MULTIMEDIA CENTER KIBERPIPA - LJUBLJANA
3 - 11 NOVEMBER 2008

 

HAIP è un Festival Multimedia Internazionale di Tecnologie Aperte, organizzato da Zavod K6/4 – open multimedia center Kiberpipa di Liubiana. Il HAIP Festival mette in evidenza le forme d’arte multimediale che risultano da un uso creativo delle tecnologie aperte. Il festival ospita quindi individui e gruppi che lavorano con approccio critico alle nuove tecnologie che ci circondano e che modellano il nostro ambiente quotidiano. Essi generalmente usano tecnologie aperte, sia come scelta pratica che ideologica. Le moderne pratiche tecnologiche e creative, fanno infatti spesso riferimento alle diverse possibilità e scelte a disposizione dell’individuo, perchè ognuno è coinvolto nel progresso e nello sviluppo sociale.

La linea principale di presentazione si focalizzerà quindi sulle nuove forme d’arte con media digitali, mettendo grande enfasi sugli aspetti tecnici e legali dei nuovi media digitali ad accesso libero. Il tema della terza edizione del festival biennale è Hacktopia ed è stato scelto in riferimento al tema corrente del coinvolgimento politico nei cambiamenti delle strategie nazionali relative alla digitalizzazione dei mass media e del significato politico, contestuale e creativo che queste conseguenze si portano dietro.

Questo focus cerca di porsi delle domande sui risultati della realtà attuale delle pratiche di media art creative supportate da tecnologie open source, e sulle dimensioni di libertà di espressione al loro interno. Inoltre, essa si pone domande sulle possibilità irreali, non realistiche e non realizzate che sono portate fuori dai movimenti dell’open source e del copy left, per l’estensione della giustizia, della creatività, dell’interattività e del progresso nella società tecnologica. La domanda centrale è: hacktopia, come continuum di utopia e distopia? E’ possibile disegnare dei paralleli tra codice aperto e chiuso? Dove sta la libertà di espressione artistica nel media open source? E per ultimo, è necessario sollevare delle domande su come sia possibile hackerare i paradigmi della nostra società.

Il Festival avrà luogo in diverse location di Lubiana con mostre, installazioni e performance e interventi in spazi pubblici nel centro della città, lectures, club nights e tavole rotonde.

Programma:

Alle 19.00: apertura della mostra presso la Gallery Vaigalica (la mostra durerà fino al 9 Novembre). Saranno presentati i seguenti progetti:

ALEX DAVIES/TIME´S UP/ The Black Box Sessions
TANJA VUJINOVIĆ/Amjumix
ROCH FOROWICZ/ Interception
ROSA MENKMAN/ Radio Dada
ROBERTINA ŠEBJANIČ IN LUKA FRELIH/ Pufination
PASQUALE NAPOLITANO/ SoundBarrier
MICHELE SPANGHERO/ A Short-Lived Fault in the System
DARIJ KREUH IN JANEZ JANÅ A/Brainscore
JANEZ JANÅ A/Brainloop

Alle 21.00 presso Kiberpipa: performance di apertura THE PIRATE BAY IN Piratbyran: s23x – Ollibolli

S23X è un autobus cittadino modificato. L’autobus andrà da Bolzano a Ljubljana. The Pirate Bay e Piratbyran sono in esodo dalle acque non amichevoli dell’Italia, dove il loro city bus di Stoccolma modificato è stato ospitato da Manifesta 7. L’esodo di System 23 farà una prima tappa al Oktobarski Salon di Belgrado al HAIP festival. A lubiana, S23X si cimenterà in una serie di distruzioni o fallimenti tecnici, inclusa l’apertura dell’HAIP, lasciando sul suo percorso due connessioni per il futuro.

Alle 21.00 presso il Caffe Metropol e Kiberpipa ci sarà l’apertura della seconda mostra (la mostra durerà fino al 9 Novembre). Saranno presentati i seguenti progetti:

ANDERS CARLSSON aka Goto80/ HT Gold
LUKA PRINČIČ/ in-between gaze
KRUNO JOÅ T & RICARDO PALMERI/ Culture Robot
MAJA SMREKAR/ System Cassio:pia
INGO LEINDECKER AND DORIS PRLIĆ IN COLLABORATION WITH MARIOM
KISHALMI/RADIO FRO 105,0 MHz/ Out of Demand

www.haip.cc