CCCB - Barcelona
7 / 10 / 2015 – 10 / 04 / 2016

Curato da: Cathrine Kramer

Il Centro di Cultura Contemporanea di Barcellona (CCCB) in associazione con la Science Gallery del Trinity College Dublin presentano la mostra Human+. Il futuro della nostra specie.

Cyborg, superuomini e cloni. Evoluzione o estinzione? Cosa significa essere un umano oggi? Cosa significherà esserlo tra un centinaio di anni? Le capacità tecniche stanno crescendo a un ritmo sostenuto: dovremmo continuare a sposare le modifiche dei nostri pensieri, corpi e vite quotidiane, o ci sono dei limiti che non dovrebbero essere superati?

Esponendo il lavoro di 50 artisti e proposte di ricerche pionieristiche, HUMAN+ esplora possibili percorsi futuri per la nostra specie. Da tecniche di riproduzione assistita ed esperimenti iniziali nel campo della biologia sintetica fino alla possibilità di renderci eterni attraverso il regno digitale, le nostre vite sono condizionate, mediate e definite dall’esplosione e dalla convergenza di campi scientifici e tecnologici.

HUMAN+2

Il XXI secolo sarà caratterizzato dalla convergenza di campi come la biotecnologia, la robotica e l’intelligenza artificiale. Utilizzare processi biologici, controllare apparecchiature digitali e meccaniche e creare intelligenze non biologiche va al di là della comprensione umana –  tutti questi progressi sollevano questioni etiche sull’appropriazione della vita e sull’alterazione del sé. HUMAN+ offre un’approfondita analisi dei confini scientifici, etici e legali di questi possibili futuri.

La realtà virtuale sarà la nuova realtà? Cosa succederebbe se un robot sapesse quello che vogliamo prima di noi stessi? Come possiamo modificare noi stessi per adattarci a un ambiente sottoposto a una drastica trasformazione? La longevità è una nobile aspirazione o una terribile minaccia per il pianeta? In futuro, chi possederà le nostre informazioni genetiche?

Da sottili provocazioni a gesti plateali, le opere d’arte di questa mostra considerano il modo in cui questi cambiamenti possono essere adottati e assimilati. Il valore della speculazione non è la previsione, ma la riflessione. Per cosa stiamo lottando? Stiamo progettando il nostro futuro, consapevolmente o inconsapevolmente, e ogni creatore, di qualunque disciplina, giocherà un ruolo importante in questo processo. In questa mostra, artisti, designer e scienziati immaginano e meditano su molti possibili futuri.

HUMAN+ 3

Prima presentata alla Science Gallery Dublin nel 2011, HUMAN+ riemerge ora in qualità di co-produzione, presentando molte opere aggiuntive, e venendo accompagnata sia da una vasta serie di eventi sia da un nuovo catalogo. La mostra fa sfoggio della prima co-produzione di CCCB con la Science Gallery, che hanno ricevuto un’acclamazione internazionale per un approccio transdisciplinare che fa da ponte tra arte e scienza e unisce il lavoro di artisti internazionali di tutto rispetto con la ricerca in via di sviluppo.

Artisti e progetti: Anthony Dunne e Fiona Raby, Addie Wagenknecht, Arne Hendriks, Liam Young, Agatha Haines, The Center for PostNatural History, Regina José Galindo, Laura Allcorn, Bryan Lewis Saunders, Ramon Guillén-Balmes, Marc Owens, Lorenz Potthast, Chris Woebken e Kenichi Okada, The Alternative Limb Project (Sophie de OIiveira Barata), DIY Bio Bcn, Niko von Glasow, Jacob Peter Gowy, S.W.A.M.P. (Matt Kenyon), Nina Sellars, Cyborg Foundation (Neil Harbisson and Moon Ribas), Cao Fei, Howard Schatz, Julijonas Urbonas, To Be Another Lab, Heidi Kumao, Louis-Philippe Demers, Yves Gellie, Nikolaus Geyrhalter, Zoe Papadopoulou e Anna Smajdor, EventLab for Neuroscience and Technology, Tissue Culture and Art Project (Oron Catts e Ionat Zurr), James Auger e Jimmy Loizeau, Jaemin Paik.

HUMAN+ 4

La mostra include uno spazio integrato di attività: la Beta Station, gestita da una squadra di mediatori. Le principali attività organizzate all’interno della mostra includono incontri con gli artisti, esperimenti con gli esperti di robotica, neurotecnologia, realtà virtuale, incontri con i biohacker, workshop, stagioni cinematografiche e un’ampia gamma di conversazioni e dibattiti.


http://www.cccb.org/

https://dublin.sciencegallery.com/