IMC Lab + Gallery - New York
12 / 10 / 2013 - 27 / 11 / 2013

The IMC Lab + Gallery è lieta di presentare “Climate Art: New Ways of Seeing Data”, una mostra sul data visualization curata da Isabel Draves, fondatrice di LISA (Leaders in Software and Art). L’ esposizione sarà in mostra dal 12 ottobre al 27 novembre e sarà parte integrante di Marfa Dialogues/NY, un progetto sulla scienza che si occupa di cambiamenti climatici, attivismo ambientale e pratica artistica, diffuso in tutta la città di New York nei mesi di ottobre e novembre.

Marfa Dialogues/NY presenterà più di 20 Program Partner, inclusa la The IMC Lab + Gallery, e un’ampia varietà di mostre, performance e dibattiti interdisciplinari a metà tra arte e cambiamenti climatici.

Le cose che una volta credevamo infinite possono essere quantificate? Se non sono infinite, avranno una fine?

Grazie ai lavori di Aaron Koblin, Ben Fry, Ursula Endlicher, Nathalie Miebach, Karolina Sobecka e Camille Seaman, questa collezione riunisce per la prima volta una selezione di  opere realizzate da determinati artisti del software che provano a misurare il non misurabile: lo sguardo diretto, l’esistenza, il cielo, il potere. Guardando attraverso le lenti di Climate Change, queste opere ci invitano a riflettere sul nostro rapporto con il mondo naturale, e ci pongono dinanzi a un dubbio: ci si chiede se qualcosa che sembrava essere impassibile, impenetrabile e inamovibile – il globo, la terra su cui stiamo, questa Terra – sia, infatti, tanto fragile quanto una nuvola.

climate1

Se prendere le misure di qualcosa significa farsene un’opinione, i dati su cui si basano queste opere ci fanno riflettere più attentamente sulle logiche del nostro ambiente. L’esposizione invita lo spettatore ad osservare il nostro ecosistema e a considerare l’impatto che ha l’uomo su di esso come una forza reale e quantificabile.

“In un’era di cambiamenti climatici ed estinzioni di specie, è di vitale importanza provare a documentare i dettagli di ciò che rimane. È altrettanto logico fermarsi di tanto in tanto per considerare ciò che non può essere calcolato”. Autore, Akiko Bush, The Incidental Steward: Reflections on Citizen Science


http://www.theimclab.com/