], Lawrence Weiner [US].

 

Tavole rotonde

Gli Incontri Internazionali hanno invitato i direttori, i curatori, i direttori artistici e i programmatori provenienti da tutta Europa e dai musei nazionali extra-europei, i centri di arte contemporanea e le biennali nel settore del cinema contemporaneo, video e new media. I dibattiti proposti hanno lo scopo di sviluppare una riflessione sui problemi e sulle peculiarità tipiche di ogni paese per interrogarsi su questa nuova creazione, tanto da un punto di vista critico quanto da quello del pubblico e degli stessi artisti.

www.art-action.org/