Berlinische Galerie, Landesmuseum für Moderne Kunst, Fotografie und Architektur, Berlin
09 / 09 / 2020 – 05 / 04 / 2020

Marc Bauer (*1975 Ginevra, Svizzera) ha ottenuto il GASAG Art Prize 2020. Attraverso il disegno affronta questioni come la migrazione, l’identità e il genere, una critica dei nuovi media, e le correlazioni tra religione e violenza. Con base a Zurigo e a Berlino, l’artista conduce dettagliate ricerche prima di creare le sue installazioni a misura di stanza che consistono in opere su carta, disegni su muro, animazioni e suoni.

Le nuove creazioni risultanti combinano suggestivamente eventi storici ed elementi di fantasia. Per la sua mostra The Blow-Up Regime alla Berlinische Galerie, Marc Bauer ha scavato nella storia di Internet. Abbozza il ritratto di una società che sta affrontando una fase di trasformazione per via della digitalizzazione e del sempre più veloce progresso tecnologico.

Per The Blow-Up Regime Marc Bauer ha proposto una visione multimediale integrata per la prima grande esposizione nella Berlinische Galerie. La mostra è l’interazione di enormi disegni a muro a tutta altezza completati da un paesaggio sonoro, disegni su carta affissi alla parete con puntine in acciaio e disegni digitalizzati su carta elettronica, esposti liberamente nella sala.

Il progetto è partito da una vasta ricerca sulla storia di Internet dai primi computer fino ad oggi. Il tema centrale è stato come l’onnipresenza della digitalizzazione abbia influenzato le nostre percezioni della realtà, l’individuo e la società. Marc Bauer ha tratto il titolo “The Blow-Up Regime” da una teoria matematica sulla singolarità.

Nel perseguire la sua opera, Marc Bauer ha collaborato con partner di ambiti diversi, come il musicista Thomas Kuratli, che ha composto il suono, e la scrittrice svizzero-tedesca Sibylle Berg. Nella mostra Marc Bauer fa vari riferimenti al suo romanzo GRM Brainfuck, pubblicato nel 2019, sia includendo nei disegni citazioni dal libro sia traendo ispirazione per i motivi dalle ambientazioni della trama. L’artista ha cominciato il suo intenso scambio con Sibylle Berg durante la fase preparatoria. Hanno discusso su come la scrittrice si approccia alla sua opera, ma anche sugli attuali sviluppi sociali determinati dalla pandemia di Covid-19 e su come questi si colleghino ai temi del romanzo e della mostra.

Il loro dialogo è riprodotto nel catalogo. Per la pubblicazione Marc Bauer ha anche consultato il pioniere di Internet Alan Emtage, ancora studente quando ha ideato il primo motore di ricerca in Internet (chiamato “Archie”) nel 1990, e l’informatico Luca Maria Gambardella, direttore dell’IDSIA (Istituto Dalle Molle di Studi sull’Intelligenza Artificiale), un istituto di ricerca all’Università della Svizzera italiana dedicato all’intelligenza artificiale e alla robotica.

Il catalogo (tedesco/inglese) sarà pubblicato dalla Distanz-Verlag a fine ottobre. Documenta la mostra e contiene testi di Thomas Köhler e Guido Fassbender e interviste con Sibylle Berg, Alan Emtage e Luca Maria Gambardella.


berlinischegalerie.de