08 – 13 / 02 / 2020

Adiacenze – Bologna

Docenti Marco Mancuso – Daniela Tozzi


Presentato e sviluppato insieme a Daniela Tozzi dello spazio per l’arte Adiacenze di Bologna, il workshop “Arte e Futuro. Dalla teoria al progetto artistico tra tecnologia e scienza” è pensato per artisti, curatori, producer, designer, chi fa parte del mondo della comunicazione o del marketing culturale, per conoscere le pratiche artistiche, le traiettorie produttive, le dinamiche dei mercati e per capire come affrontare il work in progress di un progetto artistico nel contesto della New Media Art.

Nel momento in cui riflettiamo su come le tecnologie siano ormai presenti nelle nostre vite quotidiane, siamo sempre più propensi a pensare non solo a come esse potrebbero essere usate in maniera più consapevole ed efficace, ma anche come modelleranno le nostre vite nei prossimi anni.

Il concetto stesso di futuro è radicalmente cambiato: infatti, il futuro è fatto di tecnologie che sono già nel presente, che già utilizziamo, che diventeranno sì più efficaci da un punto di vista strettamente tecnico, ma che soprattutto entreranno in modo radicale e sostanziale nelle nostre menti, nei nostri corpi, nelle nostre attitudini, modellando il nostro carattere e la nostra stessa natura.

Sono gli artisti e i designer della nostra contemporaneità, nonché il contesto intellettuale composto da critici, scrittori, analisiti e curatori gli unici che – a oggi – sembrano riflettere con il giusto approccio e grande capacità di analisi, sui possibili effetti delle tecnologie nelle nostre vite e su come sta evolvendo il paradigma uomo-macchina-ambiente.

Il filone di analisi, sul quale si basa l’intero workshop, si muove e si articola quindi attraverso quattro diversi ambiti di indagine e riflessione del nostro essere donne e uomini del nuovo millennio tecnologico, che sono il solo vero ponte intellettivo, morale e politico lanciato dal presente verso il futuro grazie all’utilizzo degli strumenti e dei codici dell’arte contemporanea:

1) la dipendenza tecnologica e il suo impatto sulle nostre identità;

2) il rapporto biunivoco tra reale e virtuale, tra concreto ed effimero;

3) il corpo espanso e la compenetrazione tra tecnologia, carne e pensiero;

4) il rapporto tra uomo e natura, in un rapporto consapevole con l’ambiente.

Metodologia e obiettivi del workshop

Il workshop è composto di tre parti. In una prima parte di introduzione si analizzerà il contesto, cosa è la New Media Art e quali sono i suoi ambiti produttivi principali e la sua rete di istituzioni ed eventi culturali.

A seguire ci sarà una seconda parte di visione critica di materiali, descrizione delle opere e discussione in classe, e infine una terza parte che vedrà gli studenti coinvolti nella progettazione di un lavoro artistico. Prendendo spunto dai materiali visionati, gli studenti saranno divisi in gruppi e chiamati a progettare un’opera, dalla fase di concept allo sviluppo creativo, per immaginare il nostro futuro, plasmarlo e modellarlo sulla base non di mere necessità, ma di elementi poetici e creativi. In altre parole, artistici.

Quattro sono gli obiettivi principali:

1) definire e circoscrivere criticamente gli ambiti dell’arte contemporanea che sono caratterizzati da uno stretto rapporto con la tecnologia e la ricerca scientifica più avanzata e con ambiti disciplinari affini come il design, la musica, l’architetura, la performance, la moda, Internet e l’interattività, all’interno di un contesto artistico e culturale che negli ultimi due decenni ha preso il nome di New Media Art;

2) illustrare il contesto internazionale di creazione, esposizione e rappresentazione della New Media Art contemporanea nel circuito dei più importanti musei, istituzioni, gallerie, festival, piattaforme, network e centri di produzione internazionale;

3) presentare una serie di casi studio a livello internazionale considerabili come le esperienze più interessanti e innovative in tutti i campi della produzione artistica contemporanea.

4) lavorare sull’elaborazione critica e creativa dei concetti esposti e degli artisti analizzati, per ideare e progettare un lavoro artistico. È questa la parte laboratoriale e progettuale del workshop, dove i partecipanti verranno condotti all’ideazione e presentazione completa di un progetto artistico e/o creativo che, partendo dall’idea e dal concept all’interno di contesto produttivo e artistico internazionale, passi attraverso le fasi di sviluppo e sostenibilità, ricerca dei network e dei partner, cronogramma di azioni da svolgere e identificazione del budget, per giungere infine a un progetto completo in ogni sua parte da poter presentare a eventuali investitori privati, pubblici e a bandi.

Programma

Il workshop si sviluppa in 6 giornate per un totale di 28 ore, secondo la seguente scaletta:

– Introduzione al workshop e lezione frontale con Marco Mancuso

– Lezione frontale e discussione con Marco Mancuso

– Lezione frontale e discussione con Marco Mancuso

– Spiegazione del laboratorio, divisione in gruppi e inizio progettazione con Daniela Tozzi

– Secondo step progettazione e lezione con Daniela Tozzi e Marco Mancuso

– Fine progettazione e presentazione elaborati con Daniela Tozzi e Marco Mancuso