LUOGHI VARI - ROVERETO
5 - 10 MAGGIO 2008

E’ l’arte e la creatività rapportate alle nuove tecnologie il tema della IV edizione di Futuro Presente, il Festival che trasforma Rovereto e il Trentino in palcoscenico privilegiato per osservare e avvicinarsi a personaggi, realtà e aspetti particolarmente significativi della cultura attuale. Dopo tre anni in cui la contemporaneità è stata indagata attraverso l’opera di grandi Maestri come Merce Cunningham, Philip Glass e Bernardo Bertolucci, in grado di fondere all’interno della propria ricerca gli apporti di linguaggi tra loro diversi dalla musica alla danza, dal teatro alle arti visive, dal cinema all’architettura e al design, l’edizione 2008 posa lo sguardo sul rapporto tra arte e nuove tecnologie.

E lo fa muovendosi tra omaggi ad artisti significativi come William Forsythe, Ryoji Ikeda, Klaus Obermaier, Joshua Davis e vere e proprie incursioni nelle forme creative più attuali e le tendenze più innovative della musica, del cinema e persino della virtualità e dell’interattività.

Proprio questi ultimi aspetti sono alla base delle installazioni che Studio Azzurro allestisce a Rovereto, nella parte storica della città, e che segnano con la loro presenza l’intero corso della manifestazione. Il gruppo di ricerca artistica nato nel 1982 è impegnato da ormai venticinque anni nell’indagine non solo delle possibilità poetiche ed espressive di mezzi come fotografia, arti visive, cinema, grafica, e animazione ma anche della loro influenza sulle relazioni nella nostra epoca.

Ruota attorno allo sguardo della telecamera sulle persone che abitano la città contemporanea – come si muovono nelle strade, come si fermano, quali pause, ritmi e direzioni segnano il loro rapporto con lo spazio – City of Abstracts , la grande installazione di William Forsythe, a tutt’oggi uno dei più grandi coreografi contemporanei, sotto la grande cupola del Mart mentre a legare gli aspetti più originali dei nuovi media alla danza ci pensa l’artista digitale Klaus Obermaier con lo spettacolo multimediale D.A.V.E . .

Sempre la piazza del Museo di Arte Moderna e Contemporanea di Rovereto ospita Joshua Davis pioniere del design algoritmico con opere alla Tate Modern di Londra, al Centre Pompidou di Parigi e al P.S.1 MoMA di New York.

Ampia la sezione dedicata alle nuove frontiere della musica e al suo rapporto con le immagini. Se da un lato Ryoji Ikeda, il più importante artista elettronico giapponese, propone la nuova versione integrale dell’acclamato concerto audio-visual datamatics [ver.2.0], dall’altro artisti come Christian Fennesz, Mouse on Mars, Vladislav Delay, Peter Christopherson (SoiSong), Erikm si confrontano con il cinema rielaborando e creando, espressamente per Futuro Presente, performance di musica e immagini. Abbandona completamente il senso della vista per uno spettacolo di paesaggi sonori “al buio”, invece, Francisco López mentre il collettivo Pfadfinderei – musicisti, programmatori, tipografi, graphic designers, video makers – da vita assieme a Modeselektor e a KrsnSkate a due performance multimediali di musica visuale. Altro gruppo che presenta due interventi audio-visual è il duo italiano koan0+ootchio .

Completano la rassegna gli incontri con Derrick De Kerckhove, Peppino Ortoleva, Domenico Quaranta, Maria Grazia Mattei, Lelio Camilleri, Bruno Fornara, Matteo Bittanti, Studio Azzurro, Giuseppe Baresi, N03, StalkerVideo, Umberto Fiori, Tommaso Leddi e la proiezione di pellicole particolarmente significative.

Il festival Futuro Presente è organizzato da Provincia Autonoma di Trento, Comune di Rovereto, Incontri Internazionali di Rovereto, Nuovo Cineforum Rovereto, Dissonanze Armoniche e MART Museo di Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto.

www.futuropresente.it