Donata Marletta

Un’interazione con i batteri: Intervista a Anna Dumitriu

Donata Marletta intervista l'artista inglese Anna Dimitriu, che esplora e mette in discussione il nostro rapporto con le malattie infettive, la biologia sintetica e la robotica. I suoi lavori sono stati presentati ed esposti nelle più importanti collezioni e musei del mondo e la sua mostra itinerante "BioArt and Bacteria" è visitabile fino al 24 Novembre presso la Esther Klein Gallery e il Science Center di Philadelphia negli Stati Uniti.... READ MORE...

Arte, resina epossidica e batteri. Intervista a Klari Reis

Klari Reis è conosciuta soprattutto per la sua serie Petri Dish, un insieme multicolore di macchie circolari create utilizzando una miscela di tecniche multimediali innovative. Il nucleo della metodologia di Klari si basa sulla trasformazione e la pigmentazione di una plastica resistente ai raggi UV, il polimero epossidico; il risultato è una serie di opere molto innovative.... READ MORE...

Curare l’HyperPavilion. Intervista con Philippe Riss-Schmidt

Parte della 57a Biennale di Venezia, l’HyperPavilion ha presentato una varietà di progetti site specific, in cui gli artisti hanno messo in discussione sia le conseguenze dell'avvento del digitale sia l’attuale processo di fusione tra mondo fisico e mondo virtuale. Dopo la chiusura Donata Marletta ha intervistato il curatore Philippe Riss-Schmidt per parlare di questa esperienza.... READ MORE...

La realtà dei sogni. Intervista con Dominic Wilcox

Dominic Wilcox è l'emblema della persona che sfugge alle classificazioni: è un artista, un inventore, un progettista, un relatore e un uomo che reinventa la normalità trasformandola in qualcosa che non necessariamente ha uno scopo pratico. Le sue opere spaziano dalle macchine più strane ai dispositivi più efficienti.... READ MORE...

Christina McPhee, l’estetica politica della Natura

Christina McPhee with different media, spanning from video and digital technologies, to drawing, painting, and photography. Her works are stunning, intricate and abstract figures in which the artist combines both digital and traditional techniques in order to give a visual representation of her ideas, experiences, and her strong engagement with nature and its processes of creation and destruction.... READ MORE...

Bill Vorn. Immerso in un mondo di robot, metafore e paradossi

Bill Vorn è un artista e accademico Canadese con sede a Montréal. Ha lavorato alla realizzazione di performance, installazioni interattive, colonne sonore sperimentali, montaggio del suono, creazione di componenti per film, video, e altri progetti artistici di vario tipo. Le sue opere sono state presentate in occasione d’importanti festival ed eventi internazionali di media art... READ MORE...

Kohei Nawa. Un artista Giapponese oltre gli stereotipi culturali

Nato nell’antica città di Kyoto (Giappone) nel 1975, Kohei Nawa ha studiato presso la Kyoto City University of Art. Nel 1998 si trasferisce a Londra. L'arte simbolica del Buddismo e lo Shintoismo Giapponese sono altre influenti fonti d’ispirazione per Nawa che caratterizzano molte delle sue idiosincratiche opere.... READ MORE...

L’Oriboticista. In conversazione con Matthew Gardiner

Matthew Gardiner è un artista e ricercatore australiano. Dal 2011 è Senior Research Lead al prestigioso Ars Electronica Futurelab. Gardiner ha ottenuto una laurea in Fine Art Photography presso il Victorian College of Arts. Sta svolgendo attualmente un dottorato di ricerca all'Università di Newcastle, Australia.... READ MORE...

L’aura della Natura. Un’intervista a Marie-Jeanne Musiol

L'artista e fotografa Marie-Jeanne Musiol, attraverso la fotografia elettromagnetica, registra l'aura che circonda i corpi biologici. I suoi ultimi lavori nel campo dell'elettrofotografia esplorano il significato dei campi magnetici come vettori di informazioni e metafora del cosmo sotto forma di corona luminosa delle piante... READ MORE...

Perte de Signal. Intervista con il direttore Sofian Audry

Perte de Signal, con sede a Montreal, è uno dei centri più creativi e dinamici nel supporto di artisti locali e internazionali impegnati nelle nuove tecnologie; ha a che fare con un’eclettica gamma di media e un’ampia varietà di approcci. Fra i membri di Perte de Signal si trovano artisti quali: Erin Sexton, Sofian Audry, Pavitra Wickramasinghe, Nicolas Bernier, Robin Dupuis e Maxime Damecour, giusto per citarne alcuni.... READ MORE...

Forme Organiche e Visioni Digitali. Un’intervista con Sougwen Chung

Un pomeriggio a Ginevra, durante l’ultima edizione del Mapping Festival (http://www.mappingfestival.com/2013/) ho avuto l’occasione di incontrare ed intervistare Sougwen Chung, artista multidisciplinare che durante il festival ha presentato la sua nuova installazione Chiaroscuro presso il Bâtiment d'art Contemporain (BAC).... READ MORE...

Mapping Festival. Un piccolo tesoro tra le Alpi Svizzere

La nona edizione del Mapping Festival si è svolta dal 2 al 12 Maggio in diversi luoghi della città di Ginevra (Svizzera). Sono stata invitata da Ana Ascencio, co-curatore del festival a seguire il week-end conclusivo di Mapping che quest’anno ha presentato un intero programma denso di performance audiovisive, installazioni, workshops, club nights, conferenze, tavole rotonde, e proiezioni video all’aperto.... READ MORE...

Le ultime produzioni di DjSpooky: The Imaginary App e la residenza The Met Reframed

Vari autori in passato si sono ampliamente occupati dei progetti artistici di Paul D. Miller aka DJ Spooky that Subliminal Kid, artista infaticabile i cui lavori hanno il “remix” come concetto centrale e principale forma di rappresentazione. Il seguente articolo traccia le ultime produzioni di Miller, in particolare la sua residency presso il prestigioso Metropolitan Museum of Art di New York ed un libro di prossima pubblicazione dedicato all’immensa produzione di apps per dispositivi mobili.... READ MORE...

Jonah Brucker-cohen: I New Media, Dal Web 2.0 Al Web 4.0

Jonah Brucker-Cohen  ricercatore, artista e scrittore che nonostante la sua giovane etˆ ha raggiunto un indiscutibile livello di notorietˆ e stima a livello internazionale nell'ambito dei new media e delle nuove tecnologie applicate all'arte. Ha recentemente ottenuto il PhD presso il Disruptive Design Team del Networking and Telecommunications Research Group (NTRG), al prestigioso Trinity College di Dublino. La sua tesi di dottorato si basa sul tema della decostruzione dei networks 'Deconstructing Networks' ed include progetti che tentano di sfidare e sovvertire a livello critico le percezioni consolidate riguardo l'interazione e il grado di coinvolgimento all'interno dei networks.... READ MORE...

Geert Lovink: La Cultura Delle Liste E L’arte Della Moderazione

Geert Lovink  uno dei personaggi pi autorevoli della net culture a livello mondiale. Critico e teorico, da anni attivo con testi e saggi nell'ambito dei nuovi media e della cultura di rete, tra i progetti pi recenti  giusto sottolineare in particolare la creazione, nel 2004, dell'Institute of Network Cultures ad Amsterdam, istituto che si occupa dell'analisi critica di Internet, con l'obiettivo di contribuire attivamente allo sviluppo ed alla divulgazione degli studi e i discorsi che ruotano intorno ai temi della rete, anche attraverso l'organizzazione di conferenze, pubblicazioni al fine di stimolare il dialogo e lo scambio online.... READ MORE...