Akademie der Künste – Berlino (Germania)
01/02/2023 – 05/02/2023

Il festival transmediale 2023 si svolge ad Akademie der Künste, Hanseatenweg, e per tutta la città dall’1 al 5 febbraio. Un modello, una mappa, una fantasia esplora come la scala riconfiguri le relazioni, la politica e gli affetti. Parallelamente al festival, transmediale presenta la mostra cittadina gratuita Out of Scale distribuita e inserita nelle reti e nelle infrastrutture di Berlino.

Dallo spazio al tempo, dall’intimo al geopolitico – la scala e le sue numerose manifestazioni tecnologiche sono da tempo mezzi di misurazione e organizzazione. Man mano che il machine learning e gli strumenti automatizzati diventano comuni, la taratura delle immagini e delle rappresentazioni fabbrica e fa circolare la realtà. Queste operazioni assemblano nuovi instabili arrangiamenti di relazioni, di politiche e di sentimenti, scalandoli in modo sfasato e lasciando molteplici rappresentazioni (anche errate) sulla superfice degli schermi. Poiché queste molte realtà fragili rischiano di degradarsi ulteriormente e collassare, quale ruolo può svolgere la scala nell’alterare ciò che viene mappato e misurato? Il festival transmediale 2023 esplorerà le politiche e le tattiche scalari in gioco, interrogandosi su come la strumentalizzazione e gli effetti della scala possano essere messi in discussione.

Il festival transmediale si apre con una serata di mostre, performance e musica, seguita da quattro giorni di dibattiti, interventi artistici, workshop e proiezioni di film. Il programma serale in collaborazione con CTM Festival offre quattro serate di musica, concerti e performance. I punti salienti sono due serate di performance e concerti con Amnesia Scanner con Freeka Tet e Jennifer Walshe con Jon Leidecker, e una Berghain Säule Night con bela, Dreamgirls (Clíona Ní Laoi e Michelle Doyle), Espectra Negra, Jana Woodstock, Tanat Teeradakorn e NúÚ P3A3, e Vieze Meisje.

Il programma completo della conferenza sarà trasmesso in livestreaming sul sito web di transmediale.

Una serie di interventi artistici sarà installata nell’edificio dell’Akademie der Künste durante i cinque giorni del festival. Le opere adottano approcci pratici e performativi per riflettere su nuove tattiche scalari. In mostra ci saranno anche le nuove commissioni dei residenti transmediali 2022 Antonia Hernández e Laura Cugusi, fantastic little splash (Lera Malchenko e Oleksandr Hants), Marc Lee e Nicole L’Huillier, oltre a lavori di Neil Beloufa, Evan Roth, Bahar Noorizadeh e Nina Davies.

Una mostra che presenta uno scambio collaborativo tra Alan Butler e Simone C Niquille interroga le implicazioni tecniche e sociopolitiche delle tecnologie di computer vision. In mostra dall’1 al 26 febbraio nella Halle 3 dell’Akademie der Künste, due nuove opere video sono presentate su uno schermo gigante di 10 metri: una simulazione di una situazione meteorologica estrema, ovvero una tempesta infinita è interrotta da un coniglio-anatra, protagonista di una serie televisiva animata, che racconta la sua storia di adolescenza queer. Quando questi mondi iniziano a collidere e a confondersi, le loro inquietanti rappresentazioni si separano dalle giunture.

Out of Scale: una mostra in tutta la città. 

Oltre al festival principale, transmediale presenta una mostra gratuita in tutta la città: Out of Scale. Distribuita e inserita tra eBay Kleinanzeigen, Tempelhofer Feld, il magazzino transmediale, gli Spätis (negozi locali) di Berlino e la U-Bahn, la mostra sfida l’immagine ottimizzata della città generata da processi algoritmici che scalano attraverso reti e piattaforme. Con le opere di più di venti artisti internazionali e berlinesi, gli interventi sconvolgono il nostro affidamento scontato sull’organizzazione tecnologica della città, generando nuove prospettive attraverso indagini sulla rovina ambientale, sulla politica di bio-sorveglianza, sulla resistenza anticoloniale e sulle identità non umane.


https://2023.transmediale.de/