GALERIE EIGEN + ART - LIPSIA
17 SEPTEMBER 2005

Dopo le due personali “anti reflex” al Schirn Kunsthalle Frankfurt e “syn chron” al Neue Nationalgalerie Berlin nel 2005, Carsten Nicolai presenta ora il suo ultimo lavoro “inver” alla Galerie EIGEN + ART di Lipsia.

Lo spettacolo di Lipsia può essere annoverato come una continuazione dell’esamina dell’artista del concetto di polarità: se a Francoforte “anti reflex” era una stanza bianca e nera come una concretizzazione dei poli “reflex” e “anti”, a Lipsia si tratterà di una riduzione di questo concetto a un unico punto bianco e nero.

La superficie infatti del punto nero che caratterizza “inver” è in grado di assorbire quasi qualsiasi tipo di luce esistente, essendo, grazie al suo grado di assorbimento della luca pari al 99.7%, il tipo nero più scuro esistente sul mercato attualmente

Carsten Nicolai utilizza inoltre in questa nuova installazione un laser per progettare un punto di luce bianco, che sarà posizionato in perfetto contrasto al punto nero al punto che sarà difficile percepirlo per l’occhio umano. Ciò che interessa infatti all’artista in questo caso non è più la semplice polarità della riflessione e dell’assorbimento, quanto soprattutto le possibili interazioni e scambi tra i punti di luce e di assorbimento.

Come tutti gli ultimi lavori di Carsten Nicolai quindi, anche “inver” si presta a molte differenti interpretazioni, filosofiche, scentifiche e sensoriali. Senza dimenticare che questo nuovo lavoro costituisce un vero punto di rottura nel processo di “materializzazione” seguito da Nicolai nei suoi ultimi lavori, grazie al processo di riduzione che lo caratterizza, pur costituendo un ulteriore gradino del processo creativo dell’artista tedesco.

“inner” è stato realizzato grazie all’aiuto del Dr. Richard J C Brown (National Physical Laboratory Super Black) e del’azienda Jenoptic Laser.Optic Systems (Jenlas® White Light)

www.eigen-art.com

www.raster-noton.de/