Quale è l’impatto delle tecnologie e delle scienze sull’arte, il design e la cultura contemporanea? Un libro che si pone come una complessa e articolata analisi in equilibrio tra la critica d’arte e il culture journalism, per descrivere scenari e ambiti di ricerca della New Media Art contemporanea.

 

L’epoca nella quale viviamo, caratterizzata da un’incessante evoluzione in termini culturali, estetici e morali del rapporto progresso-uomo-ambiente, suggerisce a ciascuno di noi una riflessione: quale è l’impatto delle tecnologie e delle scienze sull’arte, il design e la cultura contemporanea? Il libro “Arte, Tecnologia e Scienza. Le Art Industries e i nuovi paradigmi di produzione nella New Media Art contemporanea” si pone come una complessa e articolata analisi che, in equilibrio tra la critica d’arte e il culture journalism, descrive in maniera esaustiva gli scenari e gli ambiti di ricerca della New Media Art contemporanea.

Acquista il libro dall’editore

 

Questo libro assolutamente unico nel panorama editoriale italiano della critica d’arte, guida il lettore tra le pieghe di un contesto interdisciplinare che coinvolge il mondo delle autoproduzioni indipendenti, delle istituzioni, dei laboratori, delle industrie e che indaga il rapporto tra mercati ibridi a cavallo tra arte, design, architettura, suono, moda, performance, ricerca scientifica e innovazione tecnologica. Una trattazione che indaga attori e progetti del contemporaneo, arricchita da un gruppo di interviste a esperti del settore, per estrapolare esperienze ed evidenziare strategie e rendere condiviso un possibile modello economico innovativo per l’arte e la cultura.

Rassegna stampa e presentazioni

Mercoledì 5 Dicembre 2018
Adiacenze (Bologna)
Con Claudio Musso e Angel Moya Garcia

Mercoledì 12 Dicembre 2018
NABA (Milano)
Con Lorenza Pignatti e Gabriela Galati

Giovedì 10 Gennaio 2019
Libreria Verso (Milano)
Con Claudio Musso e Marco Enrico Giacomelli

Recensione e intervista su Nybramedia
A cura di Armando Adolgiso

Recensione e intervista su Artribune
A cura di Davide Dal Sasso

Recensione e intervista su Expoarte
A cura di Livia Savorelli

Recensione (speciale #1) su AD – Architectural Digest
A cura di Sonia S. Braga

Recensione (speciale #2) su AD – Architectural Digest
A cura di Sonia S. Braga

Intervista (speciale #3) su AD – Architectural Digest
A cura di Sonia S. Braga

More to come…


Dalla quarta di copertina: “Il termine New Media Art fa riferimento a un ambito artistico ampio e stratificato, strutturalmente contaminato con i più diversi settori della ricerca tecnologica e scientifica. Le pratiche artistiche che la caratterizzano non si rivolgono unicamente al contesto dell’arte contemporanea, ma anzi lo ibridizzano attraverso la sperimentazione in ambiti disciplinari non necessariamente attigui, creando nuovi territori in cui fare ricerca. La difficoltà principale quando si parla di New Media Art, pertanto, è riuscire a mettere a fuoco e comprendere questo tipo di complessità per tradurla in un lavoro coerente di narrazione, esposizione e divulgazione.”

Dalla postfazione di Bruce Sterling: “Il libro che avete in mano suggerisce una più profonda consapevolezza per la cultura digitale, per completare il suo processo di maturazione. Non secondo il classico approccio degli ultimi dieci anni, tipico di quelle “classi creative” che riqualificano a spazi culturali strutture industriali abbandonate. Quando Marco Mancuso parla di “art industries” e di “nuovo paradigma di produzione” si sposta ben oltre. Grazie all’esperienza accumulata in oltre dieci anni di direzione dell’osservatorio Digicult, egli descrive qualcosa che è un passo avanti, un’azione che va ben oltre l’esistenza contemporanea.”