arebyte Gallery - London
27 / 05 / 2022 – 20 / 08 / 2022

arebyte Gallery presenta The Evolution of Ent-: QX, una mostra dell’artista e studiosa di fisica quantistica britannica Libby Heaney, la prima esperienza immersiva che sfrutta il quantum computing sia come mezzo sia come soggetto.

Commissionata dalla fondazione LAS (Light Art Space) e presentata per la prima volta alla Schering Stiftung di Berlino, dal 10 febbraio al 1° maggio 2022, la proiezione a 360° Ent- accompagna il pubblico attraverso tre strati terrestri di esperimenti quantistici con forme di vita ibride quantistiche e mondi liquidi pulsanti popolati da creature fantastiche che sfrecciano dentro e fuori dalle dimensioni. The Evolution of Ent-: QX di Libby Heaney approfondisce l’opera immersiva dell’Ent- in cui l’artista ha sperimentato il codice quantistico da lei stessa scritto per manipolare e animare i propri dipinti, con un riferimento al pannello centrale del celebre trittico di Hieronymus Bosch Il giardino delle delizie (ca. 1490–1510) per creare organismi ibridi, paesaggi vivi e strutture che esplodono. Per arebyte Gallery i confini della retorica che circondano il quantum computing vengono espansi attraverso l’attenzione critica prestata al modo in cui la tecnologia e le arti comunicano i progressi fatti in questo ambito. La nuova presentazione dell’Ent- dà impulso alla retorica inerente all’uso delle tecnologie quantistiche e tutto ciò che comprende a favore di uno spazio di indagine e parodia più critico.

Nell’adottare il linguaggio iperbolico che caratterizza i lanci di prodotti Big Tech, lo spettatore si ritrova all’interno di quella che sembra una sala d’attesa degli uffici di QX, la pseudo-azienda di quantum computing applicato che Heaney ha inventato per sovvertire i significati soppiantati sulle tecnologie quantistiche dai poteri aziendali con i massimi guadagni della crescita capitalista e del potere monopolizzato. La Quantum eXperience e l’effetto instagrammabile che questa opera potrebbe produrre mostrano il potere di tali spettacoli all’interno delle aziende tecnologiche. Qui Heaney fa una parodia di come Big Tech sfrutti l’esperienza immersiva come dispositivo capitalista per vendere software, nonché l’applicazione di parametri esagerati, linguaggio arricchito e immagini accattivanti. Heaney prende di mira la natura seducente dell’esperienza immersiva per favorire lo scambio tra persone, promuovendo l’immersione e la condivisione da parte dello spettatore con il pretesto di fare pubblicità.

L’opera in questione è di proprietà e al servizio della Big Tech e del profitto, il che esclude una via speculativa per visioni sperimentali e ipotetiche per il futuro. Tuttavia, il quantum discusso nella mostra è alla ricerca di un potenziale più a doppio taglio che trasformi l’informatica quantistica in una via radicale per valorizzare pluralità mutaforma e forti intrecci che prendano le distanze dal profitto, dal consumatore e dal potere. Si prevede che l’ascesa del quantum computing accelererà il capitalismo della sorveglianza e rivoluzionerà i metodi di crittografia esistenti su cui si fa affidamento per la privacy e la protezione dei dati. Nell’opera di Heaney ci viene chiesto di riflettere su come la spinta verso il soluzionismo e il profitto che stanno al centro dei nuovi sviluppi tecnologici vieti alternative che vanno contro le attuali modalità di capitalismo della sorveglianza e del controllo.

I due filmati presentati prima di addentrarsi nell’Ent- mostrano i metodi con cui le aziende tecnologiche parlano del loro utilizzo dell’informatica quantistica per risolvere i problemi. Le immagini raffiguranti computer quantistici renderizzati si mescolano a slogan ripetitivi ed esagerati, per lo più presi dalle stesse aziende tecnologiche, stili che pongono profitto e statistiche al di sopra di ogni altra cosa. Nel frattempo, all’esterno della Black Box, esseri rivoltanti quantistici non umani stanno distruggendo i piani di QX, dirottando le dimensioni quantistiche superconduttrici per inserire l’entropia – una pluralità di alternative possibili – nella ricerca accuratamente elaborata da QX. I visitatori vengono inghiottiti dalle braccia tentacolari delle poltrone realizzate in collaborazione con Rosie Gibbens mentre guardano l’ultimo filmato, una fine sarcastica delle critiche alla big tech e ai progressi tecnologici. 

In questa surreale storia di fantascienza, vediamo i pericoli di ciò che accade quando i futuri quantum computer vengono combinati con le tecniche di distrazione già utilizzate nelle attuali piattaforme di social media guidate dall’intelligenza artificiale e nelle esperienze immersive aziendali instagrammabili. Contrariamente al modo in cui viene contestualizzato il quantum, la fisica che sta alla base dell’informatica quantistica si presenta più fluida e scorrevole: le particelle quantistiche si comportano come sostanze viscide attraverso le loro proprietà ondulatorie e particellari: si confondono, si trasformano, si sciolgono, si rapprendono e si spostano, suggerendo che i quantum computer potrebbero invece essere utilizzati per allontanarsi dal binario verso un paesaggio plurale e mutevole di interconnessioni profonde, in cui la nozione stessa di individuo diventa addirittura irrilevante. In questo paesaggio plurale alternativo, le esperienze artistiche immersive potrebbero invece essere usate per condurre il pubblico in questi nuovi territori e allontanarlo dallo spettacolo superficiale e immediato in cui la forma sostituisce il contenuto. 

Il nuovo linguaggio visivo creato da Ent- fornisce un punto di partenza per alternative future al modo in cui pensiamo, parliamo e agiamo su questioni politiche, sociali e ambientali. L’idea che qualcosa si trovi in più stati allo stesso tempo – la sovrapposizione quantistica – potrebbe essere un altro modo per ripensare il genere, ad esempio, o come metafora per immaginare nuovamente le relazioni gerarchiche all’interno delle istituzioni o dei governi. Il modo in cui l’entanglement quantistico – un fenomeno in cui le entità mostrano forti correlazioni che non possono essere spiegate dalla fisica classica – potrebbe essere unito allo stato intrecciato che si trova all’interno di tutta la materia, lascia le aree del futuro, della responsabilità e della parentela (tra le altre) aperte a nuove interpretazioni.

In qualunque modo il campo quantistico venga esplorato ed estrapolato in The Evolution of Ent-: QX, per Heaney l’importanza sta nel sovvertire “le infinite categorizzazioni e il controllo degli esseri umani e non umani” per fornire nuove attività reali e tangibili che resistano all’alienazione causata dalla ricerca di profitti infiniti.