Many venues - Rotterdam
24 / 01 / 2018 - 04 / 02 / 2018

L’International Film Festival Rotterdam (IFFR) celebra da sempre le modalità con cui arte e cinema si incontrano. In molti anni di attività ha riunito mostre, performance e proiezioni di film e video d’artista sullo schermo cinematografico. Quest’anno, per la 47esima edizione del festival, le immagini in movimento degli artisti assumono un ruolo più centrale che mai.

L’edizione 2018 presenta 22 film nell’ambito dell’Ammodo Tiger Short Competition tra cui i nuovi lavori di Artur Żmijewski, Yto Barrada, Hiwa K, Zhou Tao, Korakrit Arunanondchai, Mel O’Callaghan, Maeve Brennan, Monira Al Qadiri, Adrian Paci, Maryam Tafakory, Nazlı Dinçel, Daniel Jacoby & Araki Yu, Tobias Zielony, Isabelle Tollenaere, Sara Cwynar, Rainer Kohlberger, Manuel Knapp e Heather Phillipson.

Tre vincitori saranno selezionati da una giuria a tre, formata dal regista cinese Ying Liang, dal graphic designer olandese Mieke Gerritzen e dal filmmaker keniota Jim Chuchu, fondatore di The Nest Collective.

Oggi, alla sua 13esima edizione, la competizione assume un ruolo centrale nell’ambito dell’IFFR Short Film, uno showcase unico di immagini in movimento e film di artisti sperimentali, riservato ad opere di durata inferiore ai 65 minuti, che si terrà durante il primo fine settimana del festival dal 25 al 29 gennaio.

Altri artisti presentati in questa sezione includono Jon Rafman, Sara Magenheimer, Rosa Barba, Jonna Kina, Prapat Jiwarangsan, Agnieszka Polska, Solveig Suess, Stephanie Comliang, Anna Jermolaewa e Wojciech Bąkowski. Laure Prouvost, Louis Henderson e Filipa César, anche loro con dei film in programma, terranno dei talk sulle loro opere.

Durante lo stesso fine settimana, l’IFFR Short Film presenta al WORM di Rotterdam un programma di quattro serate intitolato sound//vision, con live performance audiovisive di Collectif Nominoë, Britt Al-Busultan, Martha Colburn e altri, che spaziano dal cinema espanso in 16mm agli ambienti immersivi in 3D.

Film e video di tutte le durate sono rappresentati in molte sezioni del festival, tra cui i nuovi lavori di The Otolith Group, Jan Švankmajer, James Benning, John Clang, Zoe Beloff, Erik van Lieshout, Lawrence Lek, Wang Bing, Amar Kanwar, e Metahaven, il cui nuovo film concorre nell’Hivos Tiger Competition 2018, la competizione principale dell’IFFR.

L’IFFR collabora in partnership con diverse istituzioni artistiche con sede a Rotterdam tra cui Het Nieuwe Instituut, V2_, TENT e LP2, dove verranno ospitate installazioni durante il festival. All’LP2 verrà presentato Realism (2017) di Artur Żmijewski, un’opera che sfida la nostra concezione di disabilità. Come artist in focus l’artista sarà protagonista di una retrospettiva onnicomprensiva, proprio come l’artista cinese Zhou Tao.

L’opera multiscreen Journey to Russia (1989-2017) degli artisti italiani Yervant Gianikian e Angela Ricci Lucchi verrà proiettata al TENT e presentata insieme al programma tematico A History of Shadows. Una mostra all’LP2 sarà la colonna portante del programma tematico Curtain Call in cui verranno prese in esame le conseguenze delle nuove tecnologie e della nostra ossessione per il progresso, attraverso opere di Nikolaus Geyrhalter, Robbrecht & Daem Architects e Takahiro Kudo.

In collaborazione con Art Rotterdam, presso la stazione centrale di Rotterdam sarà installato uno stand cinematografico speciale per presentare Plot Point di Nicolas ProvostApichatpong Weerasethakul, con cui il festival ha una lunga relazione da quando ha sostenuto il suo film di debutto per mezzo dell’Hubert Bals Fund, presenterà il progetto unico intitolato SLEEPCINEMAHOTEL nella Staalzaal del WTC di Rotterdam.

Ambiente cinematografico sereno ed immersivo, dove è permesso addormentarsi, lo spazio funzionerà come una sorta di hotel temporaneo dove verranno costantemente proiettate immagini ipnagogiche. Apichatpong Weerasethakul è stato invitato insieme ad Alfredo Jaar a prendere parte al Frameworks, l’iniziativa dell’IFFR in cui ogni anno vengono invitati due famosi artisti visivi per proporre talenti emergenti ad una giuria incaricata di selezionare due vincitori del Grant Award, che riceveranno dei fondi per concludere un’opera audiovisiva su un singolo schermo.

Quest’anno sono stati selezionati Pathompon Tesprateep e Grada Kilomba e presenteranno al festival le loro opere complete. L’International Film Festival di Rotterdam (IFFR) è uno degli eventi culturali più importanti d’Olanda e uno dei più grandi festival cinematografici dedicati al pubblico, che offre una line-up di alta qualità di film e documentari, cortometraggi, mostre, performance, masterclass e conferenze.

L’IFFR sostiene attivamente i nuovi coraggiosi talenti della regia con numerose iniziative industriali, tra cui il mercato di co-produzione CineMart, e attraverso le nuove iniziative BoostNL e Propellor, l’Hubert Bals Fund e il Rotterdam Lab.


https://iffr.com/en