Internet

I was raised on the Internet

Quasi 100 opere che spaziano tra fotografia, pittura, scultura, film e video, ma anche nuove tecnologie ed elementi interattivi, in una mostra che si focalizza su come internet abbia cambiato il nostro modo di vivere il mondo. I Was Raised on the Internet documenterà un momento specifico, dal 1998 ad oggi, e si concentrerà sui cambiamenti del millennio.... READ MORE...

Nam June Paik Art Center ospita la mostra “Common Front, Affectively”

In Common Front, Affectively, le relazioni tra l'individuo e la collettività in materia di connettività e isolamento, tra gli affetti manifestati e controllati, emergono sulle onde di una moltitudine di voci: la mostra è organizzata e ospitata da Nam June Paik Art Center, Gyeonggi Cultural Foundation, e curata da Hyunjeung Kim e Seong Eun Kim.... READ MORE...

“de-leb”: una mostra collettiva sul valore acquisito dai dati

de-leb, che sta per dead celeb, è una mostra collettiva che si interroga su come il valore sia maturato attraverso l'analisi dei dati del quantified self da parte di aziende come Cambridge Analytica. Realizzata da Ami Clarke in collaborazione con Paul Purgas e Tom Pearson, la mostra ospita un esperimento di scrittura collettiva, con la partecipazione di artisti, scrittori ed esperti di tecnologie.... READ MORE...

I “Social Facts” di Susan Hiller alle OGR

Social Facts è il titolo scelto da Susan Hiller per la sua mostra alle OGR, curata da Barbara Casavecchia. Hiller è affascinata da come la tecnologia influenza la nostra percezione del mondo e da quanto Internet sia oggi un gigantesco archivio globale di racconti, storie e confessioni, ora che la comunicazione viaggia attraverso le “bolle” individuali e collettive dei social media.... READ MORE...

New Imaginaries for Crypto Design

Molti di noi utilizzano regolarmente il Deep Web. Come possiamo cominciare a capire le strutture che rendono possibili tutte queste azioni quotidiane? Quali interpretazioni visive possono gettare luce sulle acque profonde e costituire una metafora più particolareggiata di quella di un iceberg? A cura di Patricia de Vries, una mostra al NeMe Arts Centre di Cipro si immerge nelle aree meno conosciute del web.... READ MORE...

Internet come network e piattaforma per l’arte nella sfera pubblica

Nell'era di Internet il dibattito sulla sfera pubblica è diventato sempre più attuale. Claire Burke prende in esame Il concetto di sfera pubblica di Habermans e come la sua preoccupazione principale, l'idea che la società dipenda dalla comunicazione, sia rilevante per definire il ruolo di Internet nell'evoluzione di una società globale in rete, e come questo possa essere utilizzato come uno spazio creativo tanto quanto sociale per discutere e fruire l'arte.... READ MORE...

Rafaël Rozendaal: GENEROSITY

La mostra in corso nelle gallerie del Towada Art Centre costituisce la prima esposizione personale delle opere di Rafaël Rozendaal, una delle figure internazionali più originali e importanti nel campo della net art. in un'istituzione d'arte pubblica, non solo in Giappone, ma in tutto il mondo. Attraverso una varietà di mezzi espressivi l'universo di Rozendaal si estende anche al di là di internet fin nello spazio fisico.... READ MORE...

Lorna Mills: The great code

La galleria TRANSFER presenta la terza mostra personale di gif animate di Lorna Mills, una perfetta analogia del modo eterodosso e non lineare in cui oggi consumiano le informazioni, che costituisce il nuovo modello per la tradizione di pensiero occidentale. La mostra si chiuderà con una serie di proiezioni in occasione del quinto anniversario della galleria.... READ MORE...

Art in the Age of the Internet, 1989 to Today

Inaugura oggi all'ICA la prima grande mostra collettiva negli Stati Uniti dedicata all'impatto radicale della internet culture sulle arti visive. Curata da Eva Respini, Barbara Lee e Jeffrey De Blois e comprensiva di 60 artisti, la mostra include oltre 70 opere in una varietà di media, tra cui pittura, performance, fotografia, video, progetti web e realtà virtuale.... READ MORE...

New World Order

Attraverso opere d'arte sperimentali, una nuova mostra co-curata dai direttori di Furtherfield, Ruth Catlow & Marc Garrett, immagina un mondo in cui la responsabilità per alcuni aspetti della vita umana sia automatizzata e delegata alla blockchain, trasferita una volta per tutte da sistemi naturali e sociali a registri digitali computerizzati, sicuri e in rete.... READ MORE...

Ridefinire l’esperienza dell’arte: digitalizzazione e archivi 3D

La distruzione dei siti e delle opere d'arte del patrimonio mondiale a Mosul nel febbraio 2015, ha innescato un movimento globale di digitalizzazione e conservazione di opere e monumenti importanti. Questo processo sta trasformando la nostra esperienza dell'arte, in quanto ogni oggetto scansionato è ora accessibile a prescindere da dove si trova e da chi lo possiede, mostrando che l'archivio 3D è un'affascinante spada a doppio taglio.... READ MORE...

Unire forma estetica e funzione tecnica. Intervista con Michael Takeo Magruder

Michael Takeo Magruder è un ricercatore e visual artist che lavora con i nuovi media realizzando opere in e su Internet. Il suo lavoro esplora temi che spaziano dalla critica dei media al giornalismo estetico e dal formalismo digitale all'estetica computazionale, sfruttando tecnologie e sistemi dell’Era dell’Informazione per analizzare il nostro mondo mediatico ed iperconnesso.... READ MORE...

SITUATIONS / Post Fail

Il Link Art Center è lieto di annunciare la mostra SITUATIONS/Post Fail. Curata da Matteo Cremonesi, in collaborazione con Fotomuseum Winterthur, la mostra apri... READ MORE...

Quando la smart home diventa una smart prison

Lo sviluppo costante e incontrollato dell’Internet delle cose sia negli Stati Uniti che in Europa, apre le porte a problematiche inerenti non solo lo sfruttamento dei dati aziendali e i controlli esercitati dallo Stato, ma anche la sorveglianza, la coercizione e il controllo delle relazioni personali.... READ MORE...

Seth Price – Social Synthetic

Al Museo Brandhorst la prima mostra internazionale dell'artista americano Seth Price: oltre 100 opere che sfruttano le dinamiche di produzione e commercializzazione della musica, della moda e dell'industria letteraria per affrontare i cambiamenti epocali che si sono verificati all'interno della cultura visiva e che sono andati di pari passo con l'onnipresente ascesa del digitale.... READ MORE...