Helsinki
27 / 03 - 04 / 05 / 2014

La Helsinki Photography Biennial è lieta di annunciare la nomina di Basak Senova come curatrice della HPB14. La biennale avrà luogo il prossimo anno dal 27 marzo al 4 maggio. Inoltre HPB14 ha invitato la Mustarinda Association (Finlandia) allo sviluppo del tema della biennale del 2014, che esamina relazioni causali connesse a questioni ecologiche, e alla costruzione di una sezione che presenti una visione critica d’immagini della natura.

Helsinki Photography Biennial si compone di una serie di eventi incentrati sull’arte contemporanea fotografica e visuale e viene organizzata ogni due anni in primavera dalla Union Artists Photographers in Finlandia. HPB14 è una produzione della Union of Artist Photographers / Photographic Gallery Hippolyte in collaborazione con The Finnish Museum of Photography.

Basak Senova è curatrice e designer di base a Istanbul. La sua produzione scritta si occupa d’arte, tecnologia e media. Ha inoltre dato il via e sviluppato progetti, nonché curato mostre dal 1995. Senova ha studiato Letteratura e Graphic Design (Laurea specialistica in Graphic Design e dottorato di ricerca in Arte, Design e Architettura presso la Bilkent University) e ha frequentato il 7° Programma di Training Curatoriale di Stitching De Appel ad Amsterdam.

helsinki3

Senova è una corrispondente per ibraaz.org, nonché uno dei membri fondatori di NOMAD e organizzatrice di “ctrl_alt_del” e Upgrade!Istanbul. È redattrice di svariate pubblicazioni, tra cui art-ist 6, Kontrol Online Magazine, Unrecorded, Lapses book series, UNCOVERED,Aftermath, The Translation, D-0 ARK Underground. 

Senova è stata la curatrice del Padiglione della Turchia alla 53esima Biennale di Venezia (2009). Ha insegnato come assistente di un professore presso la Facoltà di Comunicazione della Khadir Has University di Istanbul (2006-2010) e al momento insegna presso la Koc University. Attualmente si occupa della co-curatela del progetto UNCOVERED (2010–2013) a Cipro con Pavlina Paraskevaidou e della 2° Biennale d’Arte Contemporanea, D-0 ARK Underground (2013) in Bosnia-Erzegovina con Branko Franceschi. Di recente è stata nominata presso l’Art Gallery Chair of Association for Computing Machinery’s Special Interest Group (ACM) “SIGGRAPH 2014″ a Vancouver.

Per HPB14, Basak Senova si indirizza verso il tema dell’”Ecological Fallacy”. In statistica, l’ecological fallacy descrive quegli errori dovuti all’utilizzo di aggregati di dati per lo svolgimento di analisi mentre si cerca di arrivare a conclusioni circa le singole unità. Gli errori si verificano in parte per aggregazione spaziale. In questo contesto, la biennale si propone di investigare gli errori della conoscenza ecologica. Di conseguenza, la biennale è alla ricerca di approcci e prospettive artistiche simili per poter produrre e analizzare discorsi critici, sociali e culturali evidenti su tali errori. Durante il corso di tale processo, gli archivi saranno strumenti essenziali per la biennale. In questo modo, HPB14 promuoverà connessioni per l’interscambio tra i dati ecologici e gli archivi fotografici.

Inoltre, Basak Senova ha invitato Branko Franceschi (Zagabria) per la co-curatela di una sezione speciale della biennale.

helsinki2

Mustarinda Association ha dato il via a quattro processi artistici basati sulla ricerca per esaminare in modo critico lo sviluppo di immagini rappresentanti la natura, concentrandosi sugli archivi, l’architettura, le foreste e l’energia. I risultati verranno esposti con titolo Focal Views come parte della HPB14. In questi processi il lavoro teoretico è connesso all’esperienza fisica attraverso workshop svolti presso la Mustarinda House, situata nei pressi di una foresta antica nella Finlandia centrale. Questa combinazione apre le porte alla possibilità di sviluppo e svolgimento di pratiche focali che resistono all’alienazione, presentando gli oggetti nelle loro forme specifiche, insostituibili e concrete.

Mustarinda è un’organizzazione no-profit fondata in Finlandia nel 2009 per incoraggiare la diversità ecologica e culturale. Mustarinda studia le strutture culturali e socio-economiche della società, dominate in larga parte da diversi aspetti della crisi ecologica. Già durante i primi anni più di un centinaio di professionisti dell’arte e della ricerca hanno partecipato ai programmi di residenza e ai diversi eventi e mostre organizzati da Mustarinda. www.mustarinda.fi


http://www.hpb.fi/