ifa (Institut für Auslandsbeziehungen) – Stuttgart, Germany

Dreaming Beyond AI è un progetto multidisciplinare e collaborativo creato in rete che unisce artisti, ricercatori, attivisti e politici per la creazione di nuove narrative e visioni relative alle tecnologie AI. L’obiettivo del progetto è quello di far comprendere l’impatto delle tecnologie AI sull’ingiustizia e di mettere in dubbio le narrative dell’AI tradizionali e le visioni del futuro che sono state imposte. Ideato e curato da Nushin Yazdani e Raziye Buse Çetin, il progetto è stato realizzato in cooperazione con IFA (Institut für Auslandsbeziehungen).

Dreaming Beyond AI funge da contenitore per (ri)definire il nostro presente ed eventuale futuro tecnologico attraverso le voci di artisti e attivisti marginali. La prima fase del progetto comprende una vasta gamma di contributi tra i quali articoli, musica, opere d’arte create con l’AI e altre opere digitali di artisti, ricercatori e attivisti inclusi Tabita Rezaire, Neema Githere e Petja Ivanova, Sarah Chander, Seeta Peña Gangadharan, Alla Popp, Lucas LaRochelle, Adriaan Odendaal, Charlie, Elif Sansoy e Max Ardito, Idil Galip, Jilian Zhong, Joycelyn Longdon, Vanessa Opoku, Karla Zavala Barreda, Dr. Nakeema Stefflbauer, Nushin Yazdani, Ulla Heinrich, Zas Ieluhee, Tadleeh, Moisés Horta, Naya, Omnia Elbasheer e altri.

Dreaming Beyond AI è un esperimento dinamico e relazionale. Progettato e programmato da Iyo Bisseck, la piattaforma web offre un modo alternativo di sperimentare varie forme di conoscenza critica e creatività. I temi e gli argomenti trattati all’interno dei diversi contributi comprendono: Violenza dell’AI, Intelligenza, Visione e Sentimento Artificiali, Modelli, Rifiuto, Pianeta Terra e Ultrastruttura, AI e Connettività e Vibrazioni di Presente e Futuro. Questi temi mirano ad abbattere i luoghi comuni e le basi errate dell’AI, quali tecnologia, impresa, disciplina scientifica e ideologia, in modo da forgiare nuovi percorsi femministi, decoloniali, di supporto per la libertà sia individuale sia collettiva e al contempo in difesa della terra. Dreaming Beyond AI è ideato come un progetto iterativo che tratterà nuovi temi e riceverà nuovi contributi in ogni sessione.

Il lancio digitale si terrà a luglio 2022 come parte della mostra tenderness intelligences (B-LA). Questo evento include: la dichiarazione curatoriale, il video della prova generale della piattaforma web, l’incontro con i collaboratori e i discorsi illuminanti con Sarah Chander, la quale contesta la tecnologia dannosa e il bisogno di sognare oltre; con Neema Githere e Petja Ivanova sulle tecnologie del micelio e sull’interrogare le narrative dell’intelligenza; e con Alla Popp sulle visioni delle AI per le femministe omossessuali. Si concluderà con un workshop collettivo per la creazione del programma per la residenza artistica di Dreaming Beyond AI 2023.


https://dreamingbeyond.ai/en/f/about