Articoli

“Species and Beyond”: rovesciare la visione antropocentrica al KIKK festival 2018

Partito come un festival nazionale – pur essendo già internazionale a livello di curatela – KIKK si è evoluto in un evento di risonanza sempre maggiore. Anno dopo anno è diventato sempre più strutturato configurandosi come un ambiente aperto e collaborativo che cerca di anticipare le sfide future con un approccio interdisciplinare. Passando per Next Utopia, Invisible Narratives e Interferences, il festival è approdato alla sua 8a edizione intitolata Species and Beyond segnando uno scarto con la tradizionale visione antropocentrica del mondo.... READ MORE...

Club to Club 2018 condicio sine qua non della ricerca musicale e artistica internazionale

Secondo Caterina Tomeo la diciottesima edizione di Club to Club è stata davvero fiammante, con un numero sorprendente di visitatori - quasi 60.000 - provenienti da 42 paesi diversi: il 75% dall’Italia e il 25% dal resto dell’Europa. Il festival torinese - grazie alla guida del suo padre fondatore - ha raggiunto la maturità a livello internazionale, non a caso dedicando questa ultima edizione alla poesia, quella stessa poesia e spiritualità che nel vecchio secolo pittori astratti come Wassilj Kandinskij ricercavano nel linguaggio musicale di compositori quali Arnold Schönberg.... READ MORE...

Computer poems. Dall’archeologia al source code poetry

Scopo di questo breve excursus di Francesco Aprile è indagare le dinamiche di quella pratica ascrivibile sotto il nome di source code poetry, passando anche in rassegna una serie di eventi che, pur non rappresentando tale esperienza, contribuiscono a rendere sempre più contigua l’operazione autoriale all’uso del computer.... READ MORE...

Digital Demagogue. Authoritarian Capitalism in the Age of Trump and Twitter

Nel suo ultimo lavoro, Digital Demagogue. Authoritarian Capitalism in the Age of Trump and Twitter, pubblicato da Pluto Press, Christian Fuchs - critico teorico della comunicazione e della società e Professore alla University of Westminster - propone un’eccellente analisi critica sull’attuale presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, sulla sua social media strategy e sul progresso dell’autoritarismo di destra nell’era dei social network.... READ MORE...

Un’interazione con i batteri: Intervista a Anna Dumitriu

Donata Marletta intervista l'artista inglese Anna Dimitriu, che esplora e mette in discussione il nostro rapporto con le malattie infettive, la biologia sintetica e la robotica. I suoi lavori sono stati presentati ed esposti nelle più importanti collezioni e musei del mondo e la sua mostra itinerante "BioArt and Bacteria" è visitabile fino al 24 Novembre presso la Esther Klein Gallery e il Science Center di Philadelphia negli Stati Uniti.... READ MORE...

Make Data Small Again. Intervista con Gianluca Monaco

Partendo dal suo background in graphic design e comunicazione visiva, il lavoro di Gianluca Monaco si è sviluppato sempre più nella sfera del digitale, tra interaction design e front-end development. Nel 2018 l'artista ha partecipato alla mostra New Imaginaries for Crypto Design, metaphors and new images of the Deep Web al NeMe Arts Center di Limassol (Cipro). L’intervista è nata come scambio d’idee e considerazioni.... READ MORE...

The Numerical Self: un passo nella moda futuristica di Flora Miranda

L'auto-ottimizzazione e il self-tracking sono in voga da tempo; come ha notato Deborah Lupton, il movimento del Quantified Self non è solo una pratica di auto-miglioramento, ma anche un'estensione della memoria in forma computerizzata. Flora Miranda traduce i dati e l'intera idea di un corpo immateriale in abiti in stampa 3D, proiettandoci nel futuro attraverso la moda e considerando l'idea di diventare eterni online.... READ MORE...

Prigioni mediate. Intervista con Zach Blas

Zach Blas in dialogo con Filippo Lorenzin parla dell'influenza della politica e delle norme sociali sullo sviluppo e la produzione della tecnologia, del significato politico dell'identità queer e di come può essere veicolata dalle tecnologie, della decostruzione dell'identità, di astrazioni corporee e della sua attuale attività di docente alla Goldsmiths University.... READ MORE...

Il punctum come glitch nell’arte contemporanea: l’arte di Rosa Menkman

In un mondo sempre più tecnologico, i glitch e i crash risultati da errori fanno ormai parte della nostra cultura. Si tratta di un fenomeno che può generare un senso di curiosità; lo stesso può dirsi della nozione di punctum nel pensiero di Roland Barthes. In questo articolo Claire Burke analizzerà come questo concetto può essere applicato oggi all'interno della cultura contemporanea e nel lavoro dell'artista Rosa Menkman... READ MORE...

Liminaria: transizioni sonore di narrazione nel meridione italiano

Liminaria, festival alla sua quinta edizione, sposa la ricerca artistica sul “suono”, o sound art, come strumento per l'indagine, la coesione e l'azione sociale, adottando il concetto di “limen” per indicare quella zona di confine labile, laddove avviene l'attraversamento, la “transizione” di uomini e donne, di storie, di leggi della natura incontaminate, poi capovolte.... READ MORE...

Nan Hoover Catalogue Raisonné, Volume 1

L'artista Nan Hoover, nota a livello internazionale per il suo lavoro pionieristico con il video, la luce e il tempo, è scomparsa a Berlino nel 2008. In sua memoria, la Fondazione Nan Hoover ha pubblicato il Nan Hoover Catalogue Raisonné come risorsa online. L'interesse di Kathy Rae Huffman per questo volume deriva dalle sue ricerche personali sull'e-publishing e dai suoi ricordi di Nan Hoover come amica.... READ MORE...

“Dove sono le donne?”. Intervista con Kathy Rae Huffman e Valie Djordjevic

FACES è una mailing list per artiste e professioniste che lavorano nel campo dei media e della tecnologia. Fondata nel 1997 con l’intenzione di dare spazio e visibilità alle donne che lavorano nel mondo del digitale, è diventata un network importante, che da vent’anni permette alle donne di connettersi, fare rete, condividere e discutere all’interno di uno spazio pensato per loro. Ecco cosa ci hanno raccontato due delle fondatrici, Kathy Rae Huffman e Valie Djordjevic.... READ MORE...

Cyfest 2018: la quiete dopo la tempesta

Dal 22 giugno al 1 luglio la Reggia di Caserta ha ospitato la tappa finale dell'undicesima edizione del CYFEST, il festival di New Media Art che si svolge ogni anno presso il museo statale dell'Ermitage a San Pietroburgo. Curata da Anna Frants, Isabella Indolfi e Elena Gubanova, la manifestazione ha promosso l'emergere di nuove forme d'arte e l'interazione tra arte e tecnologia, in uno scambio tra Russia e Italia.... READ MORE...

“J3RR1”: l’empatia nei confronti della macchina. Intervista a NONE collective

NONE collective - gruppo artistico romano che si muove al confine tra arte, design e ricerca tecnologica - in conversazione con Marco Mancuso ci racconta il suo nuovo lavoro J3RR1. Tortura programmata: un computer programmato per effettuare uno stress test costante, che utilizza la tecnologia per riflettere sulla condizione quotidiana degli esseri umani in una visione non antropocentrica.... READ MORE...

Arte, resina epossidica e batteri. Intervista a Klari Reis

Klari Reis è conosciuta soprattutto per la sua serie Petri Dish, un insieme multicolore di macchie circolari create utilizzando una miscela di tecniche multimediali innovative. Il nucleo della metodologia di Klari si basa sulla trasformazione e la pigmentazione di una plastica resistente ai raggi UV, il polimero epossidico; il risultato è una serie di opere molto innovative.... READ MORE...

L’innovazione è inclusiva. In conversazione con Corey Timpson

Corey Timpson, ospite di Meet the Media Guru alla Triennale di Milano il 16 Maggio 2018, ha dato un’intensa lezione su parole chiave quali innovazione culturale e inclusive design. Abbiamo chiesto a Timpson cosa significa esattamente innovazione culturale, cosa significa essere inclusivi per un’istituzione, anche una molto piccola, e che cosa si intende per “storytelling responsibility”.... READ MORE...

“Seen”: davvero non c’è “niente da vedere”?

Citando le parole di Fred Richtin potremmo dire che “siamo entrati nell’era della sorveglianza e l’era della sorveglianza è entrata in noi." Su questo tema si focalizza "Seen", mostra in corso fino al 1 luglio nella galleria Wei-Ling Contemporary di Kuala Lumpur, che identifica il panorama della sorveglianza contemporanea come zona grigia e inafferrabile cercando di elaborare strategie di resistenza.... READ MORE...

Continuando a usare il sito, accetti l'utilizzo dei cookie tecnici presenti. Leggi la nostra privacy policy cookies policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close