Atelier Master of Interaction Design, Campus Trevano - Cannobbio
16 / 09 / 2013

Il nuovo spazio per il Master of Advanced Studies in Interaction Design e FanLab SUPSI Lugano sarà inaugurato lunedì 16 settembre, dalle 15.00 alle 18.00. Siete invitati a partecipare a questo evento, che celebra l’inizio di un nuovo ed entusiasmante anno accademico. 

Presentazioni

15.00 – 15.20 MAS in Interaction Design, Presentazione del programma – Massimo Botta (Coordinatore)

15.20 – 16.30 Lezione aperta“La carriera dell’interaction designer” Giorgio Olivero (design director, studio TODO)

Apertura

16.30 – 16.45 Luca Colombo, Direttore di Dipartimento

16.45 – 17.00 Incontro con Massimo Banzi (co-fondatore del progetto Arduino)

17.00 – 18.00 Rinfresco e visita al FabLab SUPSI

La nuova edizione del Maind ha inizio il 16 settembre 2013. Tutte le attività del programma saranno trasferite in uno spazio del Campus SUPSI a Trevano nuovo di zecca: un laboratorio in cui gli studenti potranno frequentare i corsi pratici e accedere ai macchinari del FabLab SUPSI Lugano così da poter sviluppare i propri progetti. Il Design e la creazione di prototipi non sono mai stati in così stretto contatto.

supsi2

Inoltre, un nuovo macchinario sarà presto spedito al laboratorio: una fresatrice Shopbot. La macchina permetterà agli studenti del Maind di lavorare con superfici più ampie e un vasto assortimento di materiali.

Il programma e gli orari sono pronti e nuovi insegnanti si sono uniti allo staff: Giorgio Olivero, design director presso il TODO interaction design studio, insegnerà come creare artefatti avanzati assieme a Massimo Banzi durante il secondo modulo CAS2.

Il Master of Advanced Studies in Interaction Design presenta inoltre l’infografica che descrive il proprio sistema formativo. A partire dall’anno accademico 2013-2014 verranno introdotte alcune modifiche: al momento il sistema è in fase di revisione in modo da migliorare l’equilibrio tra approccio pratico e aspetti metodologici e teorici delle discipline dell’interaction design. Ma, cosa c’è davvero di nuovo?

Le pratiche legate agli hardware open source, l’open design e la digital fabrication stanno influendo sul modo in cui gli oggetti vengono creati e prodotti. Hanno un impatto sul modo in cui è generata l’innovazione e sui processi di design in via di sviluppo, dei quali i futuri interaction designer devono decisamente essere a conoscenza.

maind2

Essendo cosciente dell’importante contributo e dell’impatto rivoluzionario della cultura open source sul nostro lavoro quotidiano come interaction designers, il programma del Master integrerà il livello di “Share” nel proprio sistema nel 2013-2014 (vedere infografica). Agli studenti verrà chiesto di rendere i propri progetti accessibili, rilasciando le specifiche e i file dei prototipi sotto licenze Creative Common. La fase di documentazione del progetto è un processo guidato che punta ad alimentare il futuro ecosistema dell’open design.

Al fine di supportare lo spostamento del sistema verso l’apertura, il Master introdurrà una nuova tipologia di corsi collegati all’Open Design.

 


 

http://www.maind.supsi.ch/