Kunst Halle Sankt Gallen - St Gallen
18 / 10 / 2014 - 11 / 01 / 2015

C’è un mondo parallelo al di sotto della superfice di Internet: la Darknet è una rete crittografata e invisibile alla quale non si può accedere attraverso browser convenzionali o motori di ricerca, ma che viene quotidianamente utilizzata da milioni di persone. Questo territorio digitale è lo spunto per la cooperazione tra il collettivo artistico !Mediengruppe Bitnik (Carmen Weisskopf e Domagoj Smoljo), il progetto :digital brainstorming di Migros-Kulturprozent e la Kunst Halle Sankt Gallen. Forme di organizzazione, strutture e sistemi di comunicazione che permeano la vita di tutti i giorni, ma che sono in gran parte sconosciuti al pubblico, saranno esaminati con l’aiuto di differenti artisti, teorici e hacker.

La mostra The Darknet. From memes to Onionland. An exploration aprirà la Kunst Halle Sankt Gallen ad esplorazioni interdisciplinari e alla comprensione di temi come il diritto d’autore, la privacy, l’illegalità e la resistenza.

La consapevolezza pubblica dell’esistenza della Darknet, chiamata anche Deep Web o Onionland, è aumentata a seguito dei recenti avvenimenti. Ha una cattiva reputazione e vi si possono acquistare droga, armi, pornografia, dati rubati e documenti falsi. Tuttavia, le rivelazioni di Edward Snowden sembrano aver deviato questa percezione unilaterale. La Darknet è apparentemente uno spazio senza potere con un potenziale che è ancora poco conosciuto e, ancor meno, utilizzato. I partecipanti vogliono considerare seriamente e in modo critico questo fattore e articolare i suoi meccanismi e i suoi sistemi non trasparenti.

darknet2

Alcuni progetti artistici accedono direttamente ai dati e ai mondi visivi dal Deep Web. Per esempio, !Mediengruppe Bitnik trasferisce prodotti e giochi da questa sottocultura Internet in uno spazio artistico, mentre Eva e Franco Mattes presentano le reazioni a un video proveniente da Onionland. Il lavoro di Cory Arcangel rimane nascosto ai visitatori della mostra: egli si occupa della visibilità della Kunst Halle sul web. Altri artisti hanno a che fare con fenomeni Internet che esistono anche nel web di superficie e che si trovano in una zona d’attrito tra l’anonimato e il commercio: Robert Sakrowski si sta occupando dei filmati di YouTube sulla storia di Anonymous, Valentina Tanni ha messo a disposizione il proprio archivio di meme e Simon Denny solleva domande sui modelli di business, reddito e proprietà in tempi di interscambio globale di dati. Al contrario, Heath Bunting esamina la memorizzazione dei dati in relazione alle identità, che sono costruite grazie a shopping card, carte di credito o telefoni cellulari. L’artista affronta così anche il tema del sistema di classi. Per contro, un’identità può anche essere eliminata – come dimostra Seth Price con How to disappear in America.

Con questa mostra la Kunst Halle Sankt Gallen collega il visibile e l’invisibile, mondi tra loro intrecciati – dai Meme a Onionland. Consapevole delle incertezze a questo riguardo, la galleria intende fornire un approccio da diverse prospettive. È un tentativo di comprendere questo fenomeno estremamente controverso dei nostri tempi, attraverso contributi artistici, materiali d’archivio, laboratori e dibattiti. Il format della mostra offre ai visitatori l’accesso all’underground digitale e solleva interrogativi su nozioni familiari – La Kunst Halle Sankt Gallen si trova ora anche in Onionland all’indirizzo
http: //vtw7g7wcdsgxq4ru.onion/

darknet3

!Mediengruppe Bitnik: Carmen Weisskopf: * 1976 a Basilea (CH), vive e lavora a Zurigo; Domagoj Smoljo: * 1979 a St. Gallen (CH), vive e lavora a Zurigo

Cory Arcangel: * 1978 a Buffalo (USA), vive e lavora a New York

Aram Bartholl: * 1972 a Bremen (D), vive e lavora a Berlino

Heath Bunting: * 1966 a Londra (UK), vive e lavora tra l’altro a Bristol

Simon Denny: * 1982 a Auckland (Nuova Zelanda), vive e lavora a Berlino

Eva und Franco Mattes: * 1976 a Brescia (I), vivono e lavorano a New York

Seth Price: * 1973 a Gerusalemme (IL), vive e lavora a New York

Robert Sakrowski: * 1966 a Berlino (D), vive e lavora a Berlino

Hito Steyerl: * 1966 a Monaco (D), vive e lavora a Berlino

Valentina Tanni: * 1976 a Roma (I), vive e lavora a Roma


http://www.kunsthallesanktgallen.ch/en/

http://www.digitalbrainstorming.ch/de/about/