FABIO PARIS ART GALLERY - BREESCIA
20 JANAURY - 3 MARCH 2007

Spettacolo curato e catalogo editato da Domenico Quaranta

In occasione della loro seconda mostra presso la Galleria Fabio Paris, e per la prima volta in Italia, Eva and Franco Mattes (0100101110101101.org) esibiranno il progetto per il quale sono stati premitati al Premio New York 2006.

Per oltre un anno, Eva e Franco Mattes hanno vissuto nel mondo virtuale di Second Life, esplorando il suo territorio e interagendo con i suoi abitanti. Il risultato di questsa “video game flânerie” è una serie di ritratti caratterizzati da colori brillanti, luci artificiali, ombr poligonali, e prospettive surreali, tipiche dei mondi virtuali. Oltre a tutto ciò, la serie riflette sugli sviluppi tecnologici che consentono la creazione di identità alternative all’intertno di mondi simulati.

“LOL” prosegue il lavoro iniziato con “13 Most Beautiful Avatars”, un progetto espositivo che coinvolge lo spazio fisico della Italian Academy in New York e lo spazio virtuale della Ars Virtua Gallery (curata da Rhizome.org).

“LOL” contienee cinque ritratti e un trittico, tutti dedicati ad avatars femminili. Il titolo della mostra è un’espressione molto usata nelle comunità online per esprimere sentimenti di ilarità (“Laugh Out Loud” o”Lots Of Laughs”) o come saluto confidenziale (“Lots Of Love”). Il fatto che 01.org rifiutino di spiegare il significato di questa comunicazione web, lascia il tutto aperto alla libera interpretazione: un linguaggio artificiale per forme di vita artificiali? Un tocco di sarcasmo per interpretare un lavoro che può essere interpretato prima di tutto da un punto di vista estetico? Oppure, la scoperta che dietro il display di questi spiriti appartenenti a mondi virtuali si cela un profondo senso di ansia, di tragedia che a volte emerge da queste belle faccie?

In occasione della mostra, la galleria pubblicherà un libro intitolato “Portraits”, che esplora tutte le fasi di questo lavoro

www.fabioparisartgallery.com

www.0100101110101101.org

www.domenicoquaranta.net/english.html