KIOSK – Ghent, Belgium
11 / 09 / 2021 – 28 / 11 / 2021

KIOSK presenta Making Kin 3.0: un’installazione fluida ed eco-utopistica, la prima mostra personale di Anne Duk Hee Jordan (n. 1978) ad avere luogo in Belgio. Nelle sue performance, installazioni, sculture motorizzate e paesaggi commestibili, Jordan esplora i crocevia di arte, scienza e mitologia. In modo umoristico introduce a un universo artistico ispirato alla vita marina, alla biologia, alla sessualità e procreazione, all’alimentazione ed all’ecologia. In tal modo crea romantiche macchine che replicano o trasformano i processi biologici e le reazioni chimiche tra organismi viventi e materiale inanimato. Il nome della mostra fa riferimento al libro della biologa e filosofa Donna Harway del 2016 intitolato Staying with the Trouble: Making Kin in the Chthulucne.

Scopri la mostra con un video report qui.

Ma i veri motori dell’evoluzione sono le competenze e la legge del più forte? Ci viene insegnato a guardare la Terra attraverso un’interpretazione neoliberista della teoria di Darwin, basata sulla selezione naturale. Eppure, numerosi scienziati si sono dimostrati dei liberi pensatori e abbastanza inventivi da opporsi a questa idea dominante. Vedono le simbiosi e le connessioni tra gli esseri come le forze motrici dell’evoluzione e di Gaia, terra e dea della natura.

Lynn Margulis e Donna J. Harway sono due scienziate affermate, filosofe e attiviste che hanno condotto e pubblicato studi innovativi sull’importanza, rispettivamente, della simbiosi e del “making kin”. La realizzazione delle loro teorie su come potremmo relazionarci reciprocamente avrebbe enormi ripercussioni sulla nostra economia ed organizzazione politica.

Cosa accadrebbe se smettessimo di vederci come individui o sfidanti e iniziassimo a vederci come alleati? E se funzionassimo come organismi che riescono a sopravvivere solo se uniti fra loro? Cosa succederebbe se iniziassimo a considerare Gaia, la terra, come un grande polmone attivo che tiene tutto in vita? L’inquinamento globale, l’estinzione di specie animali e vegetali e la crisi climatica assumerebbero le stesse proporzioni? La colonizzazione, ossia il dominio di alcuni individui su altri organismi viventi quali persone, animali o piante, raggiungerebbe livelli così distruttivi?

L’artista tedesco-coreana Anne Duk Hee Jordan vive di simbiosi. La sua opera, Atmospheres of Breathing, esposta nel teatro anatomico di KIOSK, affronta esattamente questo: chi ha il diritto di respirare nel nostro pianeta, e come possiamo immaginare un modo più simbiotico di respirare e di essere? “L’unica certezza è che noi viviamo e respiriamo cambiando di continuo, essendo soggetti ad uno stato di flusso costante,” afferma Duk Hee.

Anne Duk Hee Jordan si immerge profondamente nelle radici delle nostre anime e ci incoraggia a vedere la realtà in maniera differente, a usare la nostra immaginazione e i nostri sensi per vedere gli organismi viventi come parte di noi stessi. “Make kin, afferma: create un legame con gli esseri intorno a voi e respirate con loro.


 https://kiosk.art/making-kin-3-0