15 – 18 / 03 / 2018

A cura di Marco Mancuso


Nel 2018 ha preso il via la prima edizione della Milano Digital Week, iniziativa promossa dal Comune di Milano – Assessorato alla Trasformazione Digitale e Servizi Civici e realizzata da Cariplo Factory. Marco Mancuso è stato chiamato da Nicola Zanardi di Hublab per curare il progetto “Open House”, un programma di apertura al pubblico di alcuni tra più importanti studi di arte, design e fabbricazione digitale di Milano, che per un certo arco di tempo incontro il pubblico di interessati per illustrare le loro modalità di lavoro, i loro progetti, le tecnologie utilizzare e per avviare possibili collaborazioni.

Gli studi aperti che sono stati coinvolti: BePart, DotDotDot, Invernomuto, Limiteazero, Mammafotoframma, otolab, ParcodiYellowstone, Recipient.cc, Souldesigner, Standards, Studio Azzurro, Vectorealism, WeMake, Wood’d, Wood-Skin

Milano Digital Week è stata una quattro giorni a “porte aperte” con più di 300 appuntamenti in tutta la città dedicati alla produzione e diffusione di conoscenza e innovazione attraverso il digitale: università e centri di produzione del sapere, luoghi di formazione e ricerca, aziende e associazioni, istituzioni e startup, nuovi attori della manifattura urbana e tante altre realtà si racconteranno, aprendo le porte e mostrando il proprio know how ad addetti ai lavori, cittadini e studenti.

La Milano Digital Week è stata un’occasione per comprendere un mondo frammentato ma connesso fra le sue realtà, con dibattiti, mostre, seminari, eventi, performance, workshop, corsi di formazione, laboratori, per la prima volta riuniti in un unico palinsesto. Dai progetti in divenire ed esempi virtuosi di trasformazione digitale in atto nella città nei più diversi settori, con un approccio inclusivo e trasversale, l’innovazione digitale milanese è stata mappata e suddivisa in 14 cluster che hanno, però, tutti a che fare con la qualità della vita dei cittadini, con le loro attività, con il loro tempo libero, con le prospettive di futuro della città: salute, educazione, società, città, welfare, mobilità, market, business, sicurezza, software, manifattura, data, comunicazione e arti.