La Raffinerie -
 Brussels
19 / 04 / 2018 – 26 / 05 / 2018

#LAYERS_Contemporary Art in the Digital Era è il secondo evento di REFRESH, un progetto d’indagine e aggiornamento in progress sull’arte contemporanea italiana che ha l’intento di confrontarsi con i temi, i linguaggi, le forme emerse nel corso della svolta digitale che ha connotato gli ultimi vent’anni.

REFRESH 02 – #LAYERS_Contemporary Art in the Digital Era è una mostra curata da Fabio Paris e organizzata in collaborazione con iMAL, storica istituzione belga che da sempre supporta le ricerche artistiche e pratiche creative incentrate sull’uso della tecnologia contemporanea.

La mostra presenta le opere di 15 artisti italiani, ponendosi l’obiettivo da una parte di indagare l’arte recente del nostro Paese che si sia confrontata con i temi e i linguaggi del digitale, con una particolare attenzione alle relazioni e alla distribuzione geografica degli artisti; dall’altra di soddisfare l’intento di presentare queste ricerche a un pubblico internazionale.

Il titolo fa riferimento ai vari modi in cui la complessità del digitale si manifesta nei lavori presentati in mostra: la distinzione tra codice e interfaccia nell’arte generativa e nella glitch art; i livelli di un’immagine digitale; la stratificazione di tempi diversi negli archivi della memoria digitale; la distinzione tra pubblico e privato, materiale e immateriale, visibile e invisibile.

La mostra è accompagnata da un catalogo bilingue prodotto da Link Editions. Venerdì 20 aprile si terrà inoltre un dibattito pubblico dal titolo “Ways beyond the post-Internet”, organizzato nel contesto della fiera Art Brussels con la partecipazione di: Yves Bernard, Peter Beyls, Josephine Bosma, Constant Dullaart, Valérie Hasson-Benillouche, Hampus Lindwall, Fabio Paris, Domenico Quaranta, Carlo Zanni.

Artisti in mostra: Marco Cadioli, Alessandro Capozzo, Pier Giorgio De Pinto, Luca Grillo, IOCOSE, Kamilia Kard, Eva & Franco Mattes, Marco Mendeni, Martina Menegon, Filippo Minelli, Simone Monsi, Alice Palamenghi, Guido Segni, Emilio Vavarella, Carlo Zanni


http://imal.org/exhibition/layers