La Casa Encendida - Madrid
07 / 10 / 2021 - 09 / 01 / 2022

YOU GOT TO GET IN TO GET OUT: El continuo sonoro que nunca se acaba [Il Continuum Sonoro Infinito] è un’indagine curatoriale da e verso la cultura techno e il dancefloor, condotta da Sonia Fernández Pan e Carolina Jiménez su invito de La Casa Encendida. Questo progetto a lungo termine include una mostra, esibizioni, workshop, un volume collettivo con vari saggi critici, podcast radiofonici mensili, un ciclo di film e sessioni di musica dal vivo. Inteso come punto di incontro tra la cultura techno e l’arte, al di là delle diverse rappresentazioni del dancefloor o del club, il progetto si concentra sulla qualità esperienziale e materiale sia del dancefloor che delle pratiche artistiche. Evidenzia quindi il valore dell’apprendimento situato acquisito attraverso l’esperienza diretta, l’ascolto, la dimensione sensoriale e le diverse storie che convergono in una cultura che è anche parte dei problemi sociali di oggi, così come delle storie passate, presenti e future di lotta e resistenza.

La mostra si affida alla sinestesia e alla gestualità soggettiva – elementi fondamentali del dancefloor – per collegare opere di artisti diversi, evitando deliberatamente una narrazione omogeneizzante e storica per dare spazio ad altre prospettive su un “corpo di corpi” le cui radici sono state gradualmente diluite dalle ibridazioni successive all’interno della globalizzazione sonora della musica techno. La crescente virtualità delle comunità, la natura organica e vitale dell’architettura dei club, il flusso di oggetti da una sottocultura all’altra, la persistenza del modello, la perdita delle origini di un suono dalle infinite forme ibride, la storia coloniale transatlantica nella musica techno, l’afrofuturismo, l’importanza animistica della luce, la condizione spettrale delle voci nella musica house, la danza come spazio di espressione e legami sociali, e la costruzione di nuovi futuri resistenti e resilienti sono solo alcuni degli elementi che la mostra remixa e sovrappone nei diversi spazi de La Casa Encendida.

YOU GOT TO GET IN TO GET OUT, aperta dal 7 ottobre 2021 al 9 gennaio 2022, è uno sforzo collettivo che ha richiesto più di due anni di lavoro. Ora, quando le piste da ballo e i club stanno riaprendo dopo lunghi mesi di chiusura forzata, aggiunge un nuovo capitolo alla complicata ma entusiasmante biografia della techno, un termine che è stato travolto dalle sue stesse pratiche sociali, ibridazioni sonore ed esperienze estetiche. Il progetto si presenta come un mix di opere e artisti volutamente frammentato ma intuitivamente interconnesso, in cui è possibile entrare e uscire dalla techno senza lasciare il continuum sonoro che permea la membrana del club, grazie a John Akomfrah, Sergi Botella, Lucía C. Pino, Tony Cokes, Lou Drago, Cyprien Gaillard, Paula García-Masedo, Frédéric Gies, Rubén Grilo, Ania Nowak, Michele Rizzo e Alona Rodeh.

Come spiegano le curatrici della mostra, Carolina Jiménez e Sonia Fernández Pan: “Il progetto è nato grazie alle nostre esperienze personali sugli innumerevoli dancefloor attraverso la musica techno e le varie conoscenze acquisite nei continui viaggi e remix”.

Carolina Jiménez è una curatrice con una predilezione per i ruoli ibridi che esplorano le intersezioni di ricerca, programmazione, scrittura e sviluppo di mostre e progetti, alcuni istituzionali e altri più o meno indipendenti. Attualmente vive a Barcellona.

Sonia Fernández Pan è una curatrice (in)dipendente, scrittrice, ricercatrice, produttrice di podcast e uno dei tanti corpi anonimi sul dancefloor per quasi due decenni. Attualmente vive a Berlino.

Il titolo del progetto mette insieme due frasi che le curatrici hanno preso in prestito dal passato. YOU GOT TO GET IN TO GET OUT era lo slogan ritmico del famoso carro del club Tresor alla Love Parade di Berlino del 1991, un veicolo che aveva un dancefloor nel mezzo. El continuo sonoro que nunca se acaba [Il Continuum Sonoro Infinito] è una versione modificata della frase coniata da Miguel Ángel del Ser, alias Psicolabio, durante il suo programma radiofonico mensile alla Svala Radio di Madrid.

“Durante la sua storia ventennale, La Casa Encendida ha fatto della musica elettronica una pietra miliare dei suoi programmi, difendendone l’importanza, testimoniandone l’evoluzione e offrendo una diversa interpretazione dei club”, ricorda Lucía Casani, direttrice de La Casa Encendida. “In questi anni, la musica elettronica si è ritagliata uno spazio in termini di libertà e tolleranza che è stato poi il motore di un’intera generazione. I programmi lo hanno rispecchiato ospitando festival come Experimentaclub, Electrónica en abril e She Makes Noise, portando sul palco performer come Autreche, Alva Noto, Thomas Brinkmann e Caterina Barbieri, e agevolando gli sforzi curatoriali di Andrés Noarbe, José Luis Villalobos, José Manuel Costa, Abraham Rivera, Natalia Piñuel e molti altri”. Casani aggiunge: “Il rapporto de La Casa Encendida con la musica elettronica è un cerchio infinito, ma che ha raggiunto un nuovo picco questo autunno con la mostra YOU GOT TO GET IN TO GET OUT e il suo programma di attività parallele”.


https://www.lacasaencendida.es/en/exhibitions/you-got-get-get-out-continuo-sonoro-nunca-acaba-12548